Domenica 20 Gennaio 2019 | 15:43

NEWS DALLA SEZIONE

Truffa nel Leccese
Alezio, estorce soldi ad anziano fingendosi il figlio di un vecchio amico malato

Alezio, estorce soldi ad anziano fingendosi il figlio di un vecchio amico malato

 
Ambiente
Colombi e igiene, la Procura di Lecce apre un fascicolo

Colombi e igiene, la Procura di Lecce apre un fascicolo

 
In Salento
Taurisano, dopo incidente chiede aiuto: il «soccorritore» tenta di stuprarla

Taurisano, dopo incidente chiede aiuto: il «soccorritore» tenta di stuprarla

 
A Castrignano del Capo
Beve in un bar detersivo al posto dell'acqua: asportato stomaco a 28enne nel Leccese

Chiede acqua in un bar e gli servono brillantante: asportato stomaco a 28enne nel Leccese

 
Vandali al Vanoni
Nardò, dalla finestra della scuola «piovono» sedie

Nardò, dalla finestra della scuola «piovono» sedie

 
Padre, madre e 2 figli
Famiglia dipendente dal web vive chiusa in casa per 2 anni e mezzo: incubo nel Salento

Famiglia dipendente dal web vive chiusa in casa per 2 anni e mezzo: incubo nel Salento

 
Nel Leccese
Strattona nonna 95enne per avere soldi per la droga: un arresto a Casarano

Strattona nonna 95enne per avere soldi per la droga: un arresto a Casarano

 
A Torre San Giovanni
Tenta rapina in farmacia con rasoio e scappa, arrestato 31enne salentino

Tenta rapina in farmacia con rasoio e scappa, arrestato 31enne salentino

 
Il movimento nel Salento
Melendugno: No Tap protestano in tute anticontaminazione

Melendugno: No Tap protestano in tute anticontaminazione

 
Nel Leccese
Copertino, incendio in capannone Fse: danneggiato treno merci

Copertino, incendio in capannone Fse: danneggiato treno merci

 
Il festival
Picturebook Fest: a Lecce arte e letteratura per ragazzi

Picturebook Fest: a Lecce arte e letteratura per ragazzi

 

Tentano di adescare un altro bambino nel Salento ora è paura

di GIANFRANCO LATTANTE
LECCE - Un altro ragazzino adescato. Dopo i casi di Racale, dove una bambina è stata avvicinata da un’anziana mentre usciva dalla scuola e di Gemini, dove un bambino è stato seguito da due uomini incappucciati in auto che hanno tentato di prelevarlo, un terzo episodio si è verificato ieri a Santa Barbara, la frazione di Galatina. Nel mirino un undicenne, avvicinato da tre uomini a bordo di un furgone. Il rapimento è andato a vuoto solo perché il ragazzino si è messo ad urlare
LA CRONACA DI IERI
Tentano di adescare un altro bambino nel Salento ora è paura
di Gianfranco Lattante

GALATINA - L’allarme cresce. Un altro ragazzino è stato adescato. È successo ieri pomeriggio a Santa Barbara, la frazione di Galatina, un pugno di case con circa duecento anime. Tre uomini, a bordo di un furgone, hanno tentato di portarlo via ma non ci sono riusciti perché l’undicenne si è messo ad urlare, richiamando l’attenzione della mamma e mettendo in fuga i malintenzionati.

Perché hanno tentato di rapire il ragazzino? Cosa avevano in mente? E, soprattutto, chi sono quei tre uomini misteriosi?

Interrogativi ai quali i carabinieri della stazione di Galatina cercano di dare una risposta. Intanto cresce l’allarme. Fatti analoghi, nei giorni scorsi, sono già avvenuti a Gemini e a Racale (ne riferiamo nel servizio sotto).

L’episodio è avvenuto intorno alle 16.30. L’undicenne, figlio di un disoccupato e di una casalinga, stava giocando per strada, vicino ad un parco giochi e, comunque, non lontano dalla propria abitazione. All’improvviso è giunto un Fiat Ducato di colore bianco che si è avvicinato all’adolescente. A bordo c’erano tre uomini, tutti a quanto pare di carnagione scura. Due sono scesi dal furgone e hanno invitato il ragazzino a seguirli. «Vieni, vieni» gli hanno ripetuto con una certa insistenza. Qualche momento di esitazione, poi il ragazzino si è messo ad urlare. Ha percepito la presenza di quegli uomini come una minaccia e così ha richiamato l’attenzione della madre che si è precipitata in strada. A quel punto i due uomini sono risaliti a bordo del furgone. «Sciamu, sciamu» ha esclamato uno dei due in dialetto, lasciando supporre che possa essere un soggetto della zona o uno straniero ben integrato. Il furgone, poi, dopo una rumorosa sgommata, si è allontanato a forte velocità. Qualcuno ha notato quel mezzo che si dirigeva verso Copertino. C’è chi ha provato a memorizzare la targa. Ai carabinieri ne è stato consegnato solo un frammento. È un primo elemento da cui ripartire.

Ma i carabinieri, dopo aver raccolto la denuncia, hanno cominciato a setacciare le immagini filmate dagli impinati di videosorveglianza del comune, di attività commerciali e di abitazioni.

In paese c’è chi ricorda un episodio simile avvenuto qualche giorno fa. Ma non ci sono denunce.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400