Mercoledì 22 Settembre 2021 | 08:27

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

valbasento

Smaltimento illecito
richiesto il giudizio

Il provvedimento riguarda Tecnoparco, Syndial, Drop e Provincia

Smaltimento illecito richiesto il giudizio

di PIERO MIOLLA

PISTICCI - Per Tecnoparco, Syndial e Drop è stato chiesto il giudizio, insieme ai funzionari dell’ufficio Ambiente della Provincia di Matera, nell’ambito dell’indagine sullo smaltimento di 31mila metri cubi di rifiuti speciali liquidi, scaricati nel fiume Basento. Ieri, ai rappresentanti delle 3 società e ai funzionari di via Ridola, i Carabinieri Forestali hanno notificato l’avviso di conclusione delle indagini preliminari. La vicenda riguarda rifiuti liquidi provenienti dagli stabilimenti Syndial e Drop di Ferrandina, il cui smaltimento sarebbe dovuto avvenire negli impianti di Tecnoparco, a Pisticci: secondo l’accusa ciò non sarebbe avvenuto. Preliminarmente va ricordato che dal 1999 la Syndial ha in gestione un’area di 12 ettari che ospita i terreni inquinati della ex Liquichimica, sottoposti a bonifica. Parliamo di un’area diaframmata in quanto separata da un muro dal fiume Basento. Secondo i magistrati la condotta fognaria che avrebbe dovuto trasferire i liquami a Tecnoparco fu danneggiata dall’alluvione di marzo 2011.

Da quel momento, i rifiuti liquidi sarebbero quindi finiti “per caduta nel fiume Basento e, quindi, nel mare”. Per l’accusa “dal 2011 al 2014 anche le persone furono inconsapevolmente esposte al pericolo della presenza, nei rifiuti liquidi provenienti dall’area diaframmata, di manganese, cloruro di vinile dicloretano, dicloroetilene, tricloroetilene e tricloretano, per un totale di 31.688 metri cubi. Una quantità enorme, che, sempre secondo l’accusa, corrisponderebbe a circa mille autobotti.

La responsabilità di Tecnoparco secondo i giudici (fatta salva la presunzione d’innocenza, che qui si abbia per espressamente richiamata per tutti i rinviati a giudizio) sarebbe consistita nell’aver certificato, nel 2011-12, il regolare smaltimento dei rifiuti “senza mai denunciare il mancato arrivo dei reflui al suo impianto dagli unici clienti che si servivano della condotta fognaria”, emettendo nei loro confronti fatture per oltre 171mila euro “per operazioni di smaltimento mai eseguite”.

Dopo l’alluvione del 2011, poi, la condotta fognaria fu ripristinata con un nullaosta e un permesso di riattivazione reso dal dirigente dell’ufficio Ambiente della Provincia di Matera in favore di Tecnoparco, secondo l’accusa “in violazione delle norme di legge che prevedono la competenza al rilascio di tale autorizzazione all’ente regionale”.

Il medesimo funzionario, inoltre, non avrebbe comunicato alla Regione Basilicata che “la fogna chimica era connessa fisicamente all’impianto di Tecnoparco, l’unico valutato in ambito l’autorizzazione integrata ambientale e che vi erano modifiche impiantistiche nell’impianto di Ferrandina mai sottoposte a valutazione da parte dell’autorità amministrativa competente, con conseguente pericolo per ambiente e salute pubblica Inoltre, sarebbe stato accertato che Tecnoparco avrebbe “continuato nell’esercizio della condotta fognaria” e che la “Drop ha continuato a smaltire illegalmente e consapevolmente i rifiuti liquidi nel Basento fino al 2014”, nonostante che l’alluvione del 2013 avesse di nuovo danneggiato la condotta, “che presentava carenze strutturali sin dall’iniziale costruzione”. Il pubblico ministero ha chiesto il rinvio a giudizio “per smaltimento senza autorizzazione di rifiuti speciali liquidi”.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie