Sabato 21 Settembre 2019 | 17:06

NEWS DALLA SEZIONE

Nel salento
Montesano S.no, ha un colpo di sonno alla guida e si schianta contro un'altra auto: 2 feriti

Montesano S.no, ha un colpo di sonno alla guida e si schianta contro un'altra auto: 2 feriti

 
UN 45enne
Racale, maltrattava la madre: dal divieto di stare a casa passa al carcere

Racale, maltrattava la madre: dal divieto di stare a casa passa al carcere

 
Nel Salento
Nardò, rubava da negozio di elettronica insieme alla figlia di 8 anni: arrestato

Nardò, rubava da negozio di elettronica insieme alla figlia di 8 anni: arrestato

 
In un allevamento
Copertino, sfrutta 2 braccianti senza permesso di soggiorno: denunciato

Copertino, sfrutta 2 braccianti senza permesso di soggiorno: denunciato

 
Giro da oltre 2mln di euro
Lecce, società riceveva abusivamente tonnellate di rifiuti metallici: 79 indagati

Lecce, società riceveva abusivamente tonnellate di rifiuti metallici: 79 indagati

 
Tragedia sfiorata
Melendugno, piccolo aereo atterra su muretto a secco: 2 feriti

Melendugno, piccolo aereo si schianta contro muretto a secco: 2 feriti

 
Televisione
Eurogames, anche Otranto tra le città partecipanti al nuovo «Giochi senza Frontiere»

Eurogames, Otranto tra le città partecipanti al nuovo «Giochi senza Frontiere»

 
Presi dai Cc
Lecce, in giro con eroina e materiale da taglio: in manette due 30enni

Lecce, in giro con eroina e materiale da taglio: in manette due 30enni

 
Il duello
Lecce, Gibò contro Billionaire: così il Salento sfida Briatore

Lecce, Gibò contro Billionaire: così il Salento sfida Briatore

 
Operazione Armonica
Mafia a Lecce, stroncato clan alleato ai Tornese: 22 arresti

Mafia a Lecce, stroncato clan alleato ai Tornese: 22 arresti Video

 
La tragedia
Stroncato da infarto per strada: muore sindaco di San Pietro in Lama

Stroncato da infarto per strada: muore sindaco di San Pietro in Lama

 

Il Biancorosso

Calcio
Folorunsho rialza il Bari: «Noi i più forti della C»

Folorunsho rialza il Bari: «Noi i più forti della C»

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoDai carabinieri
Taranto, non accetta la fine della relazione e perseguita ex moglie e figli: arrestato

Taranto, non accetta la fine della relazione e perseguita ex moglie e figli: arrestato

 
BatL'annuncio
Istituto per il Medioevo: Barletta sarà sede per il Sud

Istituto per il Medioevo: Barletta sarà sede per il Sud

 
BariA bari
Assenteismo al Di Venere: senologo condannato a 2 anni, il pomeriggio passeggiava in scooter

Assenteismo al Di Venere: 2 anni al senologo, il pomeriggio passeggiava in scooter

 
Potenzatruffa nel potentino
Oppido Lucano, raccoglie offerte inesistenti per bimbi malati: denunciato

Oppido Lucano, raccoglie offerte inesistenti per bimbi malati: denunciato

 
LecceNel salento
Montesano S.no, ha un colpo di sonno alla guida e si schianta contro un'altra auto: 2 feriti

Montesano S.no, ha un colpo di sonno alla guida e si schianta contro un'altra auto: 2 feriti

 
MateraL'indagine
Basilicata, donne-madri costrette a licenziarsi

Basilicata, donne-madri costrette a licenziarsi

 
Foggiacontrolli
Fogglia, blitz dei cc al mercato di via Rosati: un ambulante multato, l'altro fugge

Fogglia, blitz dei cc al mercato di via Rosati: un ambulante multato, l'altro fugge

 
BrindisiDenunciato un uomo
Brindisi, usa abusivamente lampeggiante blu: «Lo facevo per l'autovelox»

Brindisi, usa abusivamente lampeggiante blu: «Lo facevo per l'autovelox»

 

i più letti

Xylella, è allarme «Un errore il divieto di piantare gli ulivi»

di DANIELA PASTORE
LECCE - Vietato piantare ulivi nel Salento, per chissà quanti anni. La promessa da parte del ministero dell’Agricoltura di un’imminente nomina di un super commissario per l’emergenza della morìa degli ulivi non basta a rassicurare gli olivicoltori, sempre più angosciati dall’avanzata incessante del pestifero batterio e dall’impossibilità di piantare anche il più piccolo alberello di ulivo in tutta la provincia di Lecce
Xylella, è allarme «Un errore il divieto di piantare gli ulivi»
di Daniela Pastore

LECCE - Vietato piantare ulivi nel Salento, per chissà quanti anni. La promessa da parte del ministero dell’Agricoltura di un’imminente nomina di un super commissario per l’emergenza della morìa degli ulivi non basta a rassicurare gli olivicoltori, sempre più angosciati dall’avanzata incessante del pestifero batterio e dall’impossibilità di piantare anche il più piccolo alberello di ulivo in tutta la provincia di Lecce. Un divieto che riguarda in realtà anche peschi, mandorli, albicocchi, susini, ciliegi, querce, acacie, oleandri. Ed ancora quelle piante ornamentali che da sempre hanno abbellito i giardini e le ville pugliesi: polygala, ginestra, westringa.

Il Salento (mondo agricolo compreso) non ha ancora ben metabolizzato questo terribile effetto collaterale del funesto avvento di Xyllella fastidiosa nella Terra dei due mari. Ma la situazione sarà percepita a breve in tutta la sua gravità. I primi a piangere lacrime amare sono stati i vivaisti, su cui da mesi grava l’embargo della movimentazione vegetale delle piante ospiti del batterio da quarantena, e che minacciano ormai di chiudere bottega. Ma il divieto non fa dormire sonni tranquilli neanche agli olivicoltori leccesi che chiedono con forza una deroga al «niet» dell’Unione europea, almeno per ciò che riguarda gli ulivi. «La situazione è tragica - incalza il presidente del Consorzio per la tutela della Dop Terra d’Otranto, Giovanni Melcarne - Xylella avanza a vista d’occhio, nel Capo di Leuca ormai è una tristissima conta quotidiana dei nuovi contagi. Vengono i brividi solo a pensare allo scenario che potremmo avere dinanzi ai nostri occhi tra un paio di anni. Se a questo aggiungiamo il divieto di piantare ulivi allora la situazione diventa davvero grottesca».

Il presidente del consorzio della Dop salentina ha tutte le ragioni per vedere nero. L’olio che si fregia del riconoscimento Dop fa del territorio d’origine, come dice la stessa certificazione, il suo valore intrinseco. Il divieto europeo alla possibilità di piantare ulivi ha sicuramente una sua logica scientifica (ridurre il serbatoio di inoculo, ossia il “parco giochi” per le scorribande di Xylella). Ma i suoi effetti sul Salento appaiano non meno catastrofici della paventata decisione iniziale di estirpare tutti gli ulivi malati. «Finiremo per impoverire in modo esponenziale la superficie olivetata del Salento - denuncia Melcarne - e in più questo divieto impedirà quello che invece è stato più volte auspicato anche dal consesso scientifico internazionale, ovvero far diventare il Salento un immenso laboratorio a cielo aperto in cui poter testare eventuali cultivar resistenti al batterio».

Al grido di dolore degli olivicoltori si unisce ormai da mesi quello dei vivaisti, costretti a tenere in vita migliaia di piante considerate possibili ospiti di Xylella fastidiosa, per mancanza di ulteriori direttive della Regione. «Al danno si aggiunge la beffa», il mantra ormai ripetuto quotidianamente dal presidente del Distretto florivivaistico di Puglia, Piero Tunno. Lo stop alla movimentazione vegetale ha creato anche una sorta di guerra di campanile tra gli operatori florovivaistici delle varie province pugliesi. «Molti vivaisti del brindisino, o del barese, fanno finta di non conoscere il divieto che vige nel Salento e vendono ad acquirenti leccesi le piante che invece noi qui in provincia teniamo blindate in magazzino. Viene da chiedersi: ma a che gioco stiamo giocando?», denuncia il titolare di un vivaio del Leccese. Uno sfogo che palesa quanto la terribile fitopatia abbia scoperto i nervi degli operatori rurali, ormai allergici alla melina infinita della politica.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie