Martedì 17 Settembre 2019 | 16:38

NEWS DALLA SEZIONE

Il duello
Lecce, Gibò contro Billionaire: così il Salento sfida Briatore

Lecce, Gibò contro Billionaire: così il Salento sfida Briatore

 
Operazione Armonica
Mafia a Lecce, stroncato clan alleato ai Tornese: 22 arresti

Mafia a Lecce, stroncato clan alleato ai Tornese: 22 arresti Video

 
La tragedia
Stroncato da infarto per strada: muore sindaco di San Pietro in Lama

Stroncato da infarto per strada: muore sindaco di San Pietro in Lama

 
incidente sul lavoro
Aradeo, cede il cric: meccanico schiacciato da tir, è grave

Aradeo, cede il cric: meccanico schiacciato da tir, è grave

 
Sulla circonvallazione
Lecce, incendia il negozio attiguo al suo bar ormai chiuso: arrestato 57enne

Lecce, incendia il negozio attiguo al suo bar ormai chiuso: arrestato 57enne

 
La tragedia
Veglie, auto piomba su una bici: morto cicloturista belga

Veglie, auto piomba su una bici: morto cicloturista belga
Conducente era drogato

 
indagine nel Leccese
Trepuzzi, a 9 anni palpeggiata da anziano negoziante: arrestato

Trepuzzi, a 9 anni palpeggiata da anziano negoziante: arrestato

 
Il progetto
«Resilienza a domicilio»: l'associazione salentina 2HE porta gli psicoterapeuti nelle case dei malati di Sla

«Resilienza a domicilio»: l'associazione salentina 2HE porta gli psicoterapeuti nelle case dei malati di Sla

 
L'allarme
Gallipoli senza turisti e senza residenti: centro storico verso la desertificazione

Gallipoli senza turisti né residenti: centro storico verso la desertificazione

 
L'inchiesta
Salento, a 15 anni insulti e botte a scuola: indagati 4 bulli, anche una ragazzina

Salento, a 15 anni insulti e botte a scuola: indagati 4 bulli, anche una ragazzina

 
All'Ecotekne
Lecce, principio di incendio nella facoltà di Giurisprudenza: nessun ferito

Lecce, principio di incendio a Giurisprudenza: nessun ferito

 

Il Biancorosso

Dopo Bari Reggina
Bari non vince al San Nicola, Cornacchini: nessun tabù

Bari non vince al San Nicola, Cornacchini: nessun tabù

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIn centro
Taranto, si barrica in casa e minaccia d far saltare in aria lo stabile

Taranto, si barrica in casa e minaccia d far saltare in aria lo stabile

 
BariZona Cecilia
Modugno, dopo 50 anni sarà abbattuto lo storico «bubbone»

Modugno, dopo 50 anni sarà abbattuto lo storico «bubbone»

 
FoggiaSerie D
Scontri Nocerina-Foggia: arrestati tre tifosi dalla Polizia

Scontri Nocerina-Foggia: arrestati tre tifosi dalla Polizia

 
BatArrestato
Barletta, marocchino accoltella tunisino e gli aizza contro un Pitbull

Barletta, marocchino accoltella tunisino e gli aizza contro un Pitbull

 
MateraUna settimana di eventi
Pax Mater, la Città dei Sassi capitale della pace

Pax Mater, la Città dei Sassi capitale della pace

 
LecceIl duello
Lecce, Gibò contro Billionaire: così il Salento sfida Briatore

Lecce, Gibò contro Billionaire: così il Salento sfida Briatore

 
PotenzaA Londra
Birra lucana bissa titolo campione del mondo

Birra lucana bissa titolo campione del mondo

 
BrindisiIncastrata dai filmati
Francavilla, maltrattava 84enne: arrestata badante georgiana

Francavilla, maltrattava 84enne: arrestata badante georgiana

 

i più letti

I giudici del Tar bloccano l’appalto della statale 275 Maglie-Leuca

I giudici del Tar bloccano l’appalto della statale 275 Maglie-Leuca
di Emanuela Tommasi

LECCE - n altro stop ai lavori per la Statale 275. E arriva, ancora una volta, dalle aule giudiziarie. Il Tar, infatti, ha accolto il ricorso della Ccc-Igeco contro il provvedimento con il quale l’Anas aveva dato esecuzione alla sentenza del Consiglio di Stato affidando i lavori al raggruppamento Matarrese-Coedisal. La decisione dei giudici del Tar, dunque, determina l’ennesimo stallo in una vicenda - il raddoppio della Maglie-Leuca - nata poco meno di una decina di anni fa, tra infuocate polemiche dei residenti e degli ambientalisti e un braccio di ferro a colpi di carte bollate.Con la prima sentenza, nel 2013, il Tar aveva respinto il ricorso dell’Ati Matarrese-Coedisal, ritenendo legittima l’aggiudicazione dei lavori della Statale al raggruppamento CCC-Igeco. Ma il Consiglio di Stato aveva annullato la sentenza del Tar - su ricorso in appello della Matarrese - affermando che il procedimento concorsuale dell’Anas era viziato da macroscopiche illegittimità. I giudici della Quarta sezione di Palazzo Spada avevano aggiunto che le prime tre aziende in graduatoria (la Matarrese è quarta) - dovevano essere escluse dalla gara a causa delle gravi illegittimità alle quali avevano concorso, inducendo in errore la stessa stazione appaltante. I giudici amministrativi non potevano annullare direttamente il contratto già stipulato dall’Anas, ma suggerivano di procedere all’autoannullamento in autotutela dell’aggiudicazione ed alla conseguente risoluzione del contratto. Inoltre, disponevano un risarcimento di dieci milioni di euro al raggruppamento escluso.

L’Anas, quindi, aveva annullato l’aggiudicazione ed il contratto con la Ccc-Igeco, aggiudicando i lavori alla Matarrese. Di conseguenza, la Ccc-Igeco si è rivolta ai giudici amministrativi, i quali hanno accolto il ricorso. La palla, ora, torna al Consiglio di Stato, chiamato a sciogliere l’intricata matassa.

Secondo gli avvocati Pietro e Luigi Quinto, difensori di Matarrese-Coedisal, la decisione del Tar era ampiamente prevedibile. «Il Tar ha confermato le tesi del 2013, ribadite nell’ordinanza cautelare del 9 maggio scorso - spiegano - pervenendo, peraltro, ad un esito contraddittorio. Infatti, ha accolto il ricorso di Ccc-Igeco avverso il provvedimento di annullamento dell’aggiudicazione. Però, ha dichiarato la propria incompetenza ad incidere sulla risoluzione del contratto dichiarata da Anas. Ad oggi - evidenziano - l’unica cosa certa è che Ccc-Igeco non può eseguire i lavori essendo stato risolto il contratto. Per le stesse ragioni, non può essere approvata la progettazione esecutiva».

Immediate le reazioni. «È inaccettabile che, dopo anni di rimpallo, ci sia l’ennesimo stop - interviene il presidente del gruppo regionale di Forza Italia, Andrea Caroppo - Mentre i tempi della Giustizia in Italia restano lunghi, la Maglie-Leuca ha già fatto una cinquantina di vittime di incidenti stradali. La decisione del Tar va rispettata - continua - ma è lecito fare un appello al buon senso condiviso da tutte le istituzioni. Senza dimenticare il rischio incombente di perdere i fondi disponibili, dopo anni di promesse».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie