Giovedì 24 Gennaio 2019 | 00:49

NEWS DALLA SEZIONE

Caccia ai ladri nel leccese
Caprarica, irrompono nell'ufficio postale da un buco nel muro e rubano 18mila euro

Caprarica, irrompono nell'ufficio postale da un buco nel muro e rubano 18mila euro

 
Il caso
Lecce, a 12 anni accusò parroco di molestie, adolescente rivela di aver mentito

Lecce, a 12 anni accusò parroco di molestie, adolescente rivela di aver mentito

 
Uscito dalla macchinetta
Lecce, beve espressino al bar e ingoia pezzo di metallo

Lecce, beve espressino al bar e ingoia pezzo di metallo

 
Il caso nel Leccese
Nardò, microspie in sagrestia per diffondere i segreti dei fedeli in confessione: è mistero

Nardò, microspie in sagrestia per diffondere i segreti dei fedeli in confessione: è mistero

 
A Giuggianello
Rave party illegale in Salento: 5 denunciati per festa in capannone

Rave party illegale in Salento: cinque denunciati per festa in capannone

 
Nella notte
Tap, acqua contaminata: blitz delle Tute blu davanti ad azienda di Martano

Tap, acqua contaminata: blitz delle «Tute blu» davanti ad azienda di Martano

 
A Miggiano
Lecce, cade dal tetto di un capannone industriale: morto 72enne

Lecce, cade dal tetto di un capannone: morto 72enne

 
Lotta alla droga
Lecce, trovato con 7 chili di marijuana: arrestato 19enne

Lecce, nascondeva 7 kg di marijuana in garage: arrestato 19enne

 
Il gasdotto
Tap, al via l'esame dei periti della Procura: presente anche Emiliano

Tap, al via esame periti della Procura: in aula anche Governatore Emiliano

 
L'appello
L'arcivescovo di Lecce Seccia con la Gazzetta: «Chi può intervenga»

L'arcivescovo di Lecce Seccia con la Gazzetta: «Chi può intervenga»

 
la vertenza salento
Lecce, gasdotto e risarcimenti, Minerva: «Presto un tavolo»

Lecce, gasdotto e risarcimenti, Minerva: «Presto un tavolo»

 

Madre e figlio legati e rapinati dai banditi

Madre e figlio legati e rapinati dai banditi
di PIERANGELO TEMPESTA

Legati, imbavagliati e costretti a consegnare quasi diecimila euro. È stata una notte di terrore quella tra domenica e lunedì per una 69enne e un 39enne di Lecce, madre e e figlio.

I due sono stati vittime di una rapina avvenuta nella loro abitazione, alla periferia della città, in via Romeo De Magistris. Una zona isolata del capoluogo, dove i malviventi hanno potuto agire indisturbati e dalla quale hanno potuto allontanarsi in pochi minuti dopo il «colpo».

A mettere a segno la rapina sono stati in quattro, forse cinque. Tutto è stato studiato nei minimi particolari. Per poter riuscire a entrare nella villa, poco dopo le 23 i rapinatori hanno staccato l’energia elettrica e si sono messi in attesa di qualcuno che, dall’interno, uscisse fuori per mettere mano all’interruttore generale.

Il piano ha funzionato. Pochi istanti dopo il 39enne - che si trovava al piano inferiore a guardare la televisione - ha aperto la porta con l’intenzione di raggiungere il quadro elettrico. Ma è stato immediatamente bloccato dai rapinatori, che lo hanno minacciato con pistole e fucili a canne mozze e lo hanno costretto a rientrare in casa. I banditi erano incappucciati e indossavano i guanti per non lasciare nessuna traccia. Hanno svegliato la 69enne, che dormiva al piano superiore, e hanno immobilizzato entrambe le vittime legando loro i polsi con il nastro adesivo, per poi costringerle a mostrare i posti in cui era custodito il denaro.

Dopo aver arraffato il bottino - quasi diecimila euro in contanti che la donna custodiva in casa - hanno bloccato le caviglie ai due malcapitati e li hanno imbavagliati. Hanno quindi raggiunto il giardino, sono saliti a bordo della Renault Scenic di famiglia e si sono dati alla fuga facendo perdere ogni traccia.

Quando madre e figlio sono riusciti a liberarsi, ancora in preda al terrore hanno chiamato in loro aiuto il 113.

Sul posto sono giunti gli agenti delle Volanti e della Scientifica della Questura di Lecce, che hanno ascoltato il racconto delle due vittime e si sono messi alla ricerca di tracce utili. Le indagini sono in mano ai poliziotti della Squadra mobile, che sono ritornati nella villa anche nel pomeriggio di ieri per cercare ulteriori indizi utili a rintracciare i rapinatori.

L’auto delle vittime è stata ritrovata ieri mattina in una campagna alla periferia di Villa Convento, completamente distrutta dalle fiamme.

Pare che ad agire siano state persone del posto: avrebbero infatti pronunciato parole in dialetto durante l’assalto. Purtroppo nella zona non sono installate telecamere di videosorveglianza. Gl investigatori, dunque, dovranno proseguire nelle indagini basandosi unicamente sugli elementi raccolti sul posto e sul racconto fornito dalle due vittime.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400