Sabato 20 Luglio 2019 | 14:29

NEWS DALLA SEZIONE

Il progetto
Huwaei sbarca all'Università della Basilicata: in arrivo una sede Academy

Huawei sbarca all'Università della Basilicata: in arrivo una sede Academy

 
Heroes Pride
Matera si prepara al suo primo Pride tra attese e polemiche

Matera si prepara al suo primo Pride tra attese e polemiche

 
Nel Materano
Ricercato in Kazakistan, polizia lo arresta in vacanza a Policoro

Ricercato in Kazakistan, polizia lo arresta in vacanza a Policoro

 
dalla Polizia stradale
Sfruttava 5 albanesi irregolari come braccianti: denunciato 61enne nel Materano

Sfruttava 5 albanesi irregolari come braccianti: denunciato 61enne nel Materano

 
L'omicidio
Pastore nel Materano, killer condannato a 26 anni di carcere

Pastore ucciso nel Materano, killer condannato a 26 anni

 
Una coppia di 31enni
Matera, vendevano cocaina ed eroina ai tossici della città, compresi minorenni: 2 arresti

Matera, vendevano cocaina ed eroina ai tossicodipendenti della città, compresi minori: 2 arresti

 
I dati
Matera, boom di turisti già nel 2018

Matera, boom di turisti già nel 2018

 
Il caso
Fiamme nelle campagne del Materano: distrutti 50 ettari

Fiamme nelle campagne del Materano: distrutti 50 ettari di bosco

 
Inquinamento
Matera, schiuma biancastra nella Gravina

Matera, schiuma biancastra nella Gravina

 
Il caso
Basilicata, un miliardo e 800 milion: ecco il tesoro del petrolio

Basilicata, un miliardo e 800 milioni: ecco il tesoro del petrolio

 
Operazione dei carabinieri
Nova Siri: bazar della droga in un garage e un magazzino, 4 arresti

Nova Siri: bazar della droga in un garage e un magazzino, 4 arresti

 

Il Biancorosso

CALCIO MERCATO
Cornacchini aspetta altri rinforziIl Bari va a caccia di difensori

Cornacchini aspetta altri rinforzi
Il Bari va a caccia di difensori

 

NEWS DALLE PROVINCE

Calcio LecceGiallorossi
Muore a 82 anni ex patron del Lecce Giovanni Semeraro

Muore a 82 anni ex patron del Lecce Giovanni Semeraro

 
TarantoDalla polizia
Taranto, la madre non gli dà soldi per la droga, lui tenta di strangolarla: arrestato

Taranto, la madre non gli dà soldi per la droga, lui tenta di strangolarla: arrestato

 
Potenzaeconomia
Da Melfi, allo Jonio a Lauria: la Zes Jonica è realtà

Da Melfi, allo Jonio a Lauria: la Zes Jonica è realtà

 
Barial quartiere Libertà
Bari, gestisce negozio abusivo di borse e abbigliamento contraffatto: denunciato

Bari, gestisce negozio abusivo di borse e abbigliamento contraffatto: denunciato

 
BrindisiDal 1 settembre
Ostuni dice stop alla plastica nei locali

Ostuni dice stop alla plastica nei locali

 
Foggianel Foggiano
Lucera, festa patronale senza la musica: Comune al capolinea con i fondi

Lucera, festa patronale senza la musica: Comune al capolinea con i fondi

 
MateraIl progetto
Huwaei sbarca all'Università della Basilicata: in arrivo una sede Academy

Huawei sbarca all'Università della Basilicata: in arrivo una sede Academy

 
BatL'istanza
Bat, stop al fumo in spiaggia: via libera della Prefettura

Bat, stop al fumo in spiaggia: via libera della Prefettura

 

i più letti

pisticci

L’esplosione in via Giulio Cesare
senza alcun colpevole

Sette anni fa il boato e la devastazione dell’immobile solo con alcuni feriti

L’esplosione in via Giulio Cesare senza alcun colpevole

MICHELE SELVAGGI

PISTICCI - Sono trascorsi ben 7 anni da quella notte tra il 10 e l’11 giugno 2011, ma il ricordo è sempre vivo nella popolazione del popoloso quartiere Loreto – Cammarelle a nord ovest dell’abitato, per la potente esplosione verificatasi in uno stabile di via Giulio Cesare, il cui fortissimo boato fu avvertito anche a parecchi chilometri di distanza fuori dal centro abitato, come le frazioni di Tinchi, Centro Agricolo, Pisticci Scalo e la valle del Basento, l’abitato di Craco e altri posti del circondario. Esplosione che fece danni enormi, devastando uno stabile a piano terra di via Giulio Cesare, altri locali adiacenti in cui, per fortuna, rimasero ferite solo alcune persone, oltre al danneggiamento di oltre una ventina di auto parcheggiate nel vicino adiacente piazzale, di cui 3 appartenenti tutte ad una sola famiglia, la Musicco che resiede a poca distanza dal luogo dello scoppio.

Purtroppo a distanza di diversi anni, solo da qualche mese si è avuta notizia della richiesta di archiviazione del caso, da parte del pubblico ministero che aveva condotto le indagini, al giudice per le indagini preliminari, e ciò dopo l’avvenuta conclusioni degli accertamenti suppletivi e la deposizione della relazione finale del consulente tecnico incaricato, che aveva messo a confronto e analizzato ben 5 possibili ipotesi sulle cause che avrebbero determinato lo scoppio. Una decisione comunque abbastanza motivata quella recentemente presa del pm, che, ovviamente, non sta a noi commentare. Per chi purtroppo ha vissuto quei terribili momenti, insieme a tantissimi cittadini del quartiere, svegliati di soprassalto dal sonno in piena notte (erano da poco passate le 3), solo il compito di ricordare quel terribile episodio che per fortuna non fece vittime, ma causò solo enormi danni. Episodio che comunque difficilmente verrà dimenticato dalla popolazione del posto, ma anche ricordato, dopo anni di indagini, che non ha avuto nessun colpevole.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie