Domenica 26 Maggio 2019 | 07:17

NEWS DALLA SEZIONE

Dopo un raid
Lecce, pestato e ferito da un colpo d'arma da fuoco: arrestato 53enne

Lecce, pestato e ferito da un colpo d'arma da fuoco: arrestato 53enne

 
L'incidente
Lecce, si insedia e cade: frattura per il neo presidente della Corte di appello

Lecce, si insedia e cade: frattura per il neo presidente della Corte di appello

 
L'episodio domenica scorsa
Lecce, assalto a gazebo Lega: denunciati 5 uomini e 2 donne di area anarchica

Lecce, assalto a gazebo Lega: denunciati 5 uomini e 2 donne di area anarchica

 
Melendugno
Tap, su tracciato nuovo progetto spuntano coralli: verifiche

Tap, su tracciato nuovo progetto spuntano coralli: verifiche

 
Orrore nel Leccese
Salento, a 5 anni violentato e bruciato con sigarette. Indagati padre e zio

Salento, a 5 anni violentato e bruciato con sigarette. Indagati padre e zio

 
Senza lavoro
Povertà: a Lecce aumentano disoccupati in fila a emporio solidale

Povertà: aumentano disoccupati in fila a emporio solidale

 
È in prognosi riservata
Nardò, esplode distributore di bevande: grave operaio 23enne

Nardò, esplode distributore di bevande: grave operaio 23enne

 
L'omicidio nel 2017
Omicidio Noemi, troppe udienze: slitta Appello per ex fidanzato

Omicidio Noemi, troppe udienze: slitta Appello per ex fidanzato

 
Ingenti danni
Lecce, a fuoco villa di candidato Lega gestore di una spiaggia

Lecce, a fuoco villa di candidato Lega gestore di una spiaggia

 
La protesta
«Fascista!»: a Lecce cori e proteste contro il comizio di Salvini

I cori contro Salvini: a Lecce «Fascista!» e a Bari: «Vaff...»

 
La visita
Salvini a Lecce, striscione: «Benvenuto in terra accoglienza». Firmerà patto sicurezza urbana con Emiliano

Salvini a Lecce: «Benvenuto in terra accoglienza». Ma non mancano le proteste VIDEO

 

Il Biancorosso

L'INTERVISTA
Bellinazzo.: "Il Bari in serie A un affareVarrebbe tra i 70 e gli 80 milioni di euro"

Bellinazzo: «Bari in serie A un affare tra i 70 e gli 80 mln di euro»

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoIl caso
Mangiano funghi velenosi: famiglia intossicata nel Tarantino

Mangiano funghi velenosi: famiglia intossicata nel Tarantino

 
FoggiaIn largo Risorgimento
Stornarella, la lite tra parenti sfocia in rissa: arrestati 6 romeni

Stornarella, la lite tra parenti sfocia in rissa: arrestati 6 romeni

 
LecceDopo un raid
Lecce, pestato e ferito da un colpo d'arma da fuoco: arrestato 53enne

Lecce, pestato e ferito da un colpo d'arma da fuoco: arrestato 53enne

 
BrindisiUn 48enne
Brindisi, stalker seriale perseguita la ex: finisce in cella

Brindisi, stalker seriale perseguita la ex: finisce in cella

 
MateraImpianto Intrec
Nucleare, i dati a Rotondella ok ma si teme inquinamento

Nucleare, i dati a Rotondella ok ma si teme inquinamento

 
BariL'inchiesta
Bari, pm dissequestra beni a ex dirigente Policlinico

Bari, pm dissequestra beni a ex dirigente Policlinico

 
PotenzaControlli del Noe
Rifiuti, quattro ditte non in regola in Basilicata: multe e denunce

Rifiuti, quattro ditte non in regola in Basilicata: multe e denunce

 
BatNella Bat
Andria: molestie sessuali e foto osé a bimbo di 11 anni, arrestato 22enne

Andria: molestie sessuali e foto osé a bimbo di 11 anni, arrestato 22enne

 

i più letti

Allarme scorie radioattive il Salento col fiato sospeso

di BIAGIO VALERIO
NARDO' - La Sogin (Società per la gestione degli impianti nucleari) ha consegnato due giorni fa all’Ispra, l’istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale, la proposta di una “Carta delle aree potenzialmente idonee” (Cnapi) ad ospitare il deposito nazionale per i rifiuti radioattivi e un parco tecnologico. Tra queste potrebbe esserci la comunità di Nardò a causa di una vasta piana dell’Arneo, perfetta dal punto di vista geologico e geomorfologico
Allarme scorie radioattive il Salento col fiato sospeso
di Biagio Valerio

NARDO' - La Sogin (Società per la gestione degli impianti nucleari) ha consegnato due giorni fa all’Ispra, l’istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale, la proposta di una “Carta delle aree potenzialmente idonee” (Cnapi) ad ospitare il deposito nazionale per i rifiuti radioattivi e un parco tecnologico. Era attesa da anni. Ora Ispra ha due mesi di tempo per verificare l’applicazione dei criteri da parte di Sogin e validare la Carta.Dopo il nulla osta del ministero dello Sviluppo economico e del Ministero dell’Ambiente si andrà alla discussione con i soggetti coinvolti ed interessati e, tra questi, potrebbe esserci la comunità di Nardò a causa di una vasta piana dell’Arneo, perfetta dal punto di vista geologico e geomorfologico.

Caratteristiche morfologiche eccezionali: la vasta conca a nord-ovest di Nardò, al confine con la provincia di Taranto, è una depressione che poggia su una lente d’acqua sotterranea – un “cuscinetto” - che, secondo i geologi, assorbe le scosse telluriche. Il rischio sismico in quel comprensorio è considerato bassissimo. Ecco perché questa zona del Salento è ideale non solo per vacanze a base di sole e mare. Ma anche per il nucleare. In ballo c’è la costruzione di una infrastruttura di superficie dove mettere in totale sicurezza i rifiuti radioattivi e che consentirà la sistemazione definitiva di circa 75 mila metri cubi di rifiuti di bassa e media attività e lo stoccaggio temporaneo di circa 15 mila metri cubi di rifiuti ad alta attività. La sua realizzazione consentirà di completare lo smaltellamento degli impianti nucleari italiani (Caorso, Trino Vercellese, Latina e Garigliano, in funzione fino al referendum del 1987) e di gestire tutti i rifiuti radioattivi, compresi quelli provenienti dalle attività di medicina nucleare, industriali e di ricerca. Insieme al deposito nazionale sarà realizzato il parco tecnologico: un centro di ricerca dove svolgere attività nel campo dello smantellamento delle centrali nucleari italiane dismesse. Ma è un grave rischio o un’opportunità per il Salento? La possibilità che ci sia è altissima, prossima al cento per cento: l’ingegner Raffaello De Felice, ultimo responsabile del settore «Impianti nucleari» dell’Enel, rivelò qualche anno fa che Nardò e Manduria erano località “papabili” per ospitare una centrale nucleare ma la bagarre vera e propria (con smentita del Governo di centrodestra) scoppia nel 2008 quando Grazia Francescato, responsabile nazionale dei Verdì, rivela che Nardò può essere il sito individuato dal Governo quale deposito di scorie nucleari. Allarme ripreso a Vieste nello stesso anno, durante la direzione nazionale del Psi, dalla senatrice neritina Maria Rosaria Manieri.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400