Sabato 19 Gennaio 2019 | 07:34

NEWS DALLA SEZIONE

Il movimento nel Salento
Melendugno: No Tap protestano in tute anticontaminazione

Melendugno: No Tap protestano in tute anticontaminazione

 
Nel Leccese
Copertino, incendio in capannone Fse: danneggiato treno merci

Copertino, incendio in capannone Fse: danneggiato treno merci

 
Il festival
Picturebook Fest: a Lecce arte e letteratura per ragazzi

Picturebook Fest: a Lecce arte e letteratura per ragazzi

 
All'ospedale Vito Fazzi
ospedale Vito Fazzi di Lecce

Polmone asportato senza aprire torace: super-intervento a Lecce

 
Parla Vincenzo Zara
Unisalento, Rettore: «Immatricolazioni in crescita»

Unisalento, Rettore: «Immatricolazioni in crescita»

 
Lontano almeno 300 metri
Nardò, 75enne geloso picchiava la moglie: mi tradisce

Nardò, 75enne geloso picchiava la moglie: «Mi tradisce»

 
nel Leccese
Geloso della moglie, la picchia e minaccia per anni: nei guai un 75enne a Nardò

Geloso della moglie, la picchia e minaccia per anni: nei guai un 75enne a Nardò

 
Il progetto non decolla
Monteroni, stop all'università islamica: il Tar dà ragione al comune

Monteroni di Lecce, l'università islamica non si farà: il Tar dà ragione al comune

 
Il gasdotto
Tap, completato project financing per 3,9 miliardi di euro

Tap, completato project financing per 3,9 miliardi di euro

 
La nomina
Lecce, dopo le dimissioni di Salvemini nominato commissario ex prefetto Sodano

Lecce, dopo dimissioni di Salvemini nominato commissario: è l'ex prefetto Sodano

 
12 e 13 gennaio
BlaBlaBla Festival: a Trepuzzi contro le discriminazioni di genere

BlaBlaBla Festival: a Trepuzzi contro le discriminazioni di genere

 

Lecce, ragazza colpita da meningite: è grave

LECCE – Restano critiche ma stabili le condizioni di una diciannovenne ricoverata a Scorrano (Lecce) con diagnosi di meningite. La Asl – rende noto un comunicato - ha avviato la profilassi antibiotica e propone un richiamo della copertura vaccinale.
Lecce, ragazza colpita da meningite: è grave
LECCE – Restano critiche ma stabili le condizioni di una diciannovenne ricoverata a Scorrano (Lecce) con diagnosi di meningite. La Asl – rende noto un comunicato - ha avviato la profilassi antibiotica e propone un richiamo della copertura vaccinale.

Nella primissima mattinata di venerdì scorso – è detto nella nota – il Servizio 118 ha trasportato all’ospedale di Galatina una diciannovenne di Corigliano con sintomi riconducibili a sepsi non meglio identificata ed è stata sottoposta a profilassi antibiotica.

L’aggravarsi delle condizioni della ragazza ha consigliato il trasferimento della paziente nel reparto di rianimazione dell’ospedale di Scorrano nel primo pomeriggio di venerdì con la prosecuzione delle terapie antibiotiche e antishock e l’intensificazione delle cure. Solo nella tarda mattinata di sabato si sono fatti evidenti sintomi suggestivi di meningite confermati successivamente dall’Istituto di Igiene del Policlinico di Bari che ha tipizzato il caso come sepsi da menigococco gruppo C. Già da sabato scorso sono state sottoposte, secondo protocollo sanitario, a profilassi antibiotica le persone che hanno avuto l’ultimo contatto con la giovane nelle 48 ore precedenti.

Dell’accaduto sono stati informati la dirigenza e i rappresentanti del liceo scientifico di Galatina frequentato dalla ragazza e per gli studenti è stata attivata sorveglianza sanitaria; per maggiore precauzione la Asl proporrà antibiotico-terapia per i frequentanti la scuola anche se protocolli nazionali e internazionali la prescrivono per i soli due giorni successivi all’ultimo contatto con l'ammalato.

"Confidiamo nel miglioramento delle condizioni di salute della paziente – dice Giovanni Gorgoni, direttore generale dell’ASL Lecce – e torniamo a ribadire l'importanza delle vaccinazioni. Con riferimento proprio al meningococco di gruppo C, si precisa che la Regione Puglia sin dall’anno 2006 offre ai nuovi nati ed agli adolescenti (11-12 anni) la vaccinazione contro questo batterio.

Le adesioni a tale offerta vaccinale da parte degli adolescenti oggi frequentanti gli istituti d’istruzione di secondo grado risultano crescenti a partire dai nati nell’anno 1994 fino ai nati nell’anno 2000 (dal 4% circa al 67% circa). La copertura non ottimale ed il verificarsi di questo sfortunato caso di malattia prevenibile costituiscono motivo per sollecitare la vaccinazione dei giovani che non hanno in precedenza aderito alla vaccinazione".

"Con l’occasione – continua Gorgoni – la Asl promuove una campagna di recupero dei non vaccinati offrendo gratuitamente il nuovo vaccino che garantisce la protezione non solo contro il meningococco C ma anche contro i gruppi A, W135 e Y dello stesso batterio. La vaccinazione prevede una sola dose e la protezione avviene dopo 10 giorni circa dalla somministrazione; per ulteriori informazioni e per prenotazioni si potrà contattare l’ambulatorio vaccinale del servizio di igiene pubblica del proprio distretto socio-sanitario, i cui recapiti sono reperibili sul sito internet della Asl".

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400