Lunedì 17 Giugno 2019 | 01:24

NEWS DALLA SEZIONE

L'annuncio dell'ANAS
Viabilità, arriva lo spartitraffico sulla Basentana

Viabilità, arriva lo spartitraffico sulla Basentana

 
L'iniziativa
Matera, un bonus per l'e-bike: in centinaia in fila al Comune

Matera, un bonus per l'e-bike: in centinaia in fila al Comune

 
Alle origini
Il crac del Pd in Basilicata: figlio di una fusione a freddo

Il crac del Pd in Basilicata: figlio di una fusione a freddo

 
L'intesa
Matera, accordo con Terna: saranno demoliti 40 tralicci

Matera, accordo con Terna: saranno demoliti 40 tralicci

 
Auto contro tir
Frontale sulla Basentana: muore 72enne a Grassano

Frontale sulla Basentana: muore 72enne a Grassano

 
L'iniziativa
Matera 2019, in arrivo tra i Sassi la «Corsa dei poveri Cristi»

Matera 2019, in arrivo tra i Sassi la «Corsa dei poveri Cristi»

 
La visita
Governo, Centinaio a Matera: «Lega c'è, se a M5s non va bene trovi qualcun altro»

Governo, Centinaio a Matera: «Lega c'è, se a M5s non va bene trovi qualcun altro»

 
Degrado in città
Matera, vandali in azione: strappate le corde del piano nei Sassi

Matera, vandali in azione: strappate le corde del piano nei Sassi

 
Il caso
Matera, non sopporta la compagna e chiama il 113: «Vi prego, arrestatemi»

Matera, non sopporta la compagna e chiama il 113: «Vi prego, arrestatemi»

 
Nel Materano
Pisticci, cocaina in auto, marijuana in casa: arrestato 50enne

Pisticci, cocaina in auto, marijuana in casa: arrestato 50enne

 
L'evento
Matera, per 3 giorni oltre 2mila chirurghi a congresso

Matera, per 3 giorni oltre 2mila chirurghi a congresso

 

Il Biancorosso

CALCIO MERCATO
Il Monopoli sulle tracce di Barretoriparte dalla Puglia l'avventura ?

Il Monopoli sulle tracce di Barreto, riparte dalla Puglia l'avventura ?

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceL'incidente
Cavallino, ragazze travolte da auto pirata: una 22enne è in comaE a Putignano investiti 3 ciclisti

Cavallino, due ragazze in scooter travolte da auto pirata: 22enne in coma
E a Putignano investiti 3 ciclisti Vd

 
BariIncidente stradale
Putignano, tre ciclisti travolti sulla statale 172: uno è grave + VIDEO +

Putignano, tre ciclisti travolti sulla statale 172: uno è grave

 
TarantoL'annuncio
Taranto, pompiere morto in servizio: il distaccamento sarà a suo nome

Taranto, pompiere morto in servizio: il distaccamento sarà a suo nome

 
HomeSport
Vela, regata Brindisi-Corfù: il vento sposta traguardo a Merlera

Vela, regata Brindisi-Corfù: il vento sposta traguardo a Merlera

 
MateraL'annuncio dell'ANAS
Viabilità, arriva lo spartitraffico sulla Basentana

Viabilità, arriva lo spartitraffico sulla Basentana

 
PotenzaLa richiesta
S. Carlo di Potenza, l’ira degli esclusi al concorso per infermieri

S. Carlo di Potenza, l’ira degli esclusi al concorso per infermieri

 
FoggiaL'atto di accusa
Foggia, case a luci rosse: 50 euro al giorno d'affitto per prostituirsi

Foggia, case a luci rosse: 50 euro al giorno d'affitto per prostituirsi

 
BatTragedia sfiorata
Sedicenne cade a Trani dal muro della Villa sul mare: paura e fratture

Sedicenne cade a Trani dal muro della Villa sul mare: paura e fratture

 

i più letti

La testimonianza

Pisticci, iscritto da 30 anni al centro impiego, mai chiamato

Così, l’endemico problema della scarsità delle offerte di lavoro fa il paio con un sistema che è praticamente all’impasse

Pisticci, iscritto da 30 anni al centro impiego, mai chiamato

«Sono iscritto al centro per l’impiego dai primi anni novanta ma non ho mai lavorato grazie ad una chiamata di questa struttura». La testimonianza di Marcello Quinto, pisticcese di 45 anni, ragioniere, è emblematica. E conferma, qualora ve ne fosse ancora bisogno, la scarsa concretezza del sistema italiano in questo settore. «Mi sono iscritto per la prima volta al Centro per l’Impiego di Pisticci se non ricordo male nel lontano 1992 – ha precisato Quinto – ma ho trovato lavoro in altro modo, non certo per una chiamata di questo ufficio. Da circa tre anni sono tornato ad essere disoccupato e, dunque, nuovamente iscritto al centro per l’impiego. Ad oggi, però, non è mi arrivata alcuna chiamata».


Così, l’endemico problema della scarsità delle offerte di lavoro fa il paio con un sistema che è praticamente all’impasse. Fermo. Non solo in provincia di Matera. Non solo in Basilicata. Proprio per questo, dunque, l’annunciata riforma dei centri per l’impiego, ritenuta necessaria anche per l’implementazione del reddito di cittadinanza, potrà, forse, risolvere numerosi problemi. Almeno, questo è l’augurio e sempre a patto che si cambi in meglio. Quinto, in merito, alla misura di sostengo alla povertà voluta dal Movimento 5 Stelle ha una visione ben precisa. «Il reddito di cittadinanza? Può essere una misura utile, ma mi chiedo perché un disoccupato come il sottoscritto non ne ha diritto solo perché il reddito familiare supera il limite massimo di Isee consentito. È vero, fortunatamente mia moglie lavora, ma io ero e rimango pur sempre un disoccupato: perché, dunque, quella misura non deve spettarmi?». Una domanda legittima, quella di Quinto. Che, ne siamo sicuri, viene posta da tantissimi disoccupati lucani che si trovano nella sua stessa situazione. Peraltro, Quinto ha anche aggiunto: «Per me che ho 45 anni trovare lavoro è sempre più complicato, proprio a causa dell’età.

Se poi ci aggiungiamo che il centro per l’impiego non produce, almeno nel mio caso, alcuna offerta di lavoro e si prevede una misura come il reddito di cittadinanza solo a determinate condizioni, il quadro è completo». Come dire che la storia di Quinto è un’istantanea delle problematiche corpose e serie che attanagliano tanti cittadini lucani che, come Quinto, si ritrovano ad un’età non più giovanissima e senza un lavoro. Iscritti ai centri per l’impiego senza riuscire, però, ad ottenerne benefici. Almeno fino ad ora. Con l’annunciata riforma la tendenza verrà invertita? L’augurio è che per davvero il mondo del lavoro possa tornare a respirare e i tanti disoccupati, anche di media età, possano finalmente veder esaudito il proprio desiderio di tornare a lavorare e a percepire uno stipendio. Più che un sussidio, dunque, l’attesa è per una reale e rinnovata possibilità di tornare a poter vagliare offerte di lavoro, sì da conferire anche al sistema imperniato sui centri per l’impiego quella concretezza che sembra smarrita. O che, più verosimilmente, i centri per l’impiego non hanno mai avuto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE