Martedì 17 Settembre 2019 | 16:17

NEWS DALLA SEZIONE

Il duello
Lecce, Gibò contro Billionaire: così il Salento sfida Briatore

Lecce, Gibò contro Billionaire: così il Salento sfida Briatore

 
Operazione Armonica
Mafia a Lecce, stroncato clan alleato ai Tornese: 22 arresti

Mafia a Lecce, stroncato clan alleato ai Tornese: 22 arresti Video

 
La tragedia
Stroncato da infarto per strada: muore sindaco di San Pietro in Lama

Stroncato da infarto per strada: muore sindaco di San Pietro in Lama

 
incidente sul lavoro
Aradeo, cede il cric: meccanico schiacciato da tir, è grave

Aradeo, cede il cric: meccanico schiacciato da tir, è grave

 
Sulla circonvallazione
Lecce, incendia il negozio attiguo al suo bar ormai chiuso: arrestato 57enne

Lecce, incendia il negozio attiguo al suo bar ormai chiuso: arrestato 57enne

 
La tragedia
Veglie, auto piomba su una bici: morto cicloturista belga

Veglie, auto piomba su una bici: morto cicloturista belga
Conducente era drogato

 
indagine nel Leccese
Trepuzzi, a 9 anni palpeggiata da anziano negoziante: arrestato

Trepuzzi, a 9 anni palpeggiata da anziano negoziante: arrestato

 
Il progetto
«Resilienza a domicilio»: l'associazione salentina 2HE porta gli psicoterapeuti nelle case dei malati di Sla

«Resilienza a domicilio»: l'associazione salentina 2HE porta gli psicoterapeuti nelle case dei malati di Sla

 
L'allarme
Gallipoli senza turisti e senza residenti: centro storico verso la desertificazione

Gallipoli senza turisti né residenti: centro storico verso la desertificazione

 
L'inchiesta
Salento, a 15 anni insulti e botte a scuola: indagati 4 bulli, anche una ragazzina

Salento, a 15 anni insulti e botte a scuola: indagati 4 bulli, anche una ragazzina

 
All'Ecotekne
Lecce, principio di incendio nella facoltà di Giurisprudenza: nessun ferito

Lecce, principio di incendio a Giurisprudenza: nessun ferito

 

Il Biancorosso

Dopo Bari Reggina
Bari non vince al San Nicola, Cornacchini: nessun tabù

Bari non vince al San Nicola, Cornacchini: nessun tabù

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIn centro
Taranto, si barrica in casa e minaccia d far saltare in aria lo stabile

Taranto, si barrica in casa e minaccia d far saltare in aria lo stabile

 
BariZona Cecilia
Modugno, dopo 50 anni sarà abbattuto lo storico «bubbone»

Modugno, dopo 50 anni sarà abbattuto lo storico «bubbone»

 
FoggiaSerie D
Scontri Nocerina-Foggia: arrestati tre tifosi dalla Polizia

Scontri Nocerina-Foggia: arrestati tre tifosi dalla Polizia

 
BatArrestato
Barletta, marocchino accoltella tunisino e gli aizza contro un Pitbull

Barletta, marocchino accoltella tunisino e gli aizza contro un Pitbull

 
MateraUna settimana di eventi
Pax Mater, la Città dei Sassi capitale della pace

Pax Mater, la Città dei Sassi capitale della pace

 
LecceIl duello
Lecce, Gibò contro Billionaire: così il Salento sfida Briatore

Lecce, Gibò contro Billionaire: così il Salento sfida Briatore

 
PotenzaA Londra
Birra lucana bissa titolo campione del mondo

Birra lucana bissa titolo campione del mondo

 
BrindisiIncastrata dai filmati
Francavilla, maltrattava 84enne: arrestata badante georgiana

Francavilla, maltrattava 84enne: arrestata badante georgiana

 

i più letti

Palazzo Carafa

«Nel centrodestra c'è
chi gioca per spaccare»

Perrone: «Ho ereditato un Comune fallito e spesso ho pensato di gettare la spugna»

«Nel centrodestra c'è chi gioca per spaccare»

di Fabio Casilli

LECCE - Prima dei sorrisi e del brindisi, l’ultimo da sindaco, nel tradizionale scambio di auguri di fine anno con i giornalisti, la stoccata di Paolo Perrone: «Non tutti, nel centrodestra, stanno giocando la partita per una coalizione unita e per la vittoria».

Una partita, quella delle Comunali della prossima primavera, che vedrà Perrone candidato per un seggio da semplice consigliere. Ancora non si sa con quale lista. Ma ha smentito di aspirare ad un posto da futuro assessore. Forse i 19 anni da amministratore (i primi 9 proprio da assessore di Adriana Poli Bortone, i secondi 10 da primo cittadino) a Perrone sono bastati.

La conferenza stampa di ieri mattina, nella sala Giunta di palazzo Carafa, è stata l’occasione per fare un sommario bilancio del passato e per preannunciare le sue intenzioni future. Con qualche frecciatina, appunto. «A chi mi riferisco? A Forza Italia - ha risposto il sindaco uscente - O meglio a parte di Forza Italia. Sarebbe assurdo che, solo per spirito di rivalsa, il simbolo di Forza Italia possa restare fuori dal centrodestra. Se accadrà, gli elettori comprenderanno il perché».

Nessun nome, ma in quel riferimento più di qualcuno ci ha visto l’ennesimo conflitto con la senatrice Poli. Anche perché lo stesso Perrone ha ribadito di aver «ereditato» da lei un “Comune tecnicamente fallito”. «Se tornassi indietro e mi rivedessi nella tensione che vivevo il giorno in cui diventai sindaco, alle montagne straordinarie da scalare - ha ricordato - sicuramente non ci sarebbe stato da scommettere un euro sui risultati ottenuti oggi. Il Comune di Lecce era tecnicamente fallito. E più volte fui sul punto di gettare la spugna e di dire: “Non ce la posso fare”. Però ci siamo messi a lavorare e lo abbiamo fatto con una sola stella polare: il bene dei cittadini. Abbiamo dovuto attraversare la peggior congiuntura economica che ha coinvolto il nostro Paese dal Dopoguerra».

La città, però, ha deciso di puntare su turismo, servizi e nuove tecnologie, come settori trainanti della sua economia. «Chi mi sostituirà alla guida di palazzo Carafa si troverà già risolta la questione dell'esistenza o meno di questo Ente. Cosa che io non avevo con le questioni Boc, via Brenta, Leadri, Lupiae, filobus irrisolte - ha aggiunto Perrone - Il prossimo sindaco, invece, troverà una situazione economico-finanziaria in equilibrio ed un parco progetti che, se la Regione farà partire i bandi della nuova programmazione, ci permetteranno di dire la nostra. Siamo pronti in tutti i settori. Abbiamo il cassetto pieno di progetti. Speriamo che le procedure valorizzino non chi è amico di questo ministro o quell’assessore regionale, ma chi è più bravo, perché su questo piano possiamo confrontarci con chiunque».

Infine, un riferimento alle candidature: «Confido che si possa arrivare ad un nome condiviso da tutti. In caso contrario, facciamo scegliere ai nostri elettori».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie