Sabato 21 Settembre 2019 | 17:12

NEWS DALLA SEZIONE

Nel salento
Montesano S.no, ha un colpo di sonno alla guida e si schianta contro un'altra auto: 2 feriti

Montesano S.no, ha un colpo di sonno alla guida e si schianta contro un'altra auto: 2 feriti

 
UN 45enne
Racale, maltrattava la madre: dal divieto di stare a casa passa al carcere

Racale, maltrattava la madre: dal divieto di stare a casa passa al carcere

 
Nel Salento
Nardò, rubava da negozio di elettronica insieme alla figlia di 8 anni: arrestato

Nardò, rubava da negozio di elettronica insieme alla figlia di 8 anni: arrestato

 
In un allevamento
Copertino, sfrutta 2 braccianti senza permesso di soggiorno: denunciato

Copertino, sfrutta 2 braccianti senza permesso di soggiorno: denunciato

 
Giro da oltre 2mln di euro
Lecce, società riceveva abusivamente tonnellate di rifiuti metallici: 79 indagati

Lecce, società riceveva abusivamente tonnellate di rifiuti metallici: 79 indagati

 
Tragedia sfiorata
Melendugno, piccolo aereo atterra su muretto a secco: 2 feriti

Melendugno, piccolo aereo si schianta contro muretto a secco: 2 feriti

 
Televisione
Eurogames, anche Otranto tra le città partecipanti al nuovo «Giochi senza Frontiere»

Eurogames, Otranto tra le città partecipanti al nuovo «Giochi senza Frontiere»

 
Presi dai Cc
Lecce, in giro con eroina e materiale da taglio: in manette due 30enni

Lecce, in giro con eroina e materiale da taglio: in manette due 30enni

 
Il duello
Lecce, Gibò contro Billionaire: così il Salento sfida Briatore

Lecce, Gibò contro Billionaire: così il Salento sfida Briatore

 
Operazione Armonica
Mafia a Lecce, stroncato clan alleato ai Tornese: 22 arresti

Mafia a Lecce, stroncato clan alleato ai Tornese: 22 arresti Video

 
La tragedia
Stroncato da infarto per strada: muore sindaco di San Pietro in Lama

Stroncato da infarto per strada: muore sindaco di San Pietro in Lama

 

Il Biancorosso

Calcio
Folorunsho rialza il Bari: «Noi i più forti della C»

Folorunsho rialza il Bari: «Noi i più forti della C»

 

NEWS DALLE PROVINCE

TarantoDai carabinieri
Taranto, non accetta la fine della relazione e perseguita ex moglie e figli: arrestato

Taranto, non accetta la fine della relazione e perseguita ex moglie e figli: arrestato

 
BatL'annuncio
Istituto per il Medioevo: Barletta sarà sede per il Sud

Istituto per il Medioevo: Barletta sarà sede per il Sud

 
BariA bari
Assenteismo al Di Venere: senologo condannato a 2 anni, il pomeriggio passeggiava in scooter

Assenteismo al Di Venere: 2 anni al senologo, il pomeriggio passeggiava in scooter

 
Potenzatruffa nel potentino
Oppido Lucano, raccoglie offerte inesistenti per bimbi malati: denunciato

Oppido Lucano, raccoglie offerte inesistenti per bimbi malati: denunciato

 
LecceNel salento
Montesano S.no, ha un colpo di sonno alla guida e si schianta contro un'altra auto: 2 feriti

Montesano S.no, ha un colpo di sonno alla guida e si schianta contro un'altra auto: 2 feriti

 
MateraL'indagine
Basilicata, donne-madri costrette a licenziarsi

Basilicata, donne-madri costrette a licenziarsi

 
Foggiacontrolli
Fogglia, blitz dei cc al mercato di via Rosati: un ambulante multato, l'altro fugge

Fogglia, blitz dei cc al mercato di via Rosati: un ambulante multato, l'altro fugge

 
BrindisiDenunciato un uomo
Brindisi, usa abusivamente lampeggiante blu: «Lo facevo per l'autovelox»

Brindisi, usa abusivamente lampeggiante blu: «Lo facevo per l'autovelox»

 

i più letti

«La strage degli ulivi evitata grazie al lavoro di squadra»

di DONATO BOSCIA*
Non conosciamo ancora il testo ufficiale del Decreto di Lotta Obbligatoria alla Xylella firmato dal ministro Martina ma possiamo dire che il giudizio non può che essere positivo, soprattutto perché questo Decreto permette di evitare le misure drastiche imposte dalla decisione comunitaria del 23 luglio evitando, al tempo stesso, l'apertura della procedura d'infrazione da parte della Commissione Europea
«La strage degli ulivi evitata grazie al lavoro di squadra»
di DONATO BOSCIA*

Non conosciamo ancora il testo ufficiale del Decreto di Lotta Obbligatoria alla Xylella firmato dal ministro Martina ma, per quel che ne sappiamo sia per aver partecipato alla discussione finale come Comitato tecnico-scientifico internazionale che per aver letto il comunicato stampa del ministero, possiamo dire che il giudizio non può che essere positivo, soprattutto perché questo Decreto permette di evitare le misure drastiche imposte dalla decisione comunitaria del 23 luglio evitando, al tempo stesso, l'apertura della procedura d'infrazione da parte della Commissione Europea.
La suddetta decisione prevedeva, tra l'altro, l'abbattimento di tutte le piante malate o infette, cosa che, se applicata, avrebbe comportato la desertificazione di mezzo Salento. Oltretutto, anche a volerla rispettare, si sarebbe trattato di una azione non realizzabile perché avrebbe richiesto una organizzazione ed una dotazione finanziaria talmente imponenti da non essere applicabili nè in Puglia, nè in nessuna altra parte del pianeta. Ma se si considera che una "decisione" è già un atto esecutivo che, a differenza di una direttiva, non necessita del recepimento da parte degli Stati Membri, una posizione di inerzia avrebbe fatto scattare in automatico l'apertura di una procedura di "infrazione" che avrebbe comportato una pioggia di sanzioni che avremmo pagato tutti noi cittadini, compresi, paradossalmente, gli olivicoltori colpiti dall'epidemia.

Quello che è successo dopo il 23 luglio è l'emanazione di un Decreto, non ancora pubblicato, che consente al Salento di derogare all'obbligo di eradicazione totale evitando al tempo stesso l'apertura da parte della Ue della procedura d'infrazione. È il risultato, niente affatto scontato, di un efficace gioco di squadra tra istituzioni di ricerca, Regione Puglia e ministero dell'Agricoltura. La ricerca ha avuto il merito di aver tempestivamente prodotto un documento che dimostra che nella situazione attuale l'eradicazione indiscriminata non potrebbe centrare l'obiettivo di cancellare la presenza del batterio dal continente europeo e, pertanto, sarebbe semplicemente un’operazione onerosa, inutile e dannosa; la Regione Puglia ha avuto il merito di aver tempestivamente condiviso e fatto proprio tale parere, traducendolo in determinazioni consequenziali e facendolo condividere alle organizzazioni professionali dei produttori prima di proporlo al Ministero; quest’ultimo ha avuto il merito di averlo recepito altrettanto rapidamente e di aver negoziato con successo la nuova posizione con Bruxelles, avendo in tal modo la possibilità di emanare il Decreto nella forma che ci è stata annunciata. In conclusione, come ho già detto, si è giunti in breve tempo, appena due mesi agosto incluso, ad un risultato niente affatto scontato che consente di evitare sia l'eradicazione indiscriminata che la procedura d'infrazione. (*Responsabile dell’Istituto per la protezione sostenibile delle piante del Cnr di Bari)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie