Sabato 21 Settembre 2019 | 23:14

NEWS DALLA SEZIONE

Due operazioni
Lecce, nel garage droga e 4mila euro in contanti: 2 arresti

Fiumi di droga in Salento, recuperati 12mila euro in contanti: 3 arresti

 
Nel salento
Montesano S.no, ha un colpo di sonno alla guida e si schianta contro un'altra auto: 2 feriti

Montesano S.no, ha un colpo di sonno alla guida e si schianta contro un'altra auto: 2 feriti

 
UN 45enne
Racale, maltrattava la madre: dal divieto di stare a casa passa al carcere

Racale, maltrattava la madre: dal divieto di stare a casa passa al carcere

 
Nel Salento
Nardò, rubava da negozio di elettronica insieme alla figlia di 8 anni: arrestato

Nardò, rubava da negozio di elettronica insieme alla figlia di 8 anni: arrestato

 
In un allevamento
Copertino, sfrutta 2 braccianti senza permesso di soggiorno: denunciato

Copertino, sfrutta 2 braccianti senza permesso di soggiorno: denunciato

 
Giro da oltre 2mln di euro
Lecce, società riceveva abusivamente tonnellate di rifiuti metallici: 79 indagati

Lecce, società riceveva abusivamente tonnellate di rifiuti metallici: 79 indagati

 
Tragedia sfiorata
Melendugno, piccolo aereo atterra su muretto a secco: 2 feriti

Melendugno, piccolo aereo si schianta contro muretto a secco: 2 feriti

 
Televisione
Eurogames, anche Otranto tra le città partecipanti al nuovo «Giochi senza Frontiere»

Eurogames, Otranto tra le città partecipanti al nuovo «Giochi senza Frontiere»

 
Presi dai Cc
Lecce, in giro con eroina e materiale da taglio: in manette due 30enni

Lecce, in giro con eroina e materiale da taglio: in manette due 30enni

 
Il duello
Lecce, Gibò contro Billionaire: così il Salento sfida Briatore

Lecce, Gibò contro Billionaire: così il Salento sfida Briatore

 
Operazione Armonica
Mafia a Lecce, stroncato clan alleato ai Tornese: 22 arresti

Mafia a Lecce, stroncato clan alleato ai Tornese: 22 arresti Video

 

Il Biancorosso

Calcio
Folorunsho rialza il Bari: «Noi i più forti della C»

Folorunsho rialza il Bari: «Noi i più forti della C»

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceDue operazioni
Lecce, nel garage droga e 4mila euro in contanti: 2 arresti

Fiumi di droga in Salento, recuperati 12mila euro in contanti: 3 arresti

 
TarantoDai carabinieri
Taranto, non accetta la fine della relazione e perseguita ex moglie e figli: arrestato

Taranto, non accetta la fine della relazione e perseguita ex moglie e figli: arrestato

 
BatL'annuncio
Istituto per il Medioevo: Barletta sarà sede per il Sud

Istituto per il Medioevo: Barletta sarà sede per il Sud

 
BariA bari
Assenteismo al Di Venere: senologo condannato a 2 anni, il pomeriggio passeggiava in scooter

Assenteismo al Di Venere: 2 anni al senologo, il pomeriggio passeggiava in scooter

 
Potenzatruffa nel potentino
Oppido Lucano, raccoglie offerte inesistenti per bimbi malati: denunciato

Oppido Lucano, raccoglie offerte inesistenti per bimbi malati: denunciato

 
MateraL'indagine
Basilicata, donne-madri costrette a licenziarsi

Basilicata, donne-madri costrette a licenziarsi

 
BrindisiDenunciato un uomo
Brindisi, usa abusivamente lampeggiante blu: «Lo facevo per l'autovelox»

Brindisi, usa abusivamente lampeggiante blu: «Lo facevo per l'autovelox»

 

i più letti

Tap, partono i ricorsi contro il sì del ministero

di ELENA ARMENISE
MELENDUGNO - Partono i ricorsi contro il decreto del ministero dell’ambiente che ha concesso la compatibilità ambientale al progetto Tap. Per il governo nazionale l’opera è però “strategica” e dovrà essere realizzata nei tempi stabiliti. Il comune di Melendugno lo farà oggi, il comitato No Tap ha impugnato ieri, davanti al Tar del Lazio, il provvedimento firmato dal ministro, Gian Luca Galletti con cui, il 12 settembre scorso, è stata concessa la compatibilità ambientale al gasdotto con approdo a San Foca
Tap, partono i ricorsi contro il sì del ministero
di Elena Armenise

MELENDUGNO - Partono i ricorsi contro il decreto del ministero dell’ambiente che ha concesso la compatibilità ambientale al progetto Tap. Per il governo nazionale l’opera è però “strategica” e dovrà essere realizzata nei tempi stabiliti. Il comune di Melendugno lo farà oggi, il comitato No Tap ha impugnato ieri, davanti al Tar del Lazio, il provvedimento firmato dal ministro, Gian Luca Galletti con cui, il 12 settembre scorso, è stata concessa la compatibilità ambientale al gasdotto con approdo a San Foca.

Un atto annunciato già da tempo dal sindaco, Marco Potì, e dagli attivisti No Tap e che è arrivato poco prima della scadenza del termine, fissata per il 22 novembre prossimo. I legali hanno fatto le pulci al decreto con cui è stato recepito il parere favorevole emesso, alla fine di agosto, dalla commissione nazionale di Via che ha detto “sì” al gasdotto con approdo a San Foca, prevedendo però 58 prescrizioni a cui Tap dovrà attenersi per la realizzazione del progetto.

Nell’ambito della procedura di Via si è espresso anche, con un parere negativo, il ministero dei Beni culturali (Mibact). Nei ricorsi si prendono proprio in considerazione alcuni dei punti evidenziati dal Mibact, sopratutto in relazione all’incompletezza del progetto: non sono prevedibili gli impatti cumulativi con il percorso di collegamento della rete nazionale di Snam Rete Gas, a Mesagne. Nei ricorsi si mettono poi in evidenza incongruenze e incompletezze relative alla Via. I legali hanno individuato vizi procedurali nella fase di presentazione della documentazione integrativa richiesta dai ministeri dell’Ambiente e dei Beni culturali nel marzo scorso.

Secondo comune e comitato No Tap (che ha impugnato il provvedimento di Via insieme all’associazione Tramontana e ad alcuni proprietari dei terreni interessati al passaggio del gasdotto), il progetto doveva poi essere sottoposto non solo alla Via (valutazione di impatto ambientale), ma anche alla Vas (valutazione ambientale strategica). Un passaggio fondamentale dei ricorsi è poi rappresentato dall’applicabilità della normativa “Seveso”. Secondo i ricorrenti, la procedura di Via non poteva essere chiusa prima del rilascio da parte dei vigili del fuoco del nulla osta di fattibilità (Nof) ai fini antincendio.

Una questione sulla quale pende tra l’altro un contenzioso fra Regione e società. Tap ha infatti impugnato, prima con ricorso straordinario al Presidente della Repubblica e poi davanti al Tar del Lazio, le note del servizio Rischio industriale della Regione in cui si chiedeva di definire la tipologia e le quantità massime di sostanze pericolose presenti nel terminale di ricezione per verificare l’assoggettabilità alla normativa “Seveso”. Allegata ai ricorsi anche una perizia tecnica, redatta dall’ingegnere Alessandro Manuelli della commissione comunale sul gasdotto, in cui si evidenziano incongruenze con una parte delle 58 prescrizioni dettate dal ministero dell’Ambiente.

In attesa della conferenza dei servizi fissata per il prossimo 3 dicembre, il ministro dello Sviluppo economico, Federica Guidi, ribadisce intanto la strategicità dell’opera che «deve essere completata nei tempi stabiliti». Ieri, nel corso di una conferenza stampa in occasione di “Un ponte energetico sul Mediterraneo” organizzato alla Farnesina, il ministro, sull'ipotesi di un cambio del punto di approdo, ha però aggiunto: «Questo tema sarà valutato, il governo nell’ambito delle procedure previste farà tutto quello che è ragionevole fare».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie