Martedì 19 Febbraio 2019 | 20:36

NEWS DALLA SEZIONE

Componente di una banda
Rubavano in case mentre i proprietari erano al mare, arrestato un barese

Rubavano in case mentre i proprietari erano al mare, arrestato un barese

 
In via Milizia
Scritte su sede Movimente 5 Stelle a Lecce, si segue pista anarchica

Scritte su sede Movimento 5 Stelle a Lecce, si segue pista anarchica

 
La novità
Da Gallipoli si vola in Grecia: il turismo viaggia in idrovolante

Da Gallipoli si vola in Grecia: il turismo viaggia in idrovolante

 
Nel Leccese
Distruggono macchia mediterranea per costruire edifici, due denunce a Porto Cesareo

Distruggono macchia mediterranea per costruire edifici, due denunce a Porto Cesareo

 
Nel Leccese
Galatone, droga nel circolo privato frequentato da pregiudicati: provvedimenti dei cc

Galatone, droga nel circolo privato frequentato da pregiudicati: provvedimenti dei cc

 
Verso il voto
Lecce, Salvemini strart: «Non permetteremo un ritorno al passato»

Lecce, Salvemini riparte: «Non permetteremo un ritorno al passato»

 
Nel Leccese
Ruba 200 libri antichi da casa di un anziano: denunciato a Taviano

Ruba 200 libri antichi da casa di un anziano: denunciato a Taviano

 
Sud Salento
L'accendino era in realtà un contenitore porta-droga: 8 segnalazioni nel Leccese

L'accendino era in realtà un contenitore porta-droga: 8 segnalazioni nel Leccese

 
A Lecce
Minore senza biglietto, autista non lo fa salire sul bus: denunciato

Minore senza biglietto, autista non lo fa salire sul bus: denunciato

 
La storia
Gallipoli, nigeriano sventa rapina in supermercato: titolare lo assume

Gallipoli, nigeriano sventa rapina in supermercato: titolare lo assume

 
Verso le elezioni
Lecce, il centrodestra ufficializza le primarie

Lecce, il centrodestra ufficializza le primarie

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceComponente di una banda
Rubavano in case mentre i proprietari erano al mare, arrestato un barese

Rubavano in case mentre i proprietari erano al mare, arrestato un barese

 
MateraNel Materano
Rubano tubi di rame da ditta, individuati 4 minorenni

Rubano tubi di rame da ditta, individuati 4 minorenni

 
BariInaugura il 21 febbraio
Sculture da indossare: la mostra di Anna Maria Di Terlizzi all'archivio di Stato di Bari

Sculture da indossare: la mostra di Anna Maria Di Terlizzi all'archivio di Stato di Bari

 
TarantoAl Teatro Fusco
La nuova vita di Diodato, senza confini ma con emozioni

La nuova vita di Diodato, senza confini ma con emozioni

 
BrindisiA Mesagne
Rapinò bar con mazza da baseball, rintracciato 19enne

Rapinò bar con mazza da baseball, rintracciato 19enne

 
BatDopo la denuncia
Estorcono denaro a un collega: 2 contadini arrestati

Estorcono denaro a un collega: 2 contadini arrestati

 
FoggiaLa storia
«Nonno Libero», il barbone più longevo di Foggia, avrà una casa

«Nonno Libero», il barbone più longevo di Foggia, avrà una casa

 
HomeLa nomina
Basilicata, Berlusconi presenta il candidato unico del centro destra: è Bardi

Basilicata, Bardi candidato unico del centrodestra

 

il caso

Il vescovo di Lecce
a sue spese seppellirà
tre salme abbandonate

ospedale Vito Fazzi di Lecce

LECCE - «Nessuna salma “dimenticata” in ospedale, ma soggetti deceduti in circostanze diverse e custoditi al Vito Fazzi». La precisazione arriva dalla Direzione medica dell’ospedale dopo il “tam tam” delle voci sulla presenza, da circa un anno, delle salme di due rumeni e di una nigeriana nell’obitorio del nosocomio. Una triste circostanza, che rivela una condizione di solitudine anche in quegli aspetti rituali che dovrebbero accompagnare la morte degli esseri umani, preservandone dignità e memoria.

Il fatto era noto anche negli ambienti della Diocesi di Lecce. Tanto che l’arcivescovo, monsignor Michele Seccia, ha voluto e disposto che i tre defunti vengano tumulati gratuitamemente nella cappella cimiteriale del Santissimo Sacramento.

«Non ci sono salme “dimenticate” nella camera mortuaria del “Vito Fazzi” - chiarisce la Direzione medica del nosocomio - semmai è più corretto parlare di soggetti deceduti in circostanze diverse e custoditi presso l’obitorio. Si tratta, infatti, per la gran parte, di salme pervenute alla camera mortuaria perché oggetto di indagini dell’Autorità giudiziaria ed il cui seppellimento è subordinato, anzitutto, al nulla osta dell’autorità inquirente». Nella nota si spiega anche che «per tutte le salme già identificate la Direzione medica ha provveduto da tempo alla denuncia di morte agli uffici dell’Anagrafe del Comune di Lecce. Per la successiva fase del seppellimento, tuttavia, è indispensabile cercare, dapprima, un contatto con i prossimi congiunti del defunto, anche attraverso le Ambasciate delle nazioni di provenienza: ricerca non agevole, poiché spesso si tratta di soggetti privi di riferimenti familiari in Italia. Del resto, proprio nel rispetto del defunto, sovente si è costretti ad attendere, nel tentativo di restituire la salma ai familiari, invece di procedere asetticamente alla sepoltura avvalendosi dei servizi comunali». La Direzione del “Fazzi” ringrazia, infine, l’arcivescovo Michele Seccia, «per la disponibilità al seppellimento nella cappella della confraternita “Santissimo Sacramento” del Cimitero di Lecce. Anche di questa circostanza sarà tempestivamente data comunicazione agli Uffici comunali». [p.b.]

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400