Venerdì 15 Febbraio 2019 | 21:02

NEWS DALLA SEZIONE

Nuove accuse
Ugento: Roberta, uccisa 20 anni fa, forse fu molestata

Ugento: Roberta, uccisa 20 anni fa, forse fu molestata

 
Il caso
Lecce, voti in cambio di case popolari: in 35 a processo, anche politici

Lecce, voti in cambio di case popolari: in 35 a processo, anche politici

 
La tragedia
Lecce, schianto mortale mentre va al lavoro: muore 19enne

Lecce, schianto mortale mentre va al lavoro: muore 19enne

 
La lettera aperta
San Valentino, i 5 consigli di mons. Seccia agli innamorati: «Dio vi vuole felici»

San Valentino, i 5 consigli di mons. Seccia agli innamorati

 
L'inchiesta a Lecce
Giustizia svenduta: a Lecce altro magistrato nel mirino, si indaga su un albergo e questioni fiscali

Giustizia svenduta: altro magistrato nel mirino, si indaga su un albergo e questioni fiscali

 
La rapina in mattinata
Acquarica del Capo: entra in banca, spinge dipendente e porta via denaro

Acquarica del Capo: entra in banca, spinge dipendente e porta via denaro

 
Millantato credito
Chiedono soldi ad anziano per averlo aiutato ad avere indennità di accompagnamento: 2 arresti a Surbo

Chiedono soldi ad anziano per averlo aiutato all'Inps: 2 arresti a Surbo

 
Ha violato la messa alla prova
Ruba auto a Novoli: rintracciato, tira calcio a cc e tenta di scappare, arrestato 29enne

Fermato da cc per furto, tira calcio e tenta di scappare, arrestato nel Leccese

 
A Chiesanuova (Le)
Gallipoli, 20enne albanese perde il controllo dell'auto e muore mentre va al lavoro

Gallipoli, 20enne albanese perde il controllo dell'auto e muore mentre va al lavoro

 
Droga
Ricercato in Belgio va in vacanza a Nardò: arrestato 19enne

Ricercato in Belgio va in vacanza a Nardò: arrestato 19enne

 
L'allerta
Aids a Lecce: è allarme tra i giovani un nuovo contagio a settimana

Aids a Lecce: è allarme tra i giovani un nuovo contagio a settimana

 

NEWS DALLE PROVINCE

MateraNel 2009
Bernalda, tentò di picchiare il sindaco in aula: in manette 71enne

Bernalda, tentò di picchiare il sindaco in aula: in manette 71enne

 
FoggiaIn via Manfredonia
Foggia, auto contro pilone, 76enne muore sul colpo

Foggia, auto contro pilone, 76enne muore sul colpo

 
TarantoDenunce
Nel circolo privato furto di elettricità e 6 slot machine abusive: sequestri a Taranto

Nel circolo privato furto di elettricità e 6 slot machine abusive: sequestri a Taranto

 
PotenzaNel potentino
Francavilla in Sinni, crolla tetto di casa, madre e figlio in ospedale, uomo ancora sotto le macerie

Francavilla in Sinni: crolla tetto di casa, 3 persone estratte vive, grave un uomo

 
BrindisiProvoca il cancro
Al Perrino in anatomia patologica è allarme formaldeide

Al Perrino in anatomia patologica è allarme formaldeide

 
LecceNuove accuse
Ugento: Roberta, uccisa 20 anni fa, forse fu molestata

Ugento: Roberta, uccisa 20 anni fa, forse fu molestata

 
BatSanità
Andria, uomo di 67 anni dona rene e cornee

Andria, uomo di 67 anni dona rene e cornee

 

Bombe e minacce amministratori salentini sotto tiro della mala

di GIANFRANCO LATTANTE
LECCE - Sindaci e assessori sotto attacco. Il numero di minacce, di attentati e di intimidazioni nei confronti di amministratori locali spinge in alto la provincia di Lecce nella classifica delle aree più a rischio, appena sotto le metropoli (Napoli, Roma, Torino e Milano) e i territori di Gomorra e di Cosa Nostra
Bombe e minacce amministratori salentini sotto tiro della mala
di GIANFRANCO LATTANTE

LECCE - Sindaci e assessori sotto attacco. Il numero di minacce, di attentati e di intimidazioni nei confronti di amministratori locali spinge in alto la provincia di Lecce nella classifica delle aree più a rischio, appena sotto le metropoli (Napoli, Roma, Torino e Milano) e i territori di Gomorra e di Cosa Nostra. La classifica è stata stilata dalla Commissione straordinaria del Senato sul fenomeno delle intimidazioni agli amministratori locali. Nel mese di giugno scorso i senatori sono stati in Puglia ed hanno ricordato la figura di Renata Fonte, ammazzata il 31 marzo dell’85 perché da assessore di Nardò, era impegnata nella difesa dell'ambiente e per la sua irreprensibilità morale e istituzionale ed ha incontrato anche il prefetto Giuliana Per rotta e il procuratore Cataldo Motta, oltre ai vertici provinciali di carabinieri e polizia.
Sono stati raccolti dati e relazioni. E alla fine è stata stilata la classifica. In Provincia di Lecce ci sono stati 22 episodi di intimidazione nel 2013. Mentre nel primo quadrimestre del 2014 (è il periodo preso in esame dalla Commissione) sono stati nove gli amministratori che hanno subito attentati, minacce o intimidazioni. Il dato proietta la provincia di Lecce nei primi dieci posti nella classifica nazionale.

La situazione (considerati gli episodi avvenuti nello stesso periodo di tempo) è più drammatica soltanto a Napoli (17 episodi); Messina (15) Roma, Catanzaro e Foggia (14); Torino, Reggio Calabria e Trapani (13); Palermo (12); Milano, Agrigento e Cagliari (10). «Naturalmente non siamo in condizioni di affermare che si tratti di manifestazioni della criminalità organizzata - ha spiegato alla Commissione il procuratore Cataldo Motta - Possiamo soltanto registrare un dato particolarmente rilevante anche perché nel circondario di Lecce, nell’ambito degli ultimi due anni, il numero degli episodi è raddoppiato. In questo senso, gli attentati che interessano gli amministratori o comunque personale riconducibile a responsabili di uffici tecnici comunali o in genere a personale degli enti locali sono in una percentuale che oscilla tra il sette e il quindici per cento». Il trend in aumento è confermato dai dati forniti dalla Procura: ai danni di amministratori pubblici ci sono stati 14 episodi intimidatori nel 2012, altrettanti l’anno successivo.

A giugno 2014, quando è avvenuta l’audizione del procuratore Motta, gli attentati erano stati 11. Nell’arco del triennio 2012-2014 sono stati registrati 39 episodi: dieci lettere minatorie, 13 danneggiamenti di autovetture, otto danneggiamenti di abitazioni, una telefonata minatoria, un furto di veicolo, due danneggiamenti a esercizi commerciali, un danneggiamento di beni della pubblica amministrazione, un danneggiamento a una imbarcazione, due minacce con l’utilizzo di materiale esplodente. In quattro casi sono stati identificati e deferiti all’autorità giudiziaria gli autori nonché accertati i motivi degli atti intimidatori.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400