Martedì 14 Luglio 2020 | 02:29

NEWS DALLA SEZIONE

il rogo
Gallipoli, vasto incendio vicino Lido Conchiglie, in azione canadair

Gallipoli, vasto incendio vicino Lido Conchiglie, in azione canadair

 
nel leccese
Ugento, tartaruga depone uova in spiaggia di un resort: quarto nido nel Salento

Ugento, tartaruga depone uova in spiaggia di un resort: quarto nido nel Salento

 
sequestro
Torre Lapillo, lido completamente abusivo: denunciato imprenditore

Torre Lapillo, lido completamente abusivo: denunciato imprenditore

 
la mostra
L’epico Laboratorio di Renzo Piano dedicato a Otranto

L’epico Laboratorio di Renzo Piano dedicato a Otranto

 
batterio Killer
Il secolare “albero del diavolo”

Salice Salentino, il secolare “albero del diavolo” ucciso dalla Xylella dopo 400 anni

 
il caso in salento
Otranto, «È un lupo oppure un cane inselvatichico?. Di certo è aggressivo e va preso quanto prima»

«È un lupo o un cane inselvatichito? Di certo è aggressivo e va preso quanto prima»: parla l'esperto

 
Il gasdotto
Melendugno, «Il gas di Tap arriverà a Ferragosto? Sono pronto  a presentare una denuncia»

Sindaco Melendugno, «Il gas di Tap a Ferragosto? Sono pronto a presentare denuncia»

 
L'intervista
Racale, chi rapì il piccolo Mauro? La mamma: « Dopo 43 anni chiediamo la verità e che torni a casa»

Racale, chi rapì il piccolo Mauro? La mamma: « Dopo 43 anni chiediamo la verità e che torni a casa»

 
lo sbarco
Migranti, 36 pakistani rintracciati sul litorale del Salento

Migranti, 36 pakistani rintracciati sul litorale del Salento

 
Opera pubblica
San Foca, Tap, lavori ultimati. Presto il collaudo

Tap a San Foca, lavori ultimati: presto il collaudo

 
Il giallo
Racale, caccia ai complici del rapitore di Mauro

Racale, caccia ai complici del rapitore di Mauro

 

Il Biancorosso

calcio
Bari-Ternana 1-1 Biancorossi in semifinale play-off

Bari-Ternana 1-1 Biancorossi in semifinale play-off

 

NEWS DALLE PROVINCE

Bariil decreto
Petruzzelli Bari, ministro Franceschini ratifica nomina sovrintendente Biscardi

Petruzzelli Bari, ministro Franceschini ratifica nomina sovrintendente Biscardi

 
TarantoProroga cig
Mittal Taranto, incontro azienda-sindacati Usb: «Nessuna prospettiva»

Mittal Taranto, incontro azienda-sindacati Usb: «Nessuna prospettiva»

 
Lecceil rogo
Gallipoli, vasto incendio vicino Lido Conchiglie, in azione canadair

Gallipoli, vasto incendio vicino Lido Conchiglie, in azione canadair

 
PotenzaTragedia sfiorata
Potenza, si ribalta autoarticolato carico di legname: conducente salvo per miracolo

Potenza, si ribalta autoarticolato carico di legname: conducente salvo per miracolo

 
Bat5 anni fa la tragedia
BAT, Flai e Cgil ricordano Paola Clemente vittima di caporalato

BAT, Flai e Cgil ricordano Paola Clemente vittima di caporalato

 
Materain zona san pardo
Matera, gestiva un'officina di riparazioni auto e moto totalmente abusiva: scoperto dai cc

Matera, gestiva un'officina di riparazioni auto e moto totalmente abusiva: scoperto dai cc

 
BrindisiTrasporti
Brindisi, «Disservizi per navi e passeggeri. Si apra tavolo di concertazione»

Brindisi, stagione crocieristica: dopo luglio cancellati anche attracchi di agosto

 

i più letti

Intercettazione incastra killer di Porto Cesareo Ma l'accusato si difende: «Non sono stato io»

di LINDA CAPPELLO
PORTO CESAREO (Lecce) - «Lo sapinu, c’hannu sapire, Enzu! ma davveru fessi li faci li cristiani! c’è lu sangu..qua stannu trent’anni de galera...tessi sci curcatu!». Non ha fiatato Vincenzo Tarantino, 51enne di Porto Cesareo, nel momento in cui l’amico lo rimproverava aspramente nella sala d’attesa del comando provinciale dei carabinieri, poco prima che venisse arrestato per il duplice omicidio dei coniugi
Coniugi uccisi massacrati con 40 martellate
Intercettazione incastra killer di Porto Cesareo Ma l'accusato si difende: «Non sono stato io»
LINDA CAPPELLO

PORTO CESAREO (Lecce) - «Lo sapinu, c’hannu sapire, Enzu! ma davveru fessi li faci li cristiani! c’è lu sangu..qua stannu trent’anni de galera...tessi sci curcatu!». Non ha fiatato Vincenzo Tarantino, 51enne di Porto Cesareo, nel momento in cui l’amico lo rimproverava aspramente nella sala d’attesa del comando provinciale dei carabinieri, poco prima che venisse arrestato. Le frasi intercettate dai militari non lascerebbero alcun dubbio sul fatto che sia lui l’assassino di Luigi Ferrari ed Antonella Parente, i coniugi massacrati all’alba di martedì nella loro camera da letto.

Per l’indagato, adesso, è arrivato il momento della verità. Alle 9.30 di questa mattina il giudice per le indagini preliminari Antonia Martalò si recherà in carcere per l’interrogatorio di convalida del fermo: toccherà a Tarantino decidere se parlare e raccontare cosa sia accaduto, oppure tacere, come ha fatto nel momento in cui i carabinieri l’hanno portato in caserma.

Le accuse formulate dal sostituto procuratore Giuseppe Capoccia sono quelle di omicidio volontario aggravato dalla crudeltà e rapina.

Le indagini, condotte dai carabinieri del Nucleo investigativo insieme con i colleghi del Norm di Campi Salentina, sono ora finalizzate ad accertare eventuali complicità. Per comprendere se realmente il Tarantino abbia fatto tutto da solo, o sia stato aiutato da qualcuno.

A scatenare la furia omicida, stando a quanto emerso fino ad ora, la sete di vendetta nei confronti dei coniugi, in particolar modo della Parente, secondo lui responsabile della fine della sua relazione con la nipote, conclusasi il 12 maggio scorso. Da quel giorno, l’uomo avrebbe iniziato a minacciare la sua ex, temendo che avesse un altro uomo; di recente, poi, avrebbe insistito affinchè la donna acquistasse la sua quota dei mobili della loro abitazione, per un valore complessivo di 2700 euro, poichè aveva bisogno di denaro.

Soldi che avrebbero dovuto essere impiegati per un viaggio in Croazia, dove il presunto assassino aveva detto di volersi recare.

È stata la figlia delle due vittime a raccontare agli investigatori degli screzi fra i suoi genitori e Tarantino, soggetto con problemi di tossicodipendenza, che ultimamente avrebbe in tutti i modi preteso denaro dalla madre. Determinanti, ai fini delle indagini, sono state le dichiarazioni di un amico del 51enne, il quale ha riferito che l’uomo gli aveva confidato la sua intenzione di fare un furto in casa della zia della sua ex, certo che la donna disponesse di ingenti somme di denaro custodite nella cassaforte.

La mattina dell’omicidio, dopo aver assunto cocaina,l’arrestato gli avrebbe detto di stare andando in casa dei coniugi. Prima di muoversi, però, si sarebbe impossessato di una scala, e di alcuni attrezzi da lavoro necessari per scardinare la cassaforte.

Probabilmente, Tarantino pensava di non trovare nessuno nell’appartamento: alla vista dei due coniugi avrebbe infierito su di loro con una violenza disumana, colpendoli ripetutamente con un corpo contundente, verosimilmente una piccola accetta. Dopo aver ucciso Ferrari e la Parente, avrebbe poi sradicato la cassaforte dal muro, pulendo nel lavandino gli attrezzi sporchi di sangue.

I carabinieri lo hanno rintracciato intorno alle 17 a bordo della sua auto, a Torre Lapillo. Durante un sopralluogo nella stanza del b&b dove il 51enne aveva soggiornato la notte precedente all’omicidio, sono state recuperate lenzuola intrise di sangue.

Di tutto questo, fino ad oggi, non ha voluto fornire alcuna spiegazione. Questa mattina gli sarà offerta un’altra occasione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie