Sabato 25 Settembre 2021 | 04:53

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

In fiamme

Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

È accaduto a Salandra nella frazione di Montagnola

Matera, divampa un incendio ferito un carabiniere

MATERA - Fuoco e fiamme. Momenti di grande tensione e paura, con una casa che, lentamente, viene letteralmente consumata. È accaduto nella serata di Pasquetta a Montagnola, ridente frazione di Salandra, dove, intorno alle 20 una casa ancora non del tutto completata è stata ben presto avviluppata e, conseguentemente, distrutta dalle fiamme. Domate solo in nottata, precisamente intorno alle tre, dai Vigili del Fuoco del distaccamento di Ferrandina, intervenuti in loco subito dopo i Carabinieri della locale Stazione. L’episodio, sul quale stanno indagando proprio i carabinieri di Salandra, ha fatto registrare un lieve ferito: si tratta di un militare che, stando a quanto ci ha riferito il sindaco di Salandra, Gianfranco Tubito, che ha assistito di persona alle operazioni di bonifica della zona e relativo spegnimento, dopo essere penetrato all’interno dell’immobile insieme ad altri suoi colleghi, anche con l’obiettivo di prelevare la bombola del gas ed impedire che potesse esplodere, sarebbe inciampato e caduto in terra proprio in fase di uscita dall’immobile. La casa, al momento del principio del fuoco, era vuota: i proprietari, che risiedono nel centro storico di Salandra, erano infatti già andati via dopo aver festeggiato la Pasquetta.

L’incendio, che ovviamente non è doloso, si sarebbe propagato dalla canna fumaria (nel corso della giornata sarebbe stato utilizzato il camino) e poi alla struttura dell’immobile, che, a quanto pare, era in gran parte di legno e, almeno al secondo piano, ancora incompleto e in fase di costruzione. Subito dopo aver avvistato le fiamme, alcune persone hanno allertato i Carabinieri, prontamente intervenuti: sono stati loro i primi a entrare nella casa in fiamme e, dopo aver prelevato la bombola del gas, avrebbero messo in sicurezza l’ambiente. Sembra, però, che l’incendio abbia ben presto ripreso vigore, tanto da avvolgere tutta la struttura e, come detto, distruggerla nonostante l’attività dei pompieri, dapprima giunti in loco con un mezzo e poi rinforzati con altri due: i Vigili del Fuoco hanno innanzitutto messo in sicurezza la zona, evitando che le fiamme si propagassero alle abitazioni vicine, e poi spento il fuoco, ma oltre le 3. Al mattino impietosa la scena che si è presentata ai proprietari e anche ai vicini di casa: le fiamme hanno distrutto praticamente tutto, lasciando uno scheletro senza anima, peraltro in parte ancora fumante, che adesso dovrà subire pesanti rinforzi. Sacrifici di una vita andati in fumo in tutti i sensi, dunque, mentre nella zona l’odore di fumo era ancora piuttosto consistente e presente. L’incendio, come detto, ha messo in allarme un’intera frazione, peraltro molto popolata: le case vicine per fortuna non sono state interessate, anche grazie all’attività di tutti, dai Vigili del Fuoco ai Carabinieri, passando per gli altri presenti, ed ha trasformato una giornata di festa, qual è quella di Pasquetta, in un vero e proprio dramma. Alla fine di ore intense sotto tutti gli aspetti, però, se i danni alle cose sono stati consistenti, quelli alle persone, fortunatamente, sono stati meno pesanti. Il Carabiniere ferito, infatti, non avrebbe riportato grandissimi problemi. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie