Giovedì 23 Settembre 2021 | 02:20

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

La gelateria all'Elba

Ha radici di Tricarico il gelato più buono d'Europa

Giampaolo Doti ha conquistato il primo posto al Gelato World Festival con un cono al pistacchio di Bronte, amarena e biscotto

Ha radici di Tricarico il gelato più buono d'Europa

Sono tricaricesi le origini del gelato più buono d’Europa. È di Tricarico, infatti, Giampaolo Doti, titolare della gelateria Ghibli di Marina di Campo, sull’Isola d’Elba. A partire dal 2013, Doti non ha fatto altro che collezionare premi per la genuinità e il gusto delle sue specialità. Dopo quattro vittorie in concorsi nazionali ed una a livello europeo, quest’anno al “Gelato world festival” svoltosi recentemente in piazza Castello, a Milano, fra i 18 gelatieri che negli anni scorsi avevano conquistato il titolo europeo, ha meritato il primo posto decretato dalla giuria tecnica: parteciperà di conseguenza alla finalissima mondiale che si svolgerà nel 2021 a Miami o Detroit, negli Stati Uniti. A Milano, Doti ha partecipato alla gara con il gelato “Sinfonia”, un’armoniosa commistione di pistacchio di Bronte e glassa all’amarena con variegatura al biscotto. È questo l’ultimo cavallo di battaglia del gelatiere tricaricese, che fino all’anno scorso era fiero del suo “Cremino”, il re di una rosa di oltre un centinaio di gusti. Già: il Cremino, un gelato che Giampaolo aveva imparato a confezionare, insieme con il padre, quando aveva appena sei anni nello storico “Bar del cacciatore” nella piazza principale di Tricarico.

Era quello il bar gestito dalla nonna Angela Dell’Aquila di Giampaolo, passato poi nelle mani di Francesco Antonio Locuoco, genero di Angela e zio di Giampaolo. Quando, nel 1997, Locuoco andò a comprare un ristorante a Marina di Campo, ancora da lui gestito, Giampaolo acquistò il Bar del cacciatore, continuando a confezionare, fra gli altri, il famoso Cremino. Un bel giorno del 1999 Giampaolo convinse la moglie Mariagrazia Amato ad andare a trascorrere qualche giorno di vacanza a Marina di Campo, dallo zio. Galeotta fu quella gita: Giampaolo e Mariagrazia si innamorarono subito di una gelateria, che era in vendita. Nel giro di un anno i due rientrarono a Tricarico, vendettero il Bar del cacciatore e tornarono all’Elba per rilevare la gelateria che avevano adocchiato. Da allora hanno raccolto soltanto successi. Da anni Giampaolo gira il mondo al seguito del Moto Gp, essendone l’unico gelatiere ufficiale (e confezionando dessert, fra gli altri, per Valentino Rossi e Marc Marquez) ed è il gelatiere ufficiale della squadra triestina di pallacanestro, serie A. Lucano dal cuore d’oro, Giampaolo dedica parte del suo tempo anche a interventi nel sociale: l’anno scorso, per esempio, ha tenuto un corso di gelato agli ospiti della comunità di San Patrignano. Un buon esempio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie