Mercoledì 24 Luglio 2019 | 07:29

NEWS DALLA SEZIONE

La decisione
Scanzano Jonico, sindaco bandisce il 5G: «Aspettiamo studi certi»

Scanzano Jonico, sindaco bandisce il 5G: «Aspettiamo studi certi»

 
Il caso
Ambiente, sopralluogo assessore Basilicata su spiagge del Metapontino

Ambiente, sopralluogo assessore Basilicata su spiagge del Metapontino

 
Il convegno
Confindustria, Boccia a Matera: «Siamo la seconda manifattura d’Europa»

Confindustria, Boccia a Matera: «Siamo la seconda manifattura d’Europa»

 
Il progetto
Huwaei sbarca all'Università della Basilicata: in arrivo una sede Academy

Huawei sbarca all'Università della Basilicata: in arrivo una sede Academy

 
Heroes Pride
Matera si prepara al suo primo Pride tra attese e polemiche

Matera si prepara al suo primo Pride tra attese e polemiche

 
Nel Materano
Ricercato in Kazakistan, polizia lo arresta in vacanza a Policoro

Ricercato in Kazakistan, polizia lo arresta in vacanza a Policoro

 
dalla Polizia stradale
Sfruttava 5 albanesi irregolari come braccianti: denunciato 61enne nel Materano

Sfruttava 5 albanesi irregolari come braccianti: denunciato 61enne nel Materano

 
L'omicidio
Pastore nel Materano, killer condannato a 26 anni di carcere

Pastore ucciso nel Materano, killer condannato a 26 anni

 
Una coppia di 31enni
Matera, vendevano cocaina ed eroina ai tossici della città, compresi minorenni: 2 arresti

Matera, vendevano cocaina ed eroina ai tossicodipendenti della città, compresi minori: 2 arresti

 
I dati
Matera, boom di turisti già nel 2018

Matera, boom di turisti già nel 2018

 

Il Biancorosso

L'INTERVISTA
"Bari, campionato complicatoI tifosi faranno la differenza"

«Bari, campionato complicato. I tifosi faranno la differenza»

 

NEWS DALLE PROVINCE

HomeA Torre dell'Orso
Dieci persone intossicate in un villaggio del Salento: 3 di loro ricoverati in ospedale

Dieci intossicati in un villaggio del Salento: 3 di loro ricoverati in ospedale

 
GdM.TVL'evento in piazza
«Buon compleanno Emiliano»: la festa tra panzerotti e pizzica a Largo Albicocca

«Buon compleanno Emiliano»: la festa tra panzerotti e pizzica a Largo Albicocca

 
FoggiaIl caso
Manfredonia, pescatori in acque croate: in 4 trattenuti e rilasciati

Manfredonia, pescatori in acque croate: in 4 trattenuti e rilasciati

 
TarantoNel Tarantino
Avetrana, filma l'ex compagno che prepara la droga e lo fa arrestare

Avetrana, filma l'ex compagno che prepara la droga e lo fa arrestare

 
BrindisiNel Brindisino
Latiano, paziente clinica psichiatrica tenta suicidio: denunciati 4 operatori

Latiano, paziente clinica psichiatrica tenta suicidio: denunciati 4 operatori

 
PotenzaIn frazione Ciccolecchia
Avigliano, si stacca pala eolica: paura nel centro abitato

Avigliano, si stacca pala eolica: paura nel centro abitato

 
MateraLa decisione
Scanzano Jonico, sindaco bandisce il 5G: «Aspettiamo studi certi»

Scanzano Jonico, sindaco bandisce il 5G: «Aspettiamo studi certi»

 
BatL'impianto
Trani, le acque reflue presto utilizzate in agricoltura

Trani, le acque reflue presto utilizzate in agricoltura

 

i più letti

Adduce «santo» resuscita collega sindaco vincendo la jella di Colobraro

di FILIPPO MELE
Cosa non farebbe un sindaco pur di cogliere un risultato importantissimo per la sua città? Salvatore Adduce, nel paese una volta considerato della jella, tanto da non poterlo nominare, si è trasformato in “santo” ed ha compiuto un “miracolo” che riuscì solo a Gesù Cristo. Ha “resuscitato” l’ex sindaco di Policoro ed ex consigliere regionale, Antonio Di Sanza. Il tutto per sostenere la candidatura della città dei Sassi a capitale europea della cultura 2019
Adduce «santo» resuscita collega sindaco vincendo la jella di Colobraro
di FILIPPO MELE

Cosa non farebbe un sindaco pur di cogliere un risultato importantissimo per la sua città? Salvatore Adduce, nel paese una volta considerato della jella, tanto da non poterlo nominare, si è trasformato in “santo” ed ha compiuto un “miracolo” che riuscì solo a Gesù Cristo. Ha “resuscitato” l’ex sindaco di Policoro ed ex consigliere regionale, Antonio Di Sanza. Il tutto per sostenere la candidatura della città dei Sassi a capitale europea della cultura 2019. Il curioso siparietto si è svolto nella serata di venerdì scorso in quel luogo magico per questo genere di avvenimenti che è Colobraro. Per di più, a testimonianza della “verità”, ci sono i video e le foto scattate dal pubblico lì radunato per partecipare ai percorsi teatralizzati inventati nella cittadina della valle del Sinni e che vanno sotto il nome di “Sogno di una notte a quel... paese”.

Mai nessuno, però, aveva mai sognato di assistere a quello a cui ha assistito. Adduce, in piedistallo, vestito di rosso porpora, con tanto di aureola “d’ordinanza”, portato a spalle, sotto le luminarie, ha benedetto la folla col suo indice benedicente ed ha recitato le sue magiche preghiere per resuscitare il morto che aveva davanti. Morto steso e stecchito su una bara con tante prefiche che ne piangevano le lodi. “Sant'Adduce” ha dovuto sudare per compiere il “miracolo”.

Alla fine, però, le sue preghiere sono state ascoltate ed i suoi sforzi sono stati premiati. “Lazzaro - Di Sanza” ha ripreso a respirare fino ad alzarsi in piedi ed a riverire il suo salvatore. Il tutto per Matera capitale della cultura 2019. Il sindaco taumaturgo, dopo la “perfor mance”, si è detto sicuro del successo:

“Nessuno ci batterà. Possiamo anche non far più nulla per conquistare il risultato. Ci penserà la magia di Colobraro. Paese jellato? Macchè. A noi porterà tantissima fortuna. Pensate che a me avevano destinato il ruolo del morto. Ma la bara era troppo piccola per la mia stazza. Non ci vedete un segno divino? Da morto sono diventato santo. E da santo ho resuscitato il morto”.

Ed il “morto resuscitato” cosa ha detto? Di Sanza: “Non credevo a quel che mi è accaduto. “Sant'Adduce” è stato bravissimo. Solo che per portarlo a spalle al posto mio hanno dovuto raddoppiare i portantini. Si, è stato un vero miracolo”. Non tutti sanno, però, che Adduce qualche virtù divinatoria l’aveva già. Non per niente è nipote del compianto parroco di Ferrandina, Giovanni Grieco, condottiero delle lotte per il lavoro in Val Basento. E non per niente ha studiato nei gesuiti. Prima di farsi prete, però, lasciò il seminario. Nessuno avrebbe mai immaginato che potesse compiere il “miracolo di Colobraro”. Ma le arti magiche che ha appreso dal suo collega colobrarese Andrea Bernardo, gongolante per la ricaduta pubblicitaria dall’evento sul suo Comune, gli serviranno per salvare la sua Giunta ed a riunificare il suo partito? Insomma, gli riuscirà davvero il miracolo di Matera capitale della cultura 2019?

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie