Venerdì 18 Gennaio 2019 | 08:05

NEWS DALLA SEZIONE

All'ospedale Vito Fazzi
ospedale Vito Fazzi di Lecce

Polmone asportato senza aprire torace: super-intervento a Lecce

 
A Guangzhou
«Casa solare» vince in Cina: nel team ingegnere salentino

«Casa solare» vince in Cina: nel team ingegnere salentino

 
Parla Vincenzo Zara
Unisalento, Rettore: «Immatricolazioni in crescita»

Unisalento, Rettore: «Immatricolazioni in crescita»

 
Lontano almeno 300 metri
Nardò, 75enne geloso picchiava la moglie: mi tradisce

Nardò, 75enne geloso picchiava la moglie: «Mi tradisce»

 
nel Leccese
Geloso della moglie, la picchia e minaccia per anni: nei guai un 75enne a Nardò

Geloso della moglie, la picchia e minaccia per anni: nei guai un 75enne a Nardò

 
Il progetto non decolla
Monteroni, stop all'università islamica: il Tar dà ragione al comune

Monteroni di Lecce, l'università islamica non si farà: il Tar dà ragione al comune

 
Il gasdotto
Tap, completato project financing per 3,9 miliardi di euro

Tap, completato project financing per 3,9 miliardi di euro

 
La nomina
Lecce, dopo le dimissioni di Salvemini nominato commissario ex prefetto Sodano

Lecce, dopo dimissioni di Salvemini nominato commissario: è l'ex prefetto Sodano

 
12 e 13 gennaio
BlaBlaBla Festival: a Trepuzzi contro le discriminazioni di genere

BlaBlaBla Festival: a Trepuzzi contro le discriminazioni di genere

 
L'incidente
Scontro sulla statale 275, muore58enne, coppia salvata dal rogo

Scontro sulla statale 275, muore
58enne, coppia salvata dal rogo

 
Nel leccese
Ruba in casa di una defunta durante il funerale: arrestato 23enne a Copertino

Ruba in casa di una defunta durante il funerale: arrestato 23enne a Copertino

 

Progetto a Lecce «Centro islamico aperto a tutti»

di FLAVIA SERRAVEZZA
LECCE - Realizzare a Lecce la prima università islamica d’Italia è il sogno di Giampiero Khaled Paladini, salentino di Magliano, 57 anni, attuale presidente del consorzio Confime - Confederazione imprese mediterranee - che oggi conta oltre quattrocento aziende associate fra Italia, Nord Africa, Medio Oriente e Unione eurasiatica
Progetto a Lecce «Centro islamico aperto a tutti»
di FLAVIA SERRAVEZZA

Realizzare a Lecce la prima università islamica d’Italia è il sogno di Giampiero Khaled Paladini, salentino di Magliano, 57 anni, attuale presidente del consorzio Confime - Confederazione imprese mediterranee - che oggi conta oltre quattrocento aziende associate fra Italia, Nord Africa, Medio Oriente e Unione eurasiatica (che fa capo alla Russia), nonché svariati partner stranieri. Il mega consorzio - nato una decina di anni fa come semplice confederazione di imprese del Sud Italia - è ora pronto a rilevare l’ex Manifattura Tabacchi di via Birago e a investire ben 50 milioni di euro per realizzare il progetto, col supporto di due fondi islamici.

L’accordo con la Red srl, società milanese attuale proprietaria dell’immobile, è già stato trovato ed entro domani o dopodomani sarà sancito attraverso la firma di un protocollo d’intesa. La base di partenza per la vendita dell’ex manifattura è di 12 milioni di euro, ma la trattativa è aperta e potrebbe richiedere ancora un po’ di tempo.
«Sicuramente - spiega Paladini - la firma del protocollo è un passo importante ed essenziale. Subito dopo, avvieremo una due diligence per verificare lo stato dell’immobile dal punto di vista giuridico e amministrativo. Se tutto dovesse risultare in ordine, prima di chiudere l’acquisto presenteremo il nostro progetto in u n’apposita conferenza stampa: non vogliamo certamente stare in Paradiso a dispetto dei santi. Non siamo la Tap, non abbiamo interessi economici. Se la città di Lecce non ci vuole, non è che ci dobbiamo stare per forza».

Paladini non ha evidentemente digerito le polemiche a proposito del progetto venute fuori negli ultimi giorni.  «Ho scippato questa iniziativa alla Sicilia - dice - dove abbiamo ancora dei portoni aperti a Catania come a Salemi, dove anni fa ero consulente dell’allora sindaco Vittorio Sgarbi per i rapporti con il mondo arabo e islamico. Come consorzio, abbiamo già aperto tre moschee in Sicilia. Ma io avrei il piacere di realizzare quest’operazione a Lecce, perché è la mia terra e l’investimento vale tanto quanto Lecce Capitale europea della cultura...».

Paladini si è convertito all’Islam soltanto due anni fa e ha assunto il nome di «Khaled», che vuol dire invincibile. «Mi occupo da anni di relazioni internazionali, istituzionali e private - spiega - e per ragioni professionali ho rapporti molto stretti col mondo islamico, specie con l’area del Golfo. Grazie ai numerosi viaggi, mi sono avvicinato alla cultura e alla fede musulmana e oggi il mio sogno è di creare un punto di riferimento prestigioso, in Italia, per l’intera comunità islamica».
Aule, biblioteche, centro congressi, residenze per docenti e studenti, centro sportivo, aree verdi e commerciali: questo prevede il progetto dell’università islamica, «che sarà aperta a tutti, anche a chi professa una fede diversa », chiarisce Paladini. Si partirà con la facoltà di Lettere e Filosofia e il corso di Teologia per poi passare, chissà, a Economia e magari Medicina. «Coinvolgeremo personaggi importanti del mondo arabo e in questo senso mi piacerebbe collaborare con l’Università del Salento. Immagino un accordo tra l’ateneo leccese e l’università di Medina».
Sogna Paladini e già tremano gli ambienti cattolici leccesi. «Mi auguro che i salentini capiscano di cosa stiamo parlando - conclude - e non si lascino condizionare da stupidi pregiudizi».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400