Mercoledì 23 Gennaio 2019 | 16:20

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Lecce, a 12 anni accusò parroco di molestie, adolescente rivela di aver mentito

Lecce, a 12 anni accusò parroco di molestie, adolescente rivela di aver mentito

 
Uscito dalla macchinetta
Lecce, beve espressino al bar e ingoia pezzo di metallo

Lecce, beve espressino al bar e ingoia pezzo di metallo

 
Il caso nel Leccese
Nardò, microspie in sagrestia per diffondere i segreti dei fedeli in confessione: è mistero

Nardò, microspie in sagrestia per diffondere i segreti dei fedeli in confessione: è mistero

 
A Giuggianello
Rave party illegale in Salento: 5 denunciati per festa in capannone

Rave party illegale in Salento: cinque denunciati per festa in capannone

 
Nella notte
Tap, acqua contaminata: blitz delle Tute blu davanti ad azienda di Martano

Tap, acqua contaminata: blitz delle «Tute blu» davanti ad azienda di Martano

 
A Miggiano
Lecce, cade dal tetto di un capannone industriale: morto 72enne

Lecce, cade dal tetto di un capannone: morto 72enne

 
Lotta alla droga
Lecce, trovato con 7 chili di marijuana: arrestato 19enne

Lecce, nascondeva 7 kg di marijuana in garage: arrestato 19enne

 
Il gasdotto
Tap, al via l'esame dei periti della Procura: presente anche Emiliano

Tap, al via esame periti della Procura: in aula anche Governatore Emiliano

 
L'appello
L'arcivescovo di Lecce Seccia con la Gazzetta: «Chi può intervenga»

L'arcivescovo di Lecce Seccia con la Gazzetta: «Chi può intervenga»

 
la vertenza salento
Lecce, gasdotto e risarcimenti, Minerva: «Presto un tavolo»

Lecce, gasdotto e risarcimenti, Minerva: «Presto un tavolo»

 
Truffa nel Leccese
Alezio, estorce soldi ad anziano fingendosi il figlio di un vecchio amico malato

Alezio, estorce soldi ad anziano fingendosi il figlio di un vecchio amico malato

 

Gasdotto, il ministro firma il decreto La rabbia dei sindaci

di ELENA ARMENISE
MELENDUGNO - Esplode la rabbia dei sindaci dopo il via libera al Tap. Il Ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, ha firmato il decreto di compatibilità ambientale del gasdotto con approdo a San Foca. La notizia si è diffusa ieri, spegnendo l’entusiasmo durato solo poche ore per via del parere negativo espresso, invece, dal ministero dei Beni culturali.«Siamo amareggiati e delusi - commenta il sindaco di Melendugno, Marco Potì - è una forzatura»
Gasdotto, il ministro firma il decreto La rabbia dei sindaci
di Elena Armenise

MELENDUGNO - Esplode la rabbia dei sindaci dopo il via libera al Tap. Il Ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti, ha firmato il decreto di compatibilità ambientale del gasdotto con approdo a San Foca. La notizia si è diffusa ieri, spegnendo l’entusiasmo durato solo poche ore per via del parere negativo espresso, invece, dal ministero dei Beni culturali.«Siamo amareggiati e delusi - commenta il sindaco di Melendugno, Marco Potì - è una forzatura. Non sono state rispettate le prerogative democratiche di enti che si sono espressi in senso contrario. Non è certo un bel modo di governare». Nelle ultime ore il parere negativo rilasciato dal ministero dei Beni culturali (il cui parere è previsto “di concerto” nell’ambito della procedura di Via) aveva fatto ben sperare comuni e associazioni contrari all’opera. Giovedì scorso il ministro Galletti, su indicazione del Consiglio dei Ministri, ha però firmato il decreto che recepisce il parere favorevole espresso a fine agosto dalla commissione di Via del ministero dell’Ambiente. Parere che dice “si” al gasdotto pur prevedendo 58 prescrizioni a cui Tap dovrà attenersi.

Si apre ora la fase in capo al Ministero dello Sviluppo economico per il rilascio dell’autorizzazione unica. «Nel parere negativo del ministero dei Beni culturali è stato confermato quello che sosteniamo ormai da più di due anni - dice Potì - il gasdotto è incompatibile con i valori paesaggistici e ambientali del nostro territorio. Non si può non tener conto di questo». Il sindaco si prepara a incontrare oggi, a Bari, insieme ad una quarantina di altri primi cittadini, il premier Renzi. «Abbiamo chiesto un confronto diretto - dice il sindaco - mi dispiace che un presidente del Consiglio, democratico, non rispetti le disposizioni di un ministero e decida di andare avanti comunque». Riferendosi poi alle recenti dichiarazioni rilasciate su Facebook dal presidente della Regione, Nichi Vendola, secondo cui «sul gasdotto Tap ha ragione la Regione: San Foca è una scelta sbagliata», Potì aggiunge: «Basta dichiarazioni, vogliamo fatti. Servono atti formali e politici da parte degli organi istituzionali della Regione». A chiedere un incontro con il premier, in occasione dell’inaugurazione della fiera oggi a Bari, è anche Anci Puglia per garantire «un maggior coinvolgimento dei rappresentanti delle comunità salentine». «L'approvazione arriva a valle di un attento coinvolgimento di tutte le parti interessate, del dialogo con le comunità locali, della consultazione pubblica e di una stretta cooperazione con le autorità nazionali e regionali coinvolte - fa sapere intanto Tap in merito all’ok al progetto giunto con la firma del decreto - Tap è impegnata a fornire responsabilmente un progetto di eccellenza e continuerà a lavorare a stretto contatto e in collaborazione con tutti i soggetti interessati. Come per gli altri Paesi parte del progetto - conclude - la relazione finale Via è stata redatta nel pieno rispetto della legislazione italiana e di quella dell’Unione Europea, in accordo con i requisiti internazionali della Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo e della Società Finanziaria Internazionale».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400