Sabato 16 Febbraio 2019 | 16:23

NEWS DALLA SEZIONE

Controlli Nas e Asl
Lecce, farmaci e dispositivi medici scaduti in ospedale: due denunciati

Lecce, farmaci e dispositivi medici scaduti in ospedale: due denunciati

 
Nel Leccese
Rubò cibo da ristorante e scappò con macchina rubata: un arresto a Tricase

Rubò cibo da ristorante e scappò con macchina rubata: un arresto a Tricase

 
Denunciato
Lecce, «Sono suo nipote» e bidona due notai per prosciugare conti di anziana

Lecce, «Sono suo nipote» e bidona due notai per prosciugare conti di anziana

 
Sono ai domiciliari
Cutrofiano, ladri «visitano» capannone pignorato: presi dai Cc

Cutrofiano, ladri «visitano» capannone pignorato: presi dai Cc

 
In via Giammatteo
Lecce, si fingono poliziotti e rapinano ristoratore: via con la fuoriserie

Lecce, si fingono poliziotti e rapinano ristoratore: via con la fuoriserie

 
Nuove accuse
Ugento: Roberta, uccisa 20 anni fa, forse fu molestata

Ugento: Roberta, uccisa 20 anni fa, forse fu molestata

 
Il caso
Lecce, voti in cambio di case popolari: in 35 a processo, anche politici

Lecce, voti in cambio di case popolari: in 35 a processo, anche politici

 
La tragedia
Lecce, schianto mortale mentre va al lavoro: muore 19enne

Lecce, schianto mortale mentre va al lavoro: muore 19enne

 
La lettera aperta
San Valentino, i 5 consigli di mons. Seccia agli innamorati: «Dio vi vuole felici»

San Valentino, i 5 consigli di mons. Seccia agli innamorati

 
L'inchiesta a Lecce
Giustizia svenduta: a Lecce altro magistrato nel mirino, si indaga su un albergo e questioni fiscali

Giustizia svenduta: altro magistrato nel mirino, si indaga su un albergo e questioni fiscali

 
La rapina in mattinata
Acquarica del Capo: entra in banca, spinge dipendente e porta via denaro

Acquarica del Capo: entra in banca, spinge dipendente e porta via denaro

 

NEWS DALLE PROVINCE

MateraIl caso
matera bari

Matera, svaligiavano appartamenti: in manette 3 ladri baresi

 
LecceControlli Nas e Asl
Lecce, farmaci e dispositivi medici scaduti in ospedale: due denunciati

Lecce, farmaci e dispositivi medici scaduti in ospedale: due denunciati

 
BatDavanti al porto
Trani, anziana in acqua: soccorsa in tempo, rischiava assideramento

Trani, anziana in acqua: soccorsa in tempo, rischiava assideramento

 
BrindisiAi domiciliari
Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

Cocaina e 1700 euro in tasca: un arresto a San Donaci

 
TarantoIn via Temenide
Taranto, pesta convivente 22enne per gelosia: in cella un 28enne

Taranto, pesta convivente 22enne per gelosia: in cella un 28enne

 
PotenzaDal gip di Potenza
Lavello, donna di mezza età in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

Lavello, donna 40enne in crisi col marito amava «partner» under 18: condannata

 
BariRunning heart
Bari, occhio al traffico e ai divieti: domenica c'è la Corsa del cuore

Bari, occhio al traffico e ai divieti: domenica c'è la corsa del cuore

 
FoggiaSfiducia al sindaco
San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

San Giovanni Rotondo, al Comune arriva il commissario

 

Lecce, bodyguard ucciso 20 anni all'omicida

LECCE - Il gup del tribunale di Lecce Carlo Cazzella ha condannato a 20 anni di carcere Lorenzo Arseni, 48 anni, l'omicida reo confesso di Gianfranco Zuccaro (foto), bodyguard ucciso in piazza davanti ad un bar a San Cesario di Lecce il 7 luglio dello scorso anno. Il pm Roberta Licci aveva chiesto la condanna all'ergastolo, contestando all'imputato la premeditazione e il metodo mafioso. Di parere contrario il gup, che non ha riconosciuto la premeditazione ma piuttosto il gesto d'impeto per motivi di gelosia
Lecce, bodyguard ucciso 20 anni all'omicida
LECCE - Il gup del tribunale di Lecce Carlo Cazzella ha condannato a 20 anni di carcere Lorenzo Arseni, 48 anni, l'omicida reo confesso di Gianfranco Zuccaro, bodyguard ucciso in piazza davanti ad un bar a San Cesario di Lecce il 7 luglio dello scorso anno. Il pm Roberta Licci aveva chiesto la condanna all'ergastolo, contestando all'imputato la premeditazione e il metodo mafioso.

Di parere contrario il gup, che non ha riconosciuto la premeditazione ma piuttosto il gesto d'impeto per motivi di gelosia, riconoscendo le modalità mafiose dell'esecuzione. Ai cinque fiancheggiatori che avrebbero favorito la latitanza di Arseni, arrestato un mese dopo il delitto, sono state inflitte pene comprese tra un anno e quattro mesi e 2 anni e quattro mesi di reclusione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400