Sabato 19 Gennaio 2019 | 00:57

NEWS DALLA SEZIONE

Il movimento nel Salento
Melendugno: No Tap protestano in tute anticontaminazione

Melendugno: No Tap protestano in tute anticontaminazione

 
Nel Leccese
Copertino, incendio in capannone Fse: danneggiato treno merci

Copertino, incendio in capannone Fse: danneggiato treno merci

 
Il festival
Picturebook Fest: a Lecce arte e letteratura per ragazzi

Picturebook Fest: a Lecce arte e letteratura per ragazzi

 
All'ospedale Vito Fazzi
ospedale Vito Fazzi di Lecce

Polmone asportato senza aprire torace: super-intervento a Lecce

 
Parla Vincenzo Zara
Unisalento, Rettore: «Immatricolazioni in crescita»

Unisalento, Rettore: «Immatricolazioni in crescita»

 
Lontano almeno 300 metri
Nardò, 75enne geloso picchiava la moglie: mi tradisce

Nardò, 75enne geloso picchiava la moglie: «Mi tradisce»

 
nel Leccese
Geloso della moglie, la picchia e minaccia per anni: nei guai un 75enne a Nardò

Geloso della moglie, la picchia e minaccia per anni: nei guai un 75enne a Nardò

 
Il progetto non decolla
Monteroni, stop all'università islamica: il Tar dà ragione al comune

Monteroni di Lecce, l'università islamica non si farà: il Tar dà ragione al comune

 
Il gasdotto
Tap, completato project financing per 3,9 miliardi di euro

Tap, completato project financing per 3,9 miliardi di euro

 
La nomina
Lecce, dopo le dimissioni di Salvemini nominato commissario ex prefetto Sodano

Lecce, dopo dimissioni di Salvemini nominato commissario: è l'ex prefetto Sodano

 
12 e 13 gennaio
BlaBlaBla Festival: a Trepuzzi contro le discriminazioni di genere

BlaBlaBla Festival: a Trepuzzi contro le discriminazioni di genere

 

Ex liquidatore assicurativo ora rivela e denuncia «Mi dicevano: paga sempre»

LECCE - Avviata inchiesta della procura si liquidazione gonfiate. Per sostenere le proprie accuse l’avvocato ha depositato in Procura anche la registrazione audivisiva di una riunione di lavoro nella quale il responsabile sinistri rivolgendosi ai liquidatori li avrebbe invitati a «mettersi la mano sul naso.., non guardare in faccia nessuno ... e pagare». In caso contrario avrebbe minacciato trasferimenti o demansionamenti.
Ex liquidatore assicurativo ora rivela e denuncia «Mi dicevano: paga sempre»
LECCE - La denuncia di un avvocato squarcia il velo su un presunto sistema truffaldino di liquidazioni facili e gonfiate dei danni provocati da incidenti stradali. Un imbroglio che avrebbe coinvolto anche medici compiacenti e che avrebbe  danneggiato le  compagnie assicurative e  contribuito a far aumentare il costo dei premi assicurativi.

L’inchiesta sta muovendo i primi passi. Il fascicolo è stato assegnato al sostituto procuratore Antonio Negro che ha affidato le indagini agli investigatori della sezione di polizia giudiziaria della Guardia di Finanza presso la Procura, diretti dal colonnello Francesco Mazzotta.

La denuncia è assai articolata. Fino a qualche tempo fa, infatti, l’avvocato lavorava come liquidatore alle dipendenze di una compagnia di assicurazioni. Di recente, però, si è deciso a mettere nero su bianco quello che ha visto e che ha vissuto sulla propria pelle. Il legale punta il dito contro la politica liquidativa avviata dal responsabile sinistri della compagnia assicurativa. A suo dire, proprio su iniziativa del responsabile, sarebbero stati riconosciuti dei risarcimenti anche quando non era dovuta alcuna liquidazione perché la colpa era al cento per cento dell’assicurato.

Per sostenere le proprie accuse l’avvocato ha depositato in Procura anche la registrazione audivisiva di una riunione di lavoro nella quale il responsabile sinistri rivolgendosi ai liquidatori li avrebbe invitati a «mettersi la mano sul naso.., non guardare in faccia nessuno ... e pagare». In caso contrario avrebbe minacciato trasferimenti o demansionamenti.

L’avvocato, infine, solleva ombre anche su due medici fiduciari della Compagnia assicurativa. Nella denuncia si sostiene che avrebbero ratificato l’operato del liquidatore senza poter verificare se effettivamente il danno biologico fosse sussistente. In sostanza, i medici, senza eseguire alcuna visita, avrebbero confermato il danno biologico individuato dal liquidatore.  

Le presunte anomali gestionali e di una liquidazione-facile dei danni avrebbero determinato un aumento dei premi delle polizze assicurative. 
La questione, adesso, è nelle mani dei finanzieri che, innanzitutto dovranno verificare se la denuncia sia giunta all’Ivass, l’Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni e se siano stati adottati provvedimenti. A breve saranno sentite le persone che compaiono nell’esposto per accertare la veridicità dei fatti denunciati.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400