Martedì 22 Gennaio 2019 | 13:15

NEWS DALLA SEZIONE

A Giuggianello
Rave party illegale in Salento: 5 denunciati per festa in capannone

Rave party illegale in Salento: cinque denunciati per festa in capannone

 
Nella notte
Tap, acqua contaminata: blitz delle Tute blu davanti ad azienda di Martano

Tap, acqua contaminata: blitz delle «Tute blu» davanti ad azienda di Martano

 
A Miggiano
Lecce, cade dal tetto di un capannone industriale: morto 72enne

Lecce, cade dal tetto di un capannone: morto 72enne

 
Lotta alla droga
Lecce, trovato con 7 chili di marijuana: arrestato 19enne

Lecce, nascondeva 7 kg di marijuana in garage: arrestato 19enne

 
Il gasdotto
Tap, al via l'esame dei periti della Procura: presente anche Emiliano

Tap, al via esame periti della Procura: in aula anche Governatore Emiliano

 
L'appello
L'arcivescovo di Lecce Seccia con la Gazzetta: «Chi può intervenga»

L'arcivescovo di Lecce Seccia con la Gazzetta: «Chi può intervenga»

 
la vertenza salento
Lecce, gasdotto e risarcimenti, Minerva: «Presto un tavolo»

Lecce, gasdotto e risarcimenti, Minerva: «Presto un tavolo»

 
Truffa nel Leccese
Alezio, estorce soldi ad anziano fingendosi il figlio di un vecchio amico malato

Alezio, estorce soldi ad anziano fingendosi il figlio di un vecchio amico malato

 
Ambiente
Colombi e igiene, la Procura di Lecce apre un fascicolo

Colombi e igiene, la Procura di Lecce apre un fascicolo

 
In Salento
Taurisano, dopo incidente chiede aiuto: il «soccorritore» tenta di stuprarla

Taurisano, dopo incidente chiede aiuto: il «soccorritore» tenta di stuprarla

 
A Castrignano del Capo
Beve in un bar detersivo al posto dell'acqua: asportato stomaco a 28enne nel Leccese

Chiede acqua in un bar e gli servono brillantante: asportato stomaco a 28enne nel Leccese

 

Lo scafista fantasma condannato ed espulso ma non si sa chi è

Lo scafista fantasma condannato ed espulso ma non si sa chi è
BARI – E' stato riconosciuto colpevole di essere uno scafista ed espulso dal territorio italiano, ma il provvedimento potrebbe non essere eseguito perchè il ragazzo risulta avere più di una identità con nazionalità diverse. Ha 24 anni ed è stato condannato l’11 maggio scorso dal Tribunale di Salerno con il nome di Aouadh El Jaed Ibrahim Midahir nato in Libia, ed è attualmente detenuto nel Cie di Bari con decreto di espulsione emesso dalla Prefettura di Avellino a carico di un soggetto con un’altra identità, quella di Awad Mudar nato in Sudan.

Secondo il legale che lo assiste, l’avvocato Loredana Liso, "il ragazzo, del quale non si è ancora in grado di poter stabilire se sia di nazionalità libica o sudanese, dato che non è pervenuta nessuna documentazione dal carcere attestante l'attività di identificazione, con ogni probabilità verrà rimesso in libertà entro 30 giorni".

Il 24enne è sbarcato il 6 agosto 2014 nel porto di Salerno a bordo della nave San Giusto, che aveva soccorso tre barconi con a bordo complessivamente più di 1400 migranti. Un barcone si era ribaltato e circa 200 persone erano morte. Il 24enne è stato subito arrestato insieme con altri 5 con l’accusa di favoreggiamento aggravato dell’ immigrazione clandestina. E’ stato processato e condannato nei giorni scorsi a 3 anni e 4 mesi di reclusione e al pagamento di 10 milioni di euro di multa. Dal carcere di Ariano Irpino dove è stato detenuto per tutta la durata del processo è stato trasferito nel Cie di Bari sulla base di un decreto di espulsione emesso, però, nei confronti di una persona con una diversa identità, non più libica ma sudanese. "Se non sarà identificato in 30 giorni – spiega il difensore – sarà rimesso in libertà, nonostante ritenuto pericoloso".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400