Domenica 26 Gennaio 2020 | 04:43

Il Biancorosso

serie c
Bari e la «condanna» a vincere, Vivarini: «Non c'è altro verbo»

Bari e la «condanna» a vincere, Vivarini: «Non c'è altro verbo»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BrindisiLe dichiarazioni
Brindisi, Al Bano con Boccia a convegno su futuro centrale Enel: «Rispettiamo questa terra»

Brindisi, Al Bano con Boccia a convegno su futuro centrale Enel: «Rispettiamo questa terra»

 
LecceIl video
San Cataldo, sulla spiaggia di Frigole ecco che spunta una foca monaca

San Cataldo, sulla spiaggia di Frigole ecco che spunta una foca monaca

 
FoggiaIl furto
San Severo, beccati da un contadino mentre rubano in un capannone: 3 arresti

San Severo, beccati da un contadino mentre rubano in un capannone: 3 arresti

 
BatNel Nordbarese
Barletta, tragedia in casa: 62enne muore schiacciato da lastra di ferro

Barletta, tragedia in casa: 62enne muore schiacciato da lastra di ferro

 
Tarantoil caso
Cannabis light, archiviata inchiesta partita da Taranto: «Sul Thc la legge non è chiara»

Cannabis light, archiviata inchiesta partita da Taranto: «Sul Thc la legge non è chiara»

 
MateraSolidarietà
«Matera cibus», raccolti 350 quintali di eccedenze alimentari

«Matera cibus», raccolti 350 quintali di eccedenze alimentari

 

i più letti

LETTERE ALLA GAZZETTA

Serve una targa su ogni albero ornamentale

Un lettore di Monopoli ha denunciato lo scempio in atto nella sua città, con la sostituzione dei pini con i bagolari, essenze botaniche australiane. A me non risulta che i bagolari siano di origine australiana, ma soltanto e da sempre di origine mediterranea. Forse il nostro lettore è stato tratto in inganno dal nome latino «celtis australis», il cui termine «australis» ha il significato di meridionale .
Colgo l’occasione per comunicare che nella mia città di Bari sono stati messi a dimora alcuni alberi di origine australiana, fra cui il «Brachychiton», ricco di foglie per tutto l’anno . Questi alberi trovansi in via Napoli, dopo l’incrocio con via Brigata Regina verso nord, mentre alcuni esemplari trovansi in via Campione, in via Saverio Nitti angolo via Papa Giovanni XXIII e a fianco dell’ingresso posteriore dell’istituto scolastico «Marconi». Non sarebbe preferibile che i Comuni provvedano a fissare ad ogni nuovo albero ornamentale una targa con il nome della pianta, eliminando i costi con la pubblicità di qualche operatore economico?

Michele Anaclerio (Bari)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie