Lunedì 19 Agosto 2019 | 11:35

NEWS DALLA SEZIONE

Il Blitz
Borgo Piave, cardellini-esca per i bracconieri e partono sequestri e denunce

Borgo Piave, cardellini-esca per i bracconieri e partono sequestri e denunce

 
Vandalismo
Lecce, distrutto il «Tempietto» di via Rubichi. L'ira del vescovo

Lecce, distrutto il «Tempietto» di via Rubichi. L'ira del vescovo

 
Vacanze vip
Gallipoli, attracca al porto lo yacht dell’emiro del Qatar

Gallipoli, attracca al porto lo yacht dell’emiro del Qatar

 
le «pagelle» arwu
UniSalento perde quota ma resta nella top 1000 delle migliori al mondo

UniSalento perde quota ma resta nella top 1000 delle migliori al mondo

 
Plastica bruciata
Rogo in un deposito di Lecce, ustionato 17enne: vvf all'opera per 5 ore

Rogo in un deposito di Lecce, ustionato 17enne: vvf all'opera per 5 ore

 
Nel Leccese
Galatina, incendio in cementificio: si teme inquinamento ambientale

Galatina, incendio in cementificio: si teme inquinamento ambientale

 
24-26 agosto
Lecce si prepara alla Festa di Sant'Oronzo: il programma e le info utili

Lecce si prepara alla Festa di Sant'Oronzo: il programma e le info utili

 
Sigilli nel Salento
Discoteca non autorizzata a Vernole: sequestrata parte di un'area camper

Discoteca non autorizzata a Vernole: sequestrata parte di un'area camper

 
Nel Salento
Torrepaduli, Emiliano balla la taranta con 63 bambini e Geppi Cucciari

Torrepaduli, Emiliano balla la taranta con 63 bambini e Geppi Cucciari

 

Il Biancorosso

Coppa Italia
Bari perde ad Avellino 1-0, sfiorato gol alla fine

Bari perde ad Avellino 1-0, sfiorato gol alla fine

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaRICETTAZIONE
Foggia, rubano armature e le rivendono in mercatino di Manfredonia: denunciati

Foggia, rubano armature e le rivendono in mercatino di Manfredonia: denunciati

 
TarantoL'arresto
Statte, ladro sfortunato: entra in due case ma viene beccato dai proprietari

Statte, ladro sfortunato: entra in due case ma viene beccato dai proprietari

 
BatCervelli in fuga
Da Bisceglie in Olanda: la storia di Anna, biologa contro il cancro al fegato

Da Bisceglie in Olanda: la storia di Anna, biologa contro il cancro al fegato

 
MateraAgricoltura
Troppo caldo, pomodori già cotti sulle piantine: l'allarme in Basilicata

Troppo caldo, pomodori già cotti sulle piantine: l'allarme in Basilicata

 
PotenzaIl caso
Potenza, lavori al carcere: chi è in arresto deve «emigrare»

Potenza, lavori al carcere: chi è in arresto deve «emigrare»

 
LecceIl Blitz
Borgo Piave, cardellini-esca per i bracconieri e partono sequestri e denunce

Borgo Piave, cardellini-esca per i bracconieri e partono sequestri e denunce

 
BariIl caso
Ruvo, cittadino raccoglie rifiuti ma viene multato: «Ha spostato l'immondizia»

Ruvo, cittadino raccoglie rifiuti ma viene multato: «Ha spostato l'immondizia»

 
BrindisiAtti vandalici
Ceglie Messapica, vandali al castello: 3 turisti minorenni denunciati

Ceglie Messapica, vandali al castello: 3 turisti minorenni denunciati

 

i più letti

«La strage degli ulivi evitata grazie al lavoro di squadra»

di DONATO BOSCIA*
Non conosciamo ancora il testo ufficiale del Decreto di Lotta Obbligatoria alla Xylella firmato dal ministro Martina ma possiamo dire che il giudizio non può che essere positivo, soprattutto perché questo Decreto permette di evitare le misure drastiche imposte dalla decisione comunitaria del 23 luglio evitando, al tempo stesso, l'apertura della procedura d'infrazione da parte della Commissione Europea
«La strage degli ulivi evitata grazie al lavoro di squadra»
di DONATO BOSCIA*

Non conosciamo ancora il testo ufficiale del Decreto di Lotta Obbligatoria alla Xylella firmato dal ministro Martina ma, per quel che ne sappiamo sia per aver partecipato alla discussione finale come Comitato tecnico-scientifico internazionale che per aver letto il comunicato stampa del ministero, possiamo dire che il giudizio non può che essere positivo, soprattutto perché questo Decreto permette di evitare le misure drastiche imposte dalla decisione comunitaria del 23 luglio evitando, al tempo stesso, l'apertura della procedura d'infrazione da parte della Commissione Europea.
La suddetta decisione prevedeva, tra l'altro, l'abbattimento di tutte le piante malate o infette, cosa che, se applicata, avrebbe comportato la desertificazione di mezzo Salento. Oltretutto, anche a volerla rispettare, si sarebbe trattato di una azione non realizzabile perché avrebbe richiesto una organizzazione ed una dotazione finanziaria talmente imponenti da non essere applicabili nè in Puglia, nè in nessuna altra parte del pianeta. Ma se si considera che una "decisione" è già un atto esecutivo che, a differenza di una direttiva, non necessita del recepimento da parte degli Stati Membri, una posizione di inerzia avrebbe fatto scattare in automatico l'apertura di una procedura di "infrazione" che avrebbe comportato una pioggia di sanzioni che avremmo pagato tutti noi cittadini, compresi, paradossalmente, gli olivicoltori colpiti dall'epidemia.

Quello che è successo dopo il 23 luglio è l'emanazione di un Decreto, non ancora pubblicato, che consente al Salento di derogare all'obbligo di eradicazione totale evitando al tempo stesso l'apertura da parte della Ue della procedura d'infrazione. È il risultato, niente affatto scontato, di un efficace gioco di squadra tra istituzioni di ricerca, Regione Puglia e ministero dell'Agricoltura. La ricerca ha avuto il merito di aver tempestivamente prodotto un documento che dimostra che nella situazione attuale l'eradicazione indiscriminata non potrebbe centrare l'obiettivo di cancellare la presenza del batterio dal continente europeo e, pertanto, sarebbe semplicemente un’operazione onerosa, inutile e dannosa; la Regione Puglia ha avuto il merito di aver tempestivamente condiviso e fatto proprio tale parere, traducendolo in determinazioni consequenziali e facendolo condividere alle organizzazioni professionali dei produttori prima di proporlo al Ministero; quest’ultimo ha avuto il merito di averlo recepito altrettanto rapidamente e di aver negoziato con successo la nuova posizione con Bruxelles, avendo in tal modo la possibilità di emanare il Decreto nella forma che ci è stata annunciata. In conclusione, come ho già detto, si è giunti in breve tempo, appena due mesi agosto incluso, ad un risultato niente affatto scontato che consente di evitare sia l'eradicazione indiscriminata che la procedura d'infrazione. (*Responsabile dell’Istituto per la protezione sostenibile delle piante del Cnr di Bari)

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie