Mercoledì 23 Gennaio 2019 | 21:44

NEWS DALLA SEZIONE

Caccia ai ladri nel leccese
Caprarica, irrompono nell'ufficio postale da un buco nel muro e rubano 18mila euro

Caprarica, irrompono nell'ufficio postale da un buco nel muro e rubano 18mila euro

 
Il caso
Lecce, a 12 anni accusò parroco di molestie, adolescente rivela di aver mentito

Lecce, a 12 anni accusò parroco di molestie, adolescente rivela di aver mentito

 
Uscito dalla macchinetta
Lecce, beve espressino al bar e ingoia pezzo di metallo

Lecce, beve espressino al bar e ingoia pezzo di metallo

 
Il caso nel Leccese
Nardò, microspie in sagrestia per diffondere i segreti dei fedeli in confessione: è mistero

Nardò, microspie in sagrestia per diffondere i segreti dei fedeli in confessione: è mistero

 
A Giuggianello
Rave party illegale in Salento: 5 denunciati per festa in capannone

Rave party illegale in Salento: cinque denunciati per festa in capannone

 
Nella notte
Tap, acqua contaminata: blitz delle Tute blu davanti ad azienda di Martano

Tap, acqua contaminata: blitz delle «Tute blu» davanti ad azienda di Martano

 
A Miggiano
Lecce, cade dal tetto di un capannone industriale: morto 72enne

Lecce, cade dal tetto di un capannone: morto 72enne

 
Lotta alla droga
Lecce, trovato con 7 chili di marijuana: arrestato 19enne

Lecce, nascondeva 7 kg di marijuana in garage: arrestato 19enne

 
Il gasdotto
Tap, al via l'esame dei periti della Procura: presente anche Emiliano

Tap, al via esame periti della Procura: in aula anche Governatore Emiliano

 
L'appello
L'arcivescovo di Lecce Seccia con la Gazzetta: «Chi può intervenga»

L'arcivescovo di Lecce Seccia con la Gazzetta: «Chi può intervenga»

 
la vertenza salento
Lecce, gasdotto e risarcimenti, Minerva: «Presto un tavolo»

Lecce, gasdotto e risarcimenti, Minerva: «Presto un tavolo»

 

si ipotizza l'accusa di istigazione al suicidio

Studente morto a Nardò
aperta un'inchiesta

Studente morto a Nardòaperta un'inchiesta

LECCE - La Procura di Lecce apre un’inchiesta sulla morte di Daniele Battistini, il 26enne di Nardò trovato cadavere nel pomeriggio dell’altro ieri nella pineta di Porto Selvaggio. Il sostituto procuratore Maria Vallefuoco ipotizza l’accusa di istigazione al suicidio a carico di ignoti. L’apertura di un fascicolo d’indagine si deve ritenere un atto dovuto in attesa che il magistrato inquirente disponga gli accertamenti che riterrà più opportuni. Come primo passo dell’indagine, allo stato embrionale, è stato sequestrato il telefonino del ragazzo (trovato acceso dagli investigatori sul luogo del ritrovamento) per risalire agli ultimi contatti di Battistini prima del decesso. Sono stati sentiti i familiari del 26enne per comprendere se Daniele avesse esternato un malessere interno poi sfociato in un gesto estremo.

Nel pomeriggio di ieri, intanto, è stata eseguita l’autopsia dal medico legale Roberto Vaglio sul corpo del giovane ucciso da una coltellata. Chi lo conosce ricorda Daniele come un ragazzo introverso, chiuso, che difficilmente manifestava il proprio stato emotivo in pubblico. Il 26enne, studente di Scienze Infermieristiche, si era allontanato da casa domenica scorsa. Con sé aveva portato uno zaino con all’interno sia il portafogli che il telefonino. Ha girato a lungo spostandosi tra Nardò e Gallipoli senza più dare notizie di sé ai genitori e al fratello. Il ritrovamento del giovane si è concretizzato dopo giorni di ricerche e appelli. Il corpo di Daniele è stato ritrovato supino riverso per terra con un coltello da cucina conficcato al torace, all’altezza del cuore. I rilievi dei carabinieri della Compagnia di Gallipoli, dei colleghi della stazione di Nardò e degli uomini della Scientifica sono andati avanti a lungo. Sul posto anche vigili del fuoco e volontari. La pista privilegiata rimane quella del suicidio.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400