Giovedì 23 Settembre 2021 | 02:43

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

matera

Bramante, al via
la ricostruzione

Avviata la cantierizzazione per il nuovo plesso

Bramante, al via la ricostruzione

di Donato Mastrangelo

L’intervento di cantierizzazione dell’area ha praticamente sancito l’avvio dei lavori per la ricostruzione della scuola di via Bramante. Da alcuni giorni, infatti, la Sikelia Costruzioni, l’impresa che si è aggiudicato il bando di gara, ha cominciato l’intervento per la realizzazione del nuovo plesso scolastico a nord della città.

Il nuovo edificio sorgerà al posto del preesistente che nei mesi scorsi è stato demolito. Come si ricorderà la scuola fu chiusa nell’agosto 2012 dopo che i tecnici del Comune, a seguito di un sopralluogo, avevano riscontrato dei problemi statici ai carichi verticali. Per questo motivo il sindaco di allora Salvatore Adduce dovette emettere l’ordinanza di chiusura della scuola. Nei mesi successivi cominciò un lungo iter che, non senza fatica e con i ritardi consueti della burocrazia ha finalmente portato ad una svolta sul piano della ricostruzione.

«Con l’approvazione del progetto esecutivo a fine maggio - dichiara Piero Marano - tra i titolari della società Sikelia Costruzioni - c’è stata la consegna definitiva. Da lunedì scorso, quindi, abbiamo avviato le fasi della cantierizzazione per procedere quindi alla costruzione del nuovo fabbricato». Il finanziamento relativo alla ricostruzione dell’edificio scolastico di via Bramante rientra nel Piano nazionale delle Città. L’importo complessivo dei lavori era di 4.214.000 euro per un totale, compresi gli oneri della sicurezza e quelli della progettazione, di 4.581.971,12 euro. L’importo a base d’asta è di 4.214.000 euro. Il ribasso d’asta è stato del 14,087 per cento e, al netto del ribasso, l’importo dei lavori è di 3 milioni 620 mila 373 euro. I tempi contrattuali per la realizzazione dell’opera sono di 313 giorni dall’apertura del cantiere.

Alcune incongruenze tra il progetto definitivo e quello preliminare avevano fatto slittare ulteriormente l’avvio del cantiere che era stato annunciato per lo scorso gennaio.

Anche le operazioni di demolizione della scuola erano slittate di qualche settimana, in quanto l’immobile di via Bramante era occupato abusivamente da alcuni migranti i quali erano stati poi sistemati in alcune strutture di accoglienza della città. La demolizione dell’immobile, avviata lo scorso 17 novembre e durata pochi giorni, aveva lasciato presagire ad un crono-programma dei lavori più spedito, tanto che ci si attendeva che le prime opere cominciassero proprio ad inizio anno. Così non è stato ed è evidentemente destino per una scuola che ha dovuto subire un percorso a dir poco travagliato.

«L’approvazione del progetto esecutivo - afferma Nunzia Antezza, consigliere comunale del Pd e componente della Commissione Lavori Pubblici - dà praticamente il via libera all’inizio dei lavori dopo che c’erano state alcune osservazioni rispetto al progetto presentato in sede di gara. Non si può che esprimere soddisfazione per il risultato conseguito dopo il costante confronto avuto nei mesi scorsi con i cittadini ed i genitori dei bambini della scuola Bramante e gli incontri avuti con il sindaco Raffaello De Ruggieri ed il dirigente scolastico. Peraltro avevamo interessato anche il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Graziano Delrio per la questione concernente l’anticipazione del finanziamento che poi è passato dal 5 al 10 per cento». Sulla vicenda era intervenuto pure il sindaco Raffaello De Ruggieri che, a tal proposito aveva inviato una nota al ministero delle Infrastrutture chiedendo di accelerare i tempi per l’erogazione dei fondi al fine di poter predisporre tutte le procedure del caso.

L’intervento di ricostruzione della scuola è seguito con particolare interesse anche dai genitori degli alunni che ormai, a distanza di anni, hanno cominciato le scuole medie. La scuola Bramante, in ogni caso, rimane sul piano dell’istruzione primaria un presidio strategico per tantissime famiglie, essendo situato in una zona della città particolarmente popolosa e vicina ad aree interessate da una espansione urbanistica.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie