Martedì 17 Settembre 2019 | 00:04

NEWS DALLA SEZIONE

La tragedia
Stroncato da infarto per strada: muore sindaco di San Pietro in Lama

Stroncato da infarto per strada: muore sindaco di San Pietro in Lama

 
incidente sul lavoro
Aradeo, cede il cric: meccanico schiacciato da tir, è grave

Aradeo, cede il cric: meccanico schiacciato da tir, è grave

 
Sulla circonvallazione
Lecce, incendia il negozio attiguo al suo bar ormai chiuso: arrestato 57enne

Lecce, incendia il negozio attiguo al suo bar ormai chiuso: arrestato 57enne

 
La tragedia
Veglie, auto piomba su una bici: morto cicloturista belga

Veglie, auto piomba su una bici: morto cicloturista belga
Conducente era drogato

 
indagine nel Leccese
Trepuzzi, a 9 anni palpeggiata da anziano negoziante: arrestato

Trepuzzi, a 9 anni palpeggiata da anziano negoziante: arrestato

 
Il progetto
«Resilienza a domicilio»: l'associazione salentina 2HE porta gli psicoterapeuti nelle case dei malati di Sla

«Resilienza a domicilio»: l'associazione salentina 2HE porta gli psicoterapeuti nelle case dei malati di Sla

 
L'allarme
Gallipoli senza turisti e senza residenti: centro storico verso la desertificazione

Gallipoli senza turisti né residenti: centro storico verso la desertificazione

 
L'inchiesta
Salento, a 15 anni insulti e botte a scuola: indagati 4 bulli, anche una ragazzina

Salento, a 15 anni insulti e botte a scuola: indagati 4 bulli, anche una ragazzina

 
All'Ecotekne
Lecce, principio di incendio nella facoltà di Giurisprudenza: nessun ferito

Lecce, principio di incendio a Giurisprudenza: nessun ferito

 
In via vecchia carmiano
Lecce, vandali di notte nel centro disabili: gravi danni alla struttura

Lecce, vandali di notte nel centro disabili: gravi danni alla struttura

 
nel Leccese
Scorrano, intero centro sportivo costruito senza autorizzazioni: denunciata una donna

Scorrano, intero centro sportivo costruito senza autorizzazioni: denunciata una donna

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari pensa in grande, la Reggina per volare

Bari pensa in grande, la Reggina per volare

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaLotta alla droga
Cagnano Varano, spunta piantagione di 100 piante di marijuana: arrestato 56enne

Cagnano Varano, spunta piantagione di 100 piante di marijuana: arrestato 56enne

 
BariIl bando
Servizio civile all'Università di Bari: 118 posti per giovani volontari

Servizio civile all'Università di Bari: 118 posti per giovani volontari

 
MateraNel Materano
Frana Pomarico, Bardi: «In arrivo un piano specifico per le nuove case»

Frana Pomarico, Bardi: «In arrivo un piano specifico per le nuove case»

 
Tarantonel tarantino
Manduria, operai sfruttati e sottopagati: sospesa attività caseificio, 3 denunce

Manduria, operai sfruttati e sottopagati: sospesa attività caseificio, 3 denunce

 
LecceLa tragedia
Stroncato da infarto per strada: muore sindaco di San Pietro in Lama

Stroncato da infarto per strada: muore sindaco di San Pietro in Lama

 
BatL'evento
Andria, la festa patronale si chiude con Avitabile e l'Orchestra Popolare Notte della Taranta

Andria, la festa patronale si chiude con Avitabile e l'Orchestra Popolare Notte della Taranta

 
PotenzaLa challenge
Avigliano, avvistata «Samara» nella notte: è arrivata in Basilicata

Avigliano, avvistata «Samara» nella notte: è arrivata in Basilicata

 
BrindisiL'omicidio
Brindisi, 19enne ucciso con 3 colpi alla testa: domani i funerali

Brindisi, 19enne ucciso con 3 colpi alla testa: oggi i funerali

 

i più letti

Lecce, lei è incinta la società la licenzia

di MAURO BORTONE
LECCE - Vendeva integratori per la gravidanza per conto di un’azienda farmaceutica, ma quando ha comunicato di essere rimasta a sua volta incinta, è stata licenziata. È l’incredibile storia di Roberta Martignago (foto), biologa leccese, 32 anni, madre di un bimbo di 11 mesi, Matteo, raccontata mercoledì nel corso della trasmissione «Le iene». Ora lavora per un’altra azienda, ed ha avviato una battaglia legale. Sono in corso una causa civile ed una penale
Lecce, lei è incinta la società la licenzia
di Mauro Bortone

LECCE - Licenziata da un’azienda farmaceutica che vende integratori per la gravidanza perché rimasta incinta: è l’incredibile storia di Roberta Martignago, 32enne biologa leccese e madre di un bimbo di 11 mesi, raccontata nell’ultima puntata della trasmissione «Le iene».Il suo calvario ha avuto inizio a giugno del 2013, quando al terzo mese di gravidanza ha comunicato al suo referente d’azienda di aspettare un figlio. Le congratulazioni e le rassicurazioni di quella sera, la mattina dopo hanno subito un’inspiegata mutazione genetica. Mentre è in auto, Roberta riceve una telefonata dalla stesso suo referente, il quale le dice che l’azienda è rimasta spiazzata da quella comunicazione e l’accusa di non aver mostrato la giusta «sensibilità» nei confronti dei suoi datori di lavoro.

«Ero sconvolta – racconta – e per paura di sentirmi male ho chiesto di essere richiamata una volta arrivata a casa». Un’ora dopo, la 32enne torna a parlare col suo referente, che le ripete per filo e per segno quanto già comunicato. Questa volta, però, Roberta non è sola: con lei c’è il suo compagno e insieme registrano la conversazione. L’azienda le contesta di non essere stata interpellata prima, argomentando sull’iter che la donna avrebbe dovuto seguire per una gravidanza, e le intima di rimettere in 24 ore il proprio mandato, pena la richiesta di riconsegnare tutti i propri guadagni. Lei rifiuta e nel giro di poche ore riceve formale richiesta di restituzione di 8mila euro in contanti e il benservito. La casa farmaceutica si è giustificata sottolineando che Roberta è stata licenziata per «scarso rendimento».

«Senza risultati - risponde lei - non avrei lavorato lì per due anni e mezzo». Solo pochi mesi prima aveva ricevuto aumenti sullo stipendio a dimostrazione di quanto fosse brava. Sotto il profilo legale, sono in corso due cause: una civile e una penale. Ma non c’è risarcimento dinanzi a quanto le è accaduto. La rabbia risale ogni volta che qualcuno le fa notare che questo è sempre stato l’andazzo in Italia. «In un Paese civile - sostiene - non può e non deve accadere». Ora Roberta ha trovato lavoro in un’altra azienda e si è messa alle spalle un incubo, di cui oggi parla col sorriso, nonostante il dolore dei mesi scorsi, emblema dei patimenti di una intera generazione messa sotto scacco dalle regole della precarietà ad ogni costo. La consolazione le arriva dal volto sorridente di suo figlio, Matteo, e dalla presenza rassicurante del suo compagno: «Sono le cose importanti della vita». È una consapevolezza da cui ripartire.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie