Lunedì 18 Febbraio 2019 | 13:08

NEWS DALLA SEZIONE

Verso il voto
Lecce, Salvemini strart: «Non permetteremo un ritorno al passato»

Lecce, Salvemini riparte: «Non permetteremo un ritorno al passato»

 
Nel Leccese
Ruba 200 libri antichi da casa di un anziano: denunciato a Taviano

Ruba 200 libri antichi da casa di un anziano: denunciato a Taviano

 
Sud Salento
L'accendino era in realtà un contenitore porta-droga: 8 segnalazioni nel Leccese

L'accendino era in realtà un contenitore porta-droga: 8 segnalazioni nel Leccese

 
A Lecce
Minore senza biglietto, autista non lo fa salire sul bus: denunciato

Minore senza biglietto, autista non lo fa salire sul bus: denunciato

 
La storia
Gallipoli, nigeriano sventa rapina in supermercato: titolare lo assume

Gallipoli, nigeriano sventa rapina in supermercato: titolare lo assume

 
Verso le elezioni
Lecce, il centrodestra ufficializza le primarie

Lecce, il centrodestra ufficializza le primarie

 
Controlli Nas e Asl
Lecce, farmaci e dispositivi medici scaduti in ospedale: due denunciati

Lecce, farmaci e dispositivi medici scaduti in ospedale: due denunciati

 
Nel Leccese
Rubò cibo da ristorante e scappò con macchina rubata: un arresto a Tricase

Rubò cibo da ristorante e scappò con macchina rubata: un arresto a Tricase

 
Denunciato
Lecce, «Sono suo nipote» e bidona due notai per prosciugare conti di anziana

Lecce, «Sono suo nipote» e bidona due notai per prosciugare conti di anziana

 
Sono ai domiciliari
Cutrofiano, ladri «visitano» capannone pignorato: presi dai Cc

Cutrofiano, ladri «visitano» capannone pignorato: presi dai Cc

 
In via Giammatteo
Lecce, si fingono poliziotti e rapinano ristoratore: via con la fuoriserie

Lecce, si fingono poliziotti e rapinano ristoratore: via con la fuoriserie

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariL'evento
Franco Pepe, il miglior pizzaiolo al mondo, porta la pizza fritta dolce a Conversano

Franco Pepe, il miglior pizzaiolo al mondo, porta la pizza fritta dolce a Conversano

 
BatTutti bitontini
Inseguiti dai cc, arrestati tre ladri seriali d'auto nel Nordbarese

Inseguiti dai cc, arrestati tre ladri seriali d'auto nel Nordbarese

 
BrindisiLotta alla droga
Carovigno, "spiaggiati" a Punta Penna Grossa 14 kg di marijuana

Carovigno, "spiaggiati" a Punta Penna Grossa 14 kg di marijuana

 
MateraDopo la frana
Pomarico, servizio di vigilanza davanti alle scuole

Pomarico, servizio di vigilanza davanti alle scuole

 
HomeLa nomina
Basilicata, Berlusconi presenta il candidato unico del centro destra: è Bardi

Basilicata, Berlusconi presenta il candidato unico del centro destra: è Bardi

 
FoggiaLotta allo spaccio
San Severo, in camera 10 kg di droga e un’arma clandestina: arrestato 28enne

San Severo, in camera 10 kg di droga e un’arma clandestina: arrestato 28enne

 
Tarantotra sabato e domenica
Massafra, vandali in azione: danneggiati sette scuola bus

Massafra, vandali in azione: danneggiati sette scuola bus

 
LecceVerso il voto
Lecce, Salvemini strart: «Non permetteremo un ritorno al passato»

Lecce, Salvemini riparte: «Non permetteremo un ritorno al passato»

 

Lecce, morì a 4 anni dopo cure omeopatiche genitori accusati di omicidio

Lecce, morì a 4 anni dopo cure omeopatiche genitori accusati di omicidio
LECCE – Era un bambino fragile, pesava solo 12 chili e 800 grammi ed era alto 99 centimetri, affetto da varie patologie. E una brutta influenza venne curata con medicine omeopatiche decise dall’unico medico che all’epoca si occupò di lui: suo padre, un omeopata. Luca Montestellato morì a 4 anni il 20 ottobre del 2011 ed ora il gip di Lecce Alcide Maritati ha respinto la richiesta di archiviazione presentata dal pubblico ministero Alberto Santacatterina per i genitori del piccolo che dovranno rispondere di omicidio colposo con una imputazione coatta.

Il piccolo, secondo quanto raccontarono i medici dell’ospedale di Tricase, 'Cardinal Panico', era giunto nel nosocomio già morto e aveva ecchimosi alle gambe, era smagrito e debole a causa di un’influenza con complicazioni gastrointestinali che durava da giorni e giorni e che il papà, un medico omeopatico, aveva curato con questo tipo di medicina. I genitori del piccolo, Marcello Monsellato e Giovanna Pantaleo, al magistrato raccontarono invece che il loro figlio era giunto vivo in ospedale e che i medici per circa un’ora gli avevano praticato senza successo manovre rianimatorie. Per questa ragione all’epoca vennero iscritti nel registro degli indagati, oltre ai genitori del bambino, anche tre medici dell’ospedale per i quali – dopo la consulenza di medici legali che sgombrarono il campo sulla responsabilità dei primi soccorritori, stabilendo che il bambino arrivò in ospedale già morto – fu poi accolta la richiesta di archiviazione. Di lì a qualche giorno il magistrato depositò analoga istanza per i genitori del bambino, dopo aver valutato le due consulenze dei medici legali: la prima si pronunciò sulle cause del decesso e sullo stato di salute complessivo del bambino, la seconda su quando si manifestò quella polmonite interstiziale ed alveolare che determinò poi la morte. Il magistrato titolare del fascicolo giunse alla conclusione che non si poteva dimostrare un nesso causale fra il comportamento tenuto dai genitori ed il decesso. Questa interpretazione, però, non è stata condivisa dal gip Alcide maritati il quale ha disposto l’imputazione coatta di omicidio colposo, affermando che dovrà essere il processo a chiarire ogni dubbio.

"Si tratta di un giudizio probabilistico quello del gip, che cercheremo di ribaltare in aula con le nostre consulenze": ha commentato l’avvocato Lorenzo Valgimigli, legale dei genitori del piccolo. "Se arriveremo in aula – ha aggiunto il legale emiliano – dimostreremo come il bimbo fosse affetto da una malattia organica deficitaria che impedisce al corpo umano di assimilare le proteine. Ecco perchè risultava sottopeso e denutrito, non certo per colpa dei suoi genitori che hanno già sofferto abbastanza per questa tragedia". Di parere contrario il gip di Lecce Alcide Maritati arrivato ad imporre una richiesta di rinvio a giudizio coatta: "Sulla base dei risultati delle consulenze medico-legali effettuate dai consulenti della Procura che hanno evidenziato come il decesso – afferma – non sia stata una fatalità".

Nei confronti dei due genitori che avevano una scarsa fiducia nella medicina tradizionale emergerebbero - secondo il gip – precise responsabilità per omessa cura da parte di chi "aveva il dovere di provvedere ad alimentare a dovere il proprio figlio facendolo vistare da medici specialisti". Tra l'altro è stato accertato dalle consulenze fatte sull'anamnesi del bambino che le condizioni di salute di Luca cinque mesi prima della morte erano già piuttosto preoccupanti perchè risultava malnutrito e carente di proteine e di calorie. E, tra l'altro, non era stato sottoposto a visite specialistiche. Sarà quindi il processo ora a stabilire se vi sia un nesso tra la morte del piccolo Luca e il tipo di cure alle quali è stato sottoposto dai genitori.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400