Mercoledì 23 Gennaio 2019 | 04:04

NEWS DALLA SEZIONE

A Giuggianello
Rave party illegale in Salento: 5 denunciati per festa in capannone

Rave party illegale in Salento: cinque denunciati per festa in capannone

 
Nella notte
Tap, acqua contaminata: blitz delle Tute blu davanti ad azienda di Martano

Tap, acqua contaminata: blitz delle «Tute blu» davanti ad azienda di Martano

 
A Miggiano
Lecce, cade dal tetto di un capannone industriale: morto 72enne

Lecce, cade dal tetto di un capannone: morto 72enne

 
Lotta alla droga
Lecce, trovato con 7 chili di marijuana: arrestato 19enne

Lecce, nascondeva 7 kg di marijuana in garage: arrestato 19enne

 
Il gasdotto
Tap, al via l'esame dei periti della Procura: presente anche Emiliano

Tap, al via esame periti della Procura: in aula anche Governatore Emiliano

 
L'appello
L'arcivescovo di Lecce Seccia con la Gazzetta: «Chi può intervenga»

L'arcivescovo di Lecce Seccia con la Gazzetta: «Chi può intervenga»

 
la vertenza salento
Lecce, gasdotto e risarcimenti, Minerva: «Presto un tavolo»

Lecce, gasdotto e risarcimenti, Minerva: «Presto un tavolo»

 
Truffa nel Leccese
Alezio, estorce soldi ad anziano fingendosi il figlio di un vecchio amico malato

Alezio, estorce soldi ad anziano fingendosi il figlio di un vecchio amico malato

 
Ambiente
Colombi e igiene, la Procura di Lecce apre un fascicolo

Colombi e igiene, la Procura di Lecce apre un fascicolo

 
In Salento
Taurisano, dopo incidente chiede aiuto: il «soccorritore» tenta di stuprarla

Taurisano, dopo incidente chiede aiuto: il «soccorritore» tenta di stuprarla

 
A Castrignano del Capo
Beve in un bar detersivo al posto dell'acqua: asportato stomaco a 28enne nel Leccese

Chiede acqua in un bar e gli servono brillantante: asportato stomaco a 28enne nel Leccese

 

Tre proiettili in una busta per il sindaco di Novoli

Tre proiettili in una busta per il sindaco di Novoli
di Francesco Oliva

NOVOLI - Tre proiettili sigillati in una busta con destinatari ben precisi: Gianmaria Greco, sindaco di Novoli con delega all’Ambiente, alla Cultura e alla Polizia Locale e «la sua compagnia». Il messaggio intimidatorio risale a venerdì mattina ma è trapelato solo nelle scorse ore. Così l’intera cittadinanza del comune a nord di Lecce è ripiombata nella paura. Appena pochi mesi fa, per la precisione a maggio, un’altra busta con all’interno cinque proiettili era stata recapitata all’allora sindaco Oscar Marzo Vetrugno. In piena campagna elettorale.

Ora una nuova minaccia al neo primo cittadino, eletto solo sei mesi fa.Il messaggio con la polvere da sparo è stato scoperto quasi per caso. Venerdì mattina, l’avvocato Greco si trovava a Lecce per impegni professionali, quando è stato contattato telefonicamente. Pochi minuti prima, un dipendente comunale aveva notato una busta poggiata sulle scale all’ingresso del Palazzo di Città. Insospettito, l’impiegato ha informato un consigliere comunale presente in quel momento in Municipio. Le preoccupazioni sono state alimentate dai destinatari inseriti sulla busta: «Al sindaco e compagnia».

Chi ha recapitato il messaggio ha adottato le dovute cautele. Si è servito con ogni probabilità di un normografo (un particolare tipo di righello utilizzato per la scrittura di caratteri uniformi). In attesa che il sindaco rientrasse, nessuno ha tastato il contenuto della busta. Non appena è arrivato in Comune neppure il primo cittadino ha aperto l’involucro, memore dell’intimidazione subita solo pochi mesi prima. E’ comunque scattato l’allarme. Con discrezione in Comune sono arrivati i carabinieri della locale stazione guidati dal maresciallo Lorenzo Cannizzo. La busta è stata sequestrata. Dopo aver ottenuto l’autorizzazione dal pubblico ministero Paola Guglielmi, i militari hanno aperto in caserma la busta: all’interno tre proiettili.

Nelle ore immediatamente successiva il sindaco si è presentato presso la caserma dei carabinieri di Novoli per sporgere querela. Le indagini sono affidate ai carabinieri della Compagnia di Campi Salentina. Gli investigatori, guidati dal maggiore Nicola Fasciano, hanno ascoltato il primo cittadino e mantengono il massimo riserbo per non condizionare il prosieguo delle indagini. Una pista investigativa, però, ci sarebbe già. L’intimidazione potrebbe risultare il prosieguo di una prima minaccia, sempre con proiettili, recapitata al precedente sindaco Oscar Marzo Vetrugno. Unite da un unico filo conduttore: le assunzioni nella ditta “Igeco” su cui, già da tempo, la Procura ha acceso un faro.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400