Mercoledì 18 Settembre 2019 | 04:45

NEWS DALLA SEZIONE

Il duello
Lecce, Gibò contro Billionaire: così il Salento sfida Briatore

Lecce, Gibò contro Billionaire: così il Salento sfida Briatore

 
Operazione Armonica
Mafia a Lecce, stroncato clan alleato ai Tornese: 22 arresti

Mafia a Lecce, stroncato clan alleato ai Tornese: 22 arresti Video

 
La tragedia
Stroncato da infarto per strada: muore sindaco di San Pietro in Lama

Stroncato da infarto per strada: muore sindaco di San Pietro in Lama

 
incidente sul lavoro
Aradeo, cede il cric: meccanico schiacciato da tir, è grave

Aradeo, cede il cric: meccanico schiacciato da tir, è grave

 
Sulla circonvallazione
Lecce, incendia il negozio attiguo al suo bar ormai chiuso: arrestato 57enne

Lecce, incendia il negozio attiguo al suo bar ormai chiuso: arrestato 57enne

 
La tragedia
Veglie, auto piomba su una bici: morto cicloturista belga

Veglie, auto piomba su una bici: morto cicloturista belga
Conducente era drogato

 
indagine nel Leccese
Trepuzzi, a 9 anni palpeggiata da anziano negoziante: arrestato

Trepuzzi, a 9 anni palpeggiata da anziano negoziante: arrestato

 
Il progetto
«Resilienza a domicilio»: l'associazione salentina 2HE porta gli psicoterapeuti nelle case dei malati di Sla

«Resilienza a domicilio»: l'associazione salentina 2HE porta gli psicoterapeuti nelle case dei malati di Sla

 
L'allarme
Gallipoli senza turisti e senza residenti: centro storico verso la desertificazione

Gallipoli senza turisti né residenti: centro storico verso la desertificazione

 
L'inchiesta
Salento, a 15 anni insulti e botte a scuola: indagati 4 bulli, anche una ragazzina

Salento, a 15 anni insulti e botte a scuola: indagati 4 bulli, anche una ragazzina

 
All'Ecotekne
Lecce, principio di incendio nella facoltà di Giurisprudenza: nessun ferito

Lecce, principio di incendio a Giurisprudenza: nessun ferito

 

Il Biancorosso

Dopo Bari Reggina
Bari non vince al San Nicola, Cornacchini: nessun tabù

Bari non vince al San Nicola, Cornacchini: nessun tabù

 

NEWS DALLE PROVINCE

BrindisiDai Cc
Mesagne, una coltellata vicino all'occhio: preso l'aggressore

Mesagne, una coltellata vicino all'occhio: preso l'aggressore

 
BatIl personaggio
Luigi, il super ingegnere di Barletta che fa «volare» la McLaren

Luigi, il super ingegnere di Barletta che fa «volare» la McLaren

 
Foggia
Mafia, interdette due società a Foggia: parentela con il boss

Mafia, interdette due società a Foggia: parentela con il boss

 
MateraSasso Caveoso
Matera, la conferma di due rabbini: qui la sinagoga più antica d'Europa

Matera, la conferma di due rabbini: qui la sinagoga più antica d'Europa

 
BariPolis-Deloitte
toghe, avvocati

Bari, Finanza e diritto penale: alleanza tra studi legali barese e milanese

 
PotenzaA Sant'Arcangelo
Piante di marijuana sul terrazzo, arrestato 46enne

Piante di marijuana sul terrazzo, arrestato 46enne

 
TarantoIn centro
Taranto, si barrica in casa e minaccia d far saltare in aria lo stabile

Taranto, si barrica in casa e minaccia d far saltare in aria lo stabile

 
LecceIl duello
Lecce, Gibò contro Billionaire: così il Salento sfida Briatore

Lecce, Gibò contro Billionaire: così il Salento sfida Briatore

 

i più letti

Mafia, blitz in Salento arrestati 15 della Scu

LECCE – Quindici arrestati in Salento nell’operazione denominata 'Baia Verdè. Nel mirino le attività criminali del clan Padovano della Sacra Corona Unita, operante nella fascia costiera jonica salentina, soprattutto a Gallipoli, e le sue infiltrazioni nel tessuto economico dell’area, con ingenti interessi soprattutto nel settore turistico balneare. Durante le indagini sono state documentate anche ripetute intimidazioni ai danni di amministrazioni locali
Mafia, blitz in Salento arrestati 15 della Scu
LECCE – Non più solo droga ed estorsioni. Seguendo il flusso fiorente delle attività imprenditoriali legate al turismo balneare salentino, i clan legati alla Sacra corona unita, senza trascurare i vecchia affari, hanno cominciato ad infiltrarsi nelle attività legate dell’estate delle località balneari di Gallipoli imponendo il loro controllo su tutto ciò che ruota attorno alla vita dei lidi e dei locali notturni, dalla gestione della security a quella dei parcheggi.

E' quanto emerge dall’inchiesta condotta dalla Procura antimafia di Lecce che oggi ha portato in carcere 15 persone legate al clan Padovano e ad altri gruppi mafiosi consorziati tra loro e affiliati alla Scu.

L'indagine denominata 'Baia Verdè è stata condotta dai Ros a partire dal marzo 2013 in collaborazione con i carabinieri della compagnia di Gallipoli e ha portato all’arresto, tra gli altri del giovane capo del clan 'Padovanò, il 25enne Angelo Padovano, figlio del capo storico Salvatore, e subentrato al padre dopo l'uccisione di quest’ultimo commissionata da uno zio, Pompeo Rosario, a sua volta condannato poi all’ergastolo.

Con il giovane boss è stato arrestato anche un suo cognato, Roberto Parlangeli, 37 anni, leccese, a capo di un altro gruppo mafioso alleato, operante su parte del capoluogo jonico e inserito organicamente nel clan "Tornese". L’alleanza tra i due gruppi, secondo gli investigatori, aveva consentito in breve tempo di ottenere il controllo delle attività economiche turistico balneari nell’area di Gallipoli.

L’organizzazione aveva di fatto rilevato la gestione dell’attività di security e dei parcheggi di locali pubblici e nei lidi balneari e di discoteche, riuscendo ad estromettere con minacce ed intimidazioni mafiose altri imprenditori che operavano nel settore. Tra questi, un imprenditore napoletano che, dopo avere subito numerosi attentati, aveva rinunciato all’appalto della vigilanza lasciando il campo libero alla criminalità.

Per ottenere il controllo sul territorio, il clan aveva anche minacciato e intimidito il sindaco di Gallipoli, Francesco Errico, colpevole di non avere garantito l’assegnazione dei parcheggi richiesti dalla cooperativa "Lu Rusciu te lu mare" gestita da Parlangeli tramite un prestanome.

L'attività intimidatoria aveva avuto effetto su tutti gli imprenditori della zona che, per timore di ritorsioni e attentati, non avevano più rinnovato l’incarico alla impresa di sicurezza napoletana finendo per rivolgersi alla società indicata dal clan.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie