Martedì 18 Dicembre 2018 | 16:06

NEWS DALLA SEZIONE

Il report
Qualità della vita, la Basilicata va giù: Matera e Potenza arretrano

Qualità della vita, la Basilicata va giù: Matera e Potenza arretrano

 
Per il tour estivo
Cercasi location per Jovanotti: sopralluogo a Policoro

Cercasi location per Jovanotti: sopralluogo a Policoro

 
In manette un 22enne romeno
Aggredisce i carabinieri al terminal dei bus: arrestato a Policoro

Aggredisce i carabinieri al terminal dei bus: arrestato a Policoro

 
L'inchiesta
Sanitopoli lucana, il gip conferma il divieto di dimora per Pittella

Sanitopoli lucana, il gip conferma il divieto di dimora per Pittella

 
La storia
Casa Famiglia a Matera: da modello a contenitore abbandonato

Casa Famiglia: da modello a contenitore abbandonato

 
la fabbrica di jesce
Matera, il personale di Ferrosud si sposta alla Ferromec

Matera, il personale di Ferrosud si sposta alla Ferromec

 
A Matera
Sassi Divini, la rassegna enologica chiude in crescita

Sassi Divini, la rassegna enologica chiude in crescita

 
Occupazione
Matera, nella sala ricevimenti 19 su 29 lavoravano in nero

Matera, nella sala ricevimenti 19 su 29 lavoravano in nero

 
l’indagine
Giovani lucani più social, più soli

Giovani lucani più social, più soli

 
estate 2019
Matera, due spiagge per ospitare il concerto di Jovanotti

Matera, due spiagge per ospitare il concerto di Jovanotti

 
Turismo
Matera 2019, tra Presepe vivente e Sassi c'è il tutto esaurito

Matera 2019, tra Presepe vivente e Sassi c'è il tutto esaurito

 

Il caso

Pisticci, infiltrazioni d’acqua: scoppia il caso della cabina dell’Enel

Ecco lo stato pietoso e pericolosissimo in cui versa il tetto di una casedda nel rione Dirupo, in via Niccolini, in pieno centro storico, di proprietà dell’Enel, all’interno della quale vi è una grossa cabina o centralina elettrica

Pisticci, infiltrazioni d’acqua: scoppia il caso della cabina dell’Enel

MATERA - “Se dovesse infiltrarsi dell’acqua in questo immobile, considerato che ospita una cabina dell’Enel, cosa accadrebbe? A scuola, infatti, ci hanno insegnato che l’acqua non va d’accordo con l’energia elettrica”. A parlare sono alcuni residenti del rione Dirupo di Pisticci, l’antico quartiere ricolmo di “casedde” bianche che, nell’insieme, ricordano un vero e proprio presepe. Queste persone ci hanno segnalato che, proprio in una di tali “casedde”, in via Niccolini, c’è una cabina dell’Enel che avrebbe il tetto in condizioni non del tutto sicure, con alcune tegole fuori posto e, in generale, un’impressione di semi abbandono e di ipotetico pericolo. In effetti, a giudicare dalle foto che ci sono state fornite, l’impressione è quel tetto non se la passi troppo bene. Elio D’Armento, uno dei residenti dell’antico a affascinante rione di Pisticci, su Facebook ha pubblicato un post dal contenuto di una chiarezza disarmante.

“Ecco lo stato pietoso e pericolosissimo in cui versa il tetto di una casedda nel rione Dirupo, in via Niccolini, in pieno centro storico, di proprietà dell’Enel, all’interno della quale vi è una grossa cabina o centralina elettrica – ha scritto -. Aspettando le piogge che verranno, dopo quelle che ci sono state”, ha poi concluso D’Armento. Per il quale la situazione non è delle più leggere e, dunque, prima che possa concretizzarsi qualcosa di davvero pericoloso, forse sarebbe opportuno intervenire. Come? Ponendo in essere dei lavori di manutenzione del tetto, che, lo ripetiamo, in base alla foto viste sembra versare in una situazione non certo ottimale. Questa la segnalazione fornitaci da D’Armento e dai residenti del Dirupo: a questo punto, non rimane che attendere eventuali risposte o, meglio, azioni da parte di chi ha la manutenzione dell’immobile, a qualsiasi titolo. Il timore dei cittadini, infatti, è che le piogge ormai sempre più violente e improvvise possano determinare ulteriori danni alla struttura, o, peggio, che le infiltrazioni (laddove ci siano) possano poi portare a situazioni ancor più gravi. Senza andare oltre e ribadendo che la segnalazione è stata fatta dai cittadini che hanno anche fornito prove fotografiche, la speranza è che chi è competente a verificare qual è lo stato dell’arte non si limiti a repliche piccate o formali, ma si attivi per davvero con l’obiettivo di verificare se esiste un problema effettivo e, laddove esista, a risolverlo nel più breve tempo possibile. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400