Martedì 21 Settembre 2021 | 16:29

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

La storia

Scanzano Jonico: è un alunno autistico e a scuola non lo vogliono

La storia di Lorenzo, 14 anni, che non è autosufficiente. L'appello della mamma

autismo

Una storia di diritti negati. È quella di Lorenzo, un ragazzo di 14 anni che vive a Scanzano Jonico e frequenta la seconda media al Giovanni Paolo II di Policoro. Affetto da una grave forma di autismo, Lorenzo non è autosufficiente e richiede assistenza 24 ore al giorno. Sua madre, Anna Padula, ha scritto al Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, e al ministro dell’Istruzione, Lucia Azzolina. Chiedendo aiuto. Soprattutto, auspicando il rispetto del diritto alla salute e all’Istruzione. «Dopo 7 lunghi mesi ha scritto Padula - speravo in una ripresa graduale e scolastica di Lorenzo. Per stare tranquilla ho contattato il provveditorato agli studi di Matera per sapere se era stata assegnata la cattedra completa di 18 ore a mio figlio: mi hanno detto che Lorenzo l’aveva avuta e che potevo stare tranquilla. Felice di questo, mi sono recata a scuola per conoscere il docente di mio figlio e la preside mi ha detto chi erano i docenti con 18 ore. Uno di questi è un soggetto fragile, gli altri due potrebbero essere i docenti di Lorenzo. Mi contattano telefonicamente per sapere se Lorenzo inizia la scuola e dico di sì, visto che con la dirigente l’avevamo già stabilito di comune accordo, ma lei mi risponde che la docente voleva saperlo perché cosi non si sarebbe presentata. Resto basita, ma le dico che mio figlio verrà a scuola e, se non dovesse esserci nessuno, chiamerò i Carabinieri». Recatasi a scuola, la signora Anna riferisce di aver trovato «una situazione indescrivibile.

La docente impalata in piedi che, invece di accogliere mio figlio, ha detto di avere paura e di non voler stare da sola con lui. A un certo punto ha iniziato a piangere. Mio figlio ha assistito a tutto, in presenza di mio marito, che non lo ha lasciato e, ad un certo punto, è scappato via dalla sua aula di sostegno. Lorenzo è autistico, ma non è privo di sentimenti». Dopo aver avuto assicurazioni circa la nomina di un altro docente e di «un’operatrice che fa parte di un progetto, mi sono sentita rincuorata. Ma quando mi sono recata a scuola, improvvisamente il docente si è messo in malattia, non si sa per quanti giorni». Di qui, dunque, l’appello: «Mio caro Presidente e mia cara Ministra io non sono una stupida: mio figlio non ha una malattia contagiosa ma, senza una figura stabile e certa come può ricominciare ad abituarsi al contesto scolastico?».
Notizia dell’ultima ora, Anna Padula è stata invitata dal vice ministro alla Salute, Pierpaolo Sileri, l’8 ottobre a Roma. Ci sarà anche il presidente della Regione, Vito Bardi.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie