Giovedì 24 Gennaio 2019 | 05:35

NEWS DALLA SEZIONE

Caccia ai ladri nel leccese
Caprarica, irrompono nell'ufficio postale da un buco nel muro e rubano 18mila euro

Caprarica, irrompono nell'ufficio postale da un buco nel muro e rubano 18mila euro

 
Il caso
Lecce, a 12 anni accusò parroco di molestie, adolescente rivela di aver mentito

Lecce, a 12 anni accusò parroco di molestie, adolescente rivela di aver mentito

 
Uscito dalla macchinetta
Lecce, beve espressino al bar e ingoia pezzo di metallo

Lecce, beve espressino al bar e ingoia pezzo di metallo

 
Il caso nel Leccese
Nardò, microspie in sagrestia per diffondere i segreti dei fedeli in confessione: è mistero

Nardò, microspie in sagrestia per diffondere i segreti dei fedeli in confessione: è mistero

 
A Giuggianello
Rave party illegale in Salento: 5 denunciati per festa in capannone

Rave party illegale in Salento: cinque denunciati per festa in capannone

 
Nella notte
Tap, acqua contaminata: blitz delle Tute blu davanti ad azienda di Martano

Tap, acqua contaminata: blitz delle «Tute blu» davanti ad azienda di Martano

 
A Miggiano
Lecce, cade dal tetto di un capannone industriale: morto 72enne

Lecce, cade dal tetto di un capannone: morto 72enne

 
Lotta alla droga
Lecce, trovato con 7 chili di marijuana: arrestato 19enne

Lecce, nascondeva 7 kg di marijuana in garage: arrestato 19enne

 
Il gasdotto
Tap, al via l'esame dei periti della Procura: presente anche Emiliano

Tap, al via esame periti della Procura: in aula anche Governatore Emiliano

 
L'appello
L'arcivescovo di Lecce Seccia con la Gazzetta: «Chi può intervenga»

L'arcivescovo di Lecce Seccia con la Gazzetta: «Chi può intervenga»

 
la vertenza salento
Lecce, gasdotto e risarcimenti, Minerva: «Presto un tavolo»

Lecce, gasdotto e risarcimenti, Minerva: «Presto un tavolo»

 

Pizzo da 50mila euro sul film di Genovese In cella 2 pregiudicati

LECCE – Volevano imporre il "pizzo" ai produttori del film di Paolo Genovese, con protagonista Raul Bova, che la produzione cinematografica stava girando nel Salento: in manette due pregiudicati, uno dei quali srebbe legato alla organizzazione di tipo mafioso Sacra Corona Unita. (nella foto Raul Bova, sul set a Nardò)
Pizzo da 50mila euro sul film di Genovese In cella 2 pregiudicati
LECCE – Hanno cercato di impaurire una troupe cinematografica per ottenere il pizzo ma i modi maldestri usati, e l’immediata denuncia alla polizia fatta dalla casa produttrice, ha vanificato la richiesta criminosa. E così, dopo tre mesi di indagini, gli agenti sono riusciti a identificare e ad arrestare i due presunti responsabili del tentativo di estorsione fatto sul set di "Sei mai stata sulla luna?", del regista Paolo Genovese, che ha per protagonista Raul Bova.

Con l’accusa di tentativo di estorsione e furto sono finiti in carcere Pierluigi Calignano, leccese di 21 anni e Luca My, 30 anni, di Nardò, entrambi pregiudicati. Il secondo è ritenuto vicino alla Sacra corona unita e vanta, nella fedina penale, una condanna passata in giudicato per associazione per delinquere di stampo mafioso.   
 Anche per questo episodio il magistrato inquirente, Guglielmo Cataldi, aveva chiesto l’aggravante delle modalità mafiose che il gip del Tribunale di Lecce, Giovanni Gallo, però non ha accolto, ritenendo che il gesto non fosse mirato a sostenere l'organizzazione mafiosa ma solo a soddisfare esigenze personali.

La 'Pepito produzioni srl' di Roma era arrivata a Nardò lo scorso settembre per iniziare le riprese, ma poco dopo il ciak c'era stata subito una visita 'indesiderata' rispetto alla quale fu deciso, prontamente, di reagire, con una denuncia alla polizia. My, dopo essersi fatto indicare chi ricopriva il ruolo di 'location manager', chiese di poter parlare "con quello che comanda" per dargli una comunicazione. Ma non fu accontentato e così, insieme con Calignano, decise di mettere in atto un’azione intimidatoria. La stessa sera i due danneggiarono, con una spranga, uno degli automezzi della produzione, poi si impossessarono di alcune attrezzature e, infine, lasciarono una firma inequivocabile: con una vernice spray scrissero, in dialetto, 'Pacate 50.000 se no ciao'.
      
 Determinanti per l’esito delle indagini, è stato sottolineato dagli inquirenti, sono state la denuncia immediata fatta dalla produzione e, soprattutto, le riprese di una telecamera di videosorveglianza di un negozio della zona. Le immagini riprendono i due pregiudicati che transitano in sella a uno scooter e che poi si accaniscono sul mezzo della troupe.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400