Giovedì 28 Maggio 2020 | 06:28

NEWS DALLA SEZIONE

La tragedia
Il cantiere del gasdotto

Pisignano, operaio 35enne muore schiacciato da tubo in gasdotto: cantiere sequestrato

 
L'INTERVISTA
Lecce, a un anno dall'elezione il bilancio di Salvemini: dai buoni spesa alle grandi opere, il Covid non ferma il Comune

Lecce, a un anno dall'elezione il bilancio di Salvemini: dai buoni spesa alle grandi opere, il Covid non ferma il Comune

 
nel salento
Coronavirus, ecco gli orrori della rsa di Soleto. La Regione: «Chiudere»

Coronavirus, ecco gli orrori della rsa di Soleto. La Regione: «Chiudere»

 
La decisione
Soleto, «La Fontanella» verso la chiusura: Regione revoca autorizzazione Rsa

Soleto, «La Fontanella» verso la chiusura: Regione revoca autorizzazione Rsa

 
il rogo
Fiamme divorano vegetazione a S.Cesarea Terme e vanno verso il mare: richiesto intervento Canadair

Incendi in Salento, vigili del fuoco domano fiamme con canadair VIDEO

 
nel salento
Copertino, riapre l'Ospedale sia pure fra luci e ombre

Copertino, l'ospedale riapre i ricoveri fra luci e ombre

 
Il rilancio del turismo
OTRANTO

La bellezza di Otranto d'estate in totale sicurezza: lo spot con Lele Spedicato

 
Festa
VIDEO EMMA MARRONE

Buon compleanno Emma Marrone: e si canta da sola il «Tanti auguri»

 
ripartenza
Fase 2, è via libera, ma in Salento riapre solo un lido a Gallipoli

Fase 2, è via libera, ma in Salento riapre solo un lido a Gallipoli Pulsano, sindaco rinvia apertura spiagge libere

 
L'INTERVISTA
Lecce, parla il questore: «Giovani indisciplinati, potenzieremo i controlli»

Lecce, parla il questore: «Giovani indisciplinati, potenzieremo i controlli»

 
Sanità
Ospedale di S. Giuseppe

Copertino, parte domani la rinascita dell’ospedale Greco

 

Il Biancorosso

calcio
Bari, il difensore Perrotta: «Chiediamo chiarezza sul prosieguo del torneo»

Bari, il difensore Perrotta: «Chiediamo chiarezza sul prosieguo del torneo»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BrindisiLutto
Brindisi piange la scomparsa si «Mestru Roc», tra i primi meccanici della provincia

Brindisi piange la scomparsa si «Mestru Roc», tra i primi meccanici della provincia

 
Battragedia sfiorata
Barletta, misterioso agguato, 30enne ferito a colpi di pistola alla coscia e braccio

Barletta, misterioso agguato, 30enne ferito a colpi di pistola alla coscia e braccio

 
Potenzafase 2
Basilicata economia, 53 milioni per microimprese e turismo

Basilicata economia, 53 milioni per microimprese e turismo

 
BariLa decisione
Salvataggio Popolare Bari, via libera del Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi con 1,17 miliardi

Salvataggio PopBari, via libera del Fondo interbancario con 1,17 miliardi

 
MateraLavori pubblici
Matera, sicurezza stradale: nuovo intervento Anas sulla «Basentana»

Matera, sicurezza stradale: nuovo intervento Anas sulla «Basentana»

 
Tarantofase 2
Taranto, più controlli anti-assembramento: vertice in prefettura con le forze dell'ordine

Taranto, più controlli anti-assembramento: vertice in prefettura con le forze dell'ordine

 
Foggiafase 2
Foggia, vietato mangiare e bere all'aperto: arriva ordinanza anti-assembramenti

Foggia, vietato mangiare e bere all'aperto: arriva ordinanza anti-assembramenti

 
LecceLa tragedia
Il cantiere del gasdotto

Pisignano, operaio 35enne muore schiacciato da tubo in gasdotto: cantiere sequestrato

 

i più letti

Sigilli al resort Baia Malva e darsena Puerto del sol

di GIANFRANCO LATTANTE
PORTO CESAREO - L’ombra di abusi edilizi, di autorizzazioni in odor di illegittimità e di presunti provvedimenti illeciti si allunga su un altro paradiso delle vacanze. Ieri mattina i carabinieri hanno sequestrato il resort «Baia Malva» e la darsena «Puerto del Sol» sulla litoranea per Sant’Isidoro, strutture di proprietà di Giuseppe Durante, 65 anni, di Porto Cesareo, ex assessore comunale. Lo stesso imprenditore è titolare dell’altro resort «Riva degli Angeli» che è sotto sequestro per la cui realizzazione si ipotizzano i reati di lottizzazione abusiva, falso ideologico ed omessa denuncia. Il valore degli immobili è di diversi milioni di euro
Sigilli al resort Baia Malva e darsena Puerto del sol
di GIANFRANCO LATTANTE

PORTO CESAREO - L’ombra di abusi edilizi, di autorizzazioni in odor di illegittimità e di presunti provvedimenti illeciti si allunga su un altro paradiso delle vacanze. Ieri mattina i carabinieri hanno sequestrato il resort «Baia Malva» e la darsena «Puerto del Sol» sulla litoranea per Sant’Isidoro, strutture di proprietà di Giuseppe Durante, 65 anni, di Porto Cesareo, ex assessore comunale. Lo stesso imprenditore è titolare dell’altro resort «Riva degli Angeli» che è sotto sequestro per la cui realizzazione si ipotizzano i reati di lottizzazione abusiva, falso ideologico ed omessa denuncia. Il valore degli immobili è di diversi milioni di euro.

I sigilli sono scattati sulla scorta di un decreto di sequestro probatorio firmato dal sostituto procuratore Carmen Ruggiero. Le relazioni tecniche redatte dall’ingegnere Raffaele Congedo e dal perito Giuseppe Elia, in qualità di ausiliari di polizia giudiziaria, e l’informativa dei carabinieri della Compagnia di Campi, diretti dal maggiore Nicola Fasciano, hanno messo in evidenza «macroscopiche difformità rispetto ai permessi di costruire rilasciati, opere realizzate in totale assenza di permesso di costruire e di autorizzazione paesaggistica, provvedimenti autorizzativi ritenuti illeciti ed illegittimi».
In particolare il resort «Baia Malva» (il cui nome si ispira ad una delle isole che affiorano nell’area Marina Protetta di Porto Cesareo) «risulta costruito in una E5 che il Piano regolatore generale qualifica come zona agricola e per il tempo libero, sottoposta a vincolo paesaggistico e idrogeologico e ricompresa nell’ambito territoriale esteso del Putt».
C’è dell’altro. Nel decreto di sequestro il pm aggiunge che il villaggio turistico «risulta costituito da opere assentite da provvedimenti autorizzativi illeciti e illegittimi perché rilasciati in palese violazione delle norme urbanistiche e in ogni caso difformi da quanto prescritto».

Se le ipotesi dovessero trovare conferma, è ragionevole supporre che - come è avvenuto per l’inchiesta su «Riva degli Angeli» - altri nomi possano finire nel registro degli indagati. E passiamo «Puerto del Sol», il complesso destinato ad ormeggio di imbarcazioni. Dagli accertamenti è emerso che la darsena di Durante sarebbe stata realizzata in una zona agricola di salvaguardia paesaggistica, «sottoposta a vincolo paesaggistico ove sono consentite costruzioni al servizio diretto dell’agricoltura, fabbricati rurali, sedi di associazioni e club, attrezzature sportive».
L’ormeggio «è costituito da opere eseguite in parte in macroscopica difformità rispetto ai permessi di costruire rilasciati in parte da opere realizzate in totale assenza di permesso di costruire e di autorizzazione paesaggistica, anche mediante occupazione di aree demaniali non rientranti nella concessione rilasciata. Le opere realizzate appaiono di recente costruzione».

Il sequestro probatorio è finalizzato all’esecuzione di una consulenza tecnica per verificare la consistenza e la natura delle opere realizzate, se le strutture ricettive sono state realizzate in assenza o presenza di provvedimenti amministrativi, la conformità o meno agli strumenti urbanistici in relazione alla tipizzazione della zona e ai vincoli.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie