Giovedì 16 Settembre 2021 | 17:06

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

pisticci

Il Comune ha sospeso i lavori
nello stabilimento balneare

Ordinanza dopo le segnalazioni sulla «colata di cemento»

Il Comune ha sospeso i lavori nello stabilimento balneare

PIERO MIOLLA

PISTICCI - Tanto tuonò che piovve. L’Ufficio Urbanistica del Comune ha provveduto ad emettere ordinanza di sospensione dei lavori di uno stabilimento balneare, in corso fino a ieri sulla spiaggia di lido San Basilio. La vicenda è quella relativa all’istanza presentata dalla ditta Duemc che aveva registrato tantissime segnalazioni, anche sul web, per una colata di cemento realizzata sull’arenile.

«Come anticipato già nei giorni scorsi – ha spiegato l’assessore comunale all’Ambiente, Salvatore De Angelis – attendevamo l’esito del sopralluogo effettuato congiuntamente dal corpo di Polizia Locale e dai tecnici del Comune lo scorso 6 giugno, per verificare lo stato di avanzamento dei lavori. Si tratta di interventi che riguardano la riqualificazione di strutture ricettive sugli arenili di località San Basilio. All’esito di tale sopralluogo sono state rilevate alcune incongruenze che andranno necessariamente approfondite, per cui l’Ufficio Urbanistica ha provveduto ad adottare e notificare l’ordinanza di sospensione dei lavori, al fine di verificare nel merito se gli interventi in corso d’opera risultino rispondenti alla disciplina autorizzatoria definita nella conferenza dei servizi. Come si evince dall’ordinanza – ha proseguito l’assessore – l’ufficio di competenza si riserva di emettere i provvedimenti definitivi entro i successivi 45 giorni, durante i quali continueranno le attività di ispezione, controllo e verifica di conformità rispetto alla documentazione. Voglio tranquillizzare la cittadinanza circa il tempestivo intervento dell’Amministrazione comunale a tutela dell’ambiente e delle spiagge da interventi potenzialmente dannosi».

De Angelis ha poi annunciato che «prioritario diventa verificare, nei termini di legge, la conformità dei lavori eseguiti rispetto a quanto approvato nella conferenza dei servizi. Qualora dovessero essere accertate violazioni non ci faremo scrupoli nell’adottare tutti gli atti necessari per ripristinare l’originaria conformazione dell’area».

Frattanto, diffusa la notizia, in tanti hanno commentato l’atto adottato dal Comune. Numerose sono state le richieste di abbattimento di quanto sin qui realizzato. Insomma, rimuovere il manufatto a giudizio dei cittadini dovrebbe essere il prossimo passo, anche se l’ordinanza è chiara: andranno prima fatte le verifiche di conformità e poi, eventualmente, adottate le decisioni conseguenti.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie