Martedì 14 Luglio 2020 | 19:24

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Lecce, «mio figlio positivo al Coronavirus»: caos al tribunale

Lecce, «mio figlio positivo al Coronavirus»: caos al tribunale

 
nel leccese
Galatone, colpi di pistola contro auto zia pregiudicato: indaga la polizia

Galatone, colpi di pistola contro auto zia pregiudicato: indaga la polizia

 
malcostume
Lecce, reddito di cittadinanza, scovati altri 15 «furbetti»

Lecce, reddito di cittadinanza: scovati altri 15 «furbetti»

 
il rogo
Gallipoli, vasto incendio vicino Lido Conchiglie, in azione canadair

Gallipoli, vasto incendio vicino Lido Conchiglie, in azione canadair

 
nel leccese
Ugento, tartaruga depone uova in spiaggia di un resort: quarto nido nel Salento

Ugento, tartaruga depone uova in spiaggia di un resort: quarto nido nel Salento

 
sequestro
Torre Lapillo, lido completamente abusivo: denunciato imprenditore

Torre Lapillo, lido completamente abusivo: denunciato imprenditore

 
la mostra
L’epico Laboratorio di Renzo Piano dedicato a Otranto

L’epico Laboratorio di Renzo Piano dedicato a Otranto

 
batterio Killer
Il secolare “albero del diavolo”

Salice Salentino, il secolare “albero del diavolo” ucciso dalla Xylella dopo 400 anni

 
il caso in salento
Otranto, «È un lupo oppure un cane inselvatichico?. Di certo è aggressivo e va preso quanto prima»

«È un lupo o un cane inselvatichito? Di certo è aggressivo e va preso quanto prima»: parla l'esperto

 
Il gasdotto
Melendugno, «Il gas di Tap arriverà a Ferragosto? Sono pronto  a presentare una denuncia»

Sindaco Melendugno, «Il gas di Tap a Ferragosto? Sono pronto a presentare denuncia»

 
L'intervista
Racale, chi rapì il piccolo Mauro? La mamma: « Dopo 43 anni chiediamo la verità e che torni a casa»

Racale, chi rapì il piccolo Mauro? La mamma: « Dopo 43 anni chiediamo la verità e che torni a casa»

 

Il Biancorosso

calcio
Bari-Ternana 1-1 Biancorossi in semifinale play-off

Bari-Ternana 1-1 Biancorossi in semifinale play-off

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoL'operazione dei cc
Taranto, bloccano strade con transenna per ripulire bancomat: il colpo fallisce

Taranto, bloccano strade con transenna per ripulire bancomat: il colpo fallisce

 
LecceIl caso
Lecce, «mio figlio positivo al Coronavirus»: caos al tribunale

Lecce, «mio figlio positivo al Coronavirus»: caos al tribunale

 
BrindisiIl caso
Brindisi, la denuncia della Lega: «In arrivo 100 migranti positivi al Covid»

Brindisi, la denuncia della Lega: «In arrivo 100 migranti, tra loro anche positivi al Covid»

 
Potenzain basilicata
Bella, bolletta Tim di 15 euro, la battaglia legale finisce in Cassazione

Per pagare la bolletta si spendono 15 euro: la battaglia legale di Bella finisce in Cassazione

 
Bariil sopralluogo
Bari, Decaro: «Entro fine anno ex caserma Rossani sarà biblioteca più grande del Sud»

Bari, Decaro: «Entro fine anno ex caserma Rossani sarà biblioteca più grande del Sud»

 
Foggiamedicina
Foggia, ai «Riuniti» primo intervento su un paziente sveglio

Foggia, al «Riuniti» primo intervento su un paziente sveglio in Neurochirurgia

 
Materain zona san pardo
Matera, gestiva un'officina di riparazioni auto e moto totalmente abusiva: scoperto dai cc

Matera, gestiva un'officina di riparazioni auto e moto totalmente abusiva: scoperto dai cc

 

i più letti

Lecce, bufera al Comune indagati due assessori per favori su case popolari Il sindaco: percorso trasparente

Lecce, bufera al Comune indagati due assessori per favori su case popolari Il sindaco: percorso trasparente
LINDA CAPPELLO
LECCE - Ieri mattina, i militari del Nucleo di polizia tributaria della Guardia di Finanza hanno notificato un avviso di garanzia nei confronti di tre esponenti politici e di un funzionario: l’assessore Attilio Monosi, titolare della delega al Bilancio, alla Programmazione economica, al Patrimonio ed alle Politiche abitative; l’assessore al Traffico Luca Pasqualini, all’epoca dei fatti addetto all’ufficio Casa del comune di Lecce; il vice presidente del consiglio comunale Antonio Torricelli; e Pasquale Gorgoni, attuale funzionario dell’ufficio patrimonio ed ex addetto dell’ufficio casa.

I reati ipotizzati (ma non ancora attribuiti ai singoli indagati) dal procuratore aggiunto Antonio De Donno e dal sostituto Antonio Negro sono quelli di associazione a delinquere, corruzione, abuso d’ufficio, falso ideologico e materiale in atto pubblico e truffa aggravata ai danni dello Stato per il conseguimento di erogazioni pubbliche.

Un vero e proprio terremoto, insomma, quello che si è abbattuto ieri nelle stanze di Palazzo Carafa.

I finanzieri, agli ordini del tenente colonnello Nicola De Santis, si sono presentati negli uffici comunali poco dopo le sette, con in mano un decreto di perquisizione. Un’attività che è andata avanti per ore, fino a pomeriggio inoltrato. Le prime ispezioni sono state effettuate negli uffici dell’assessore Monosi e di Torricelli, ma anche alla sede dell’ufficio casa di viale Lombardia ed in viale Rossini, dove si trova l’ufficio Mobilità diretto da Pasqualini. Perquisizioni sono state effettuate anche nelle abitazioni degli indagati e nei rispettivi studi professionali. Al termine delle operazioni, gli investigatori hanno sequestrato alcuni computer (almeno cinque o sei) e diversi faldoni relativi all’assegnazione degli alloggi popolari.

Secondo quanto prospettato dalla magistratura, gli indagati «in concorso fra loro, nelle loro rispettive qualità, avrebbero favorito svariati soggetti promettendo agli stessi di ottenere l’indebita concessione/attribuzione di alloggi pubblici ai quali non avrebbero avuto diritto poichè privi dei requisiti richiesti e non utilmente collocati nelle graduatorie di merito». La contestazione, così come formulata, si riferisce ad un periodo che arriva sino al febbraio scorso.

Nel decreto si fa riferimento a «gravi e plurimi favoritismi», che riguarderebbero le procedure amministrative relative alle case-parcheggio, alle sanatorie delle abitazioni occupate abusivamente, allo scambio di alloggi e concessioni di immobili di nuova costruzione, nonchè alla assegnazione di altri immobili commerciali di proprietà comunale.

Sono queste le vicende finite all’attenzione degli inquirenti, esaminate dettagliatamente in un’informativa depositata in Procura il 26 maggio scorso. Tramite le perquisizioni, i magistrati vogliono accertare l’eventuale presenza di documenti che possano chiarire i rapporti fra gli indagati ed i soggetti favoriti.

L’inchiesta, avviata da circa un anno, nasce dagli sviluppi investigativi di un’altra attività le cui indagini sono partite nel 2013. In Procura, infatti, c’è un altro fascicolo sugli alloggi popolari, che però riguarda lo Iacp. Sono tre i dipendenti indagati in quel filone: Raffaele Guido, 64 anni, di Lecce, responsabile di procedimento; di Pietro Romito, 57 anni, di Lecce, impiegato; di Anna Grazia Santoro, 62, di Vernole, dirigente titolare di posizione organizzativa.

Nel luglio 2013 furono effettuate delle perquisizioni nelle rispettive abitazioni, ed i loro ruoli sono ancora al vaglio della magistratura.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie