Martedì 19 Febbraio 2019 | 09:29

NEWS DALLA SEZIONE

Nel Leccese
Distruggono macchia mediterranea per costruire edifici, due denunce a Porto Cesareo

Distruggono macchia mediterranea per costruire edifici, due denunce a Porto Cesareo

 
Nel Leccese
Galatone, droga nel circolo privato frequentato da pregiudicati: provvedimenti dei cc

Galatone, droga nel circolo privato frequentato da pregiudicati: provvedimenti dei cc

 
Verso il voto
Lecce, Salvemini strart: «Non permetteremo un ritorno al passato»

Lecce, Salvemini riparte: «Non permetteremo un ritorno al passato»

 
Nel Leccese
Ruba 200 libri antichi da casa di un anziano: denunciato a Taviano

Ruba 200 libri antichi da casa di un anziano: denunciato a Taviano

 
Sud Salento
L'accendino era in realtà un contenitore porta-droga: 8 segnalazioni nel Leccese

L'accendino era in realtà un contenitore porta-droga: 8 segnalazioni nel Leccese

 
A Lecce
Minore senza biglietto, autista non lo fa salire sul bus: denunciato

Minore senza biglietto, autista non lo fa salire sul bus: denunciato

 
La storia
Gallipoli, nigeriano sventa rapina in supermercato: titolare lo assume

Gallipoli, nigeriano sventa rapina in supermercato: titolare lo assume

 
Verso le elezioni
Lecce, il centrodestra ufficializza le primarie

Lecce, il centrodestra ufficializza le primarie

 
Controlli Nas e Asl
Lecce, farmaci e dispositivi medici scaduti in ospedale: due denunciati

Lecce, farmaci e dispositivi medici scaduti in ospedale: due denunciati

 
Nel Leccese
Rubò cibo da ristorante e scappò con macchina rubata: un arresto a Tricase

Rubò cibo da ristorante e scappò con macchina rubata: un arresto a Tricase

 
Denunciato
Lecce, «Sono suo nipote» e bidona due notai per prosciugare conti di anziana

Lecce, «Sono suo nipote» e bidona due notai per prosciugare conti di anziana

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceNel Leccese
Distruggono macchia mediterranea per costruire edifici, due denunce a Porto Cesareo

Distruggono macchia mediterranea per costruire edifici, due denunce a Porto Cesareo

 
HomeDopo la protesta
Ex Ilva, deputati M5s contestati a Taranto: «Traditori». La replica: «Mai parlato di chiusura»

Ex Ilva, deputati M5s contestati a Taranto: «Traditori». La replica: «Mai parlato di chiusura»

 
BariLa lettera del sindaco
Palagiustizia Bari, Decaro: «Mi aspetto risposte da Bonafede»

Palagiustizia Bari, Decaro: «Mi aspetto risposte da Bonafede»

 
BrindisiLotta alla droga
Carovigno, "spiaggiati" a Punta Penna Grossa 14 kg di marijuana

Carovigno, "spiaggiati" a Punta Penna Grossa 14 kg di marijuana

 
MateraDopo la frana
Pomarico, servizio di vigilanza davanti alle scuole

Pomarico, servizio di vigilanza davanti alle scuole

 
HomeLa nomina
Basilicata, Berlusconi presenta il candidato unico del centro destra: è Bardi

Basilicata, Berlusconi presenta il candidato unico del centro destra: è Bardi

 
FoggiaLotta allo spaccio
San Severo, in camera 10 kg di droga e un’arma clandestina: arrestato 28enne

San Severo, in camera 10 kg di droga e un’arma clandestina: arrestato 28enne

 

Muore sul lavoro Telecom risarcirà con mezzo milione

LECCE - Nelle 13 pagine di sentenza il giudice sottolinea come la Telecom non abbia rispettato le norme per la sicurezza dei dipendenti. In particolare, «le istruzioni del manuale di Telecom sulle norme di sicurezza ed i relativi dispositivi non integravano le condizioni di massima sicurezza del lavoratore»
Muore sul lavoro Telecom risarcirà con mezzo milione
LECCE - Maxi-risarcimento alla famiglia di un operaio della Telecom morto sul luogo di lavoro. Nei giorni scorsi il giudice del lavoro del Tribunale di Lecce Maria Grazia Corbascio ha condannato la compagnia telefonica per oltre mezzo milione di euro, accogliendo il ricorso presentato dagli eredi della vittima, assistiti dagli avvocati Giordano Bacile di Castiglione e Diego Mansi.

L’incidente si verificò il 9 aprile 2008 a Lecce, precisamente in via Toma, nel rione San Pio. L’operaio, di 54 anni, era impegnato nei lavori per l’allaccio di una nuova linea telefonica in un’abitazione. Mentre si trovava su una scala a pioli per fissare il cavo telefonico sulla facciata dell’immobile, l’uomo precipitò al suolo. Immediatamente l’operaio venne portato in ospedale, ma nonostante i tentivi dei medici morì dopo alcune ore di agonia nel reparto di rianimazione.

Nelle 13 pagine di sentenza il giudice sottolinea come la Telecom non abbia rispettato le norme per la sicurezza dei dipendenti. In particolare, «le istruzioni del manuale di Telecom sulle norme di sicurezza ed i relativi dispositivi non integravano le condizioni di massima sicurezza del lavoratore». Il giudice fa riferimento alla tipologia dell’elmetto, che «per le sue caratteristiche tecniche era comunque inidoneo, in quanto destinato a proteggere il capo solo dal rischio di caduta di massi dall’alto, e non anche in caso di caduta del lavoratore».
A tutela di un rischio simile sarebbe stato necessario indossare un casco con altri requisiti tecnici relativi ai punti di fissaggio al capo, al carico minimo di resistenza ed anche in riferimento agli urti laterali.

In sentenza si legge anche che «le forniture di Telecom si erano rivelate inadeguate anche con riferimento alla cintura di sicurezza, in quanto non era stato fornito un dispositivo anticaduta ma solo una cintura di posizionamento finalizzata a consentire al lavoratore di operare con le mani libere». Il magistrato stigmatizza negativamente anche il comportamento del collega, la cui condotta «era improntata alle direttive di Telecom che privilegiano la riduzione dei tempi di lavoro anzichè la sicurezza, poichè egli anzichè prestare ausilio mentre la vittima era in cima alla scala si era occupato di altre mansioni». Visto l’esito del giudizio, è probabile che la compagnia Telefonica ricorrerà in appello.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400