Mercoledì 22 Gennaio 2020 | 15:20

NEWS DALLA SEZIONE

L'annuncio
«Christian Dior» sfilerà a maggio a Lecce

«Christian Dior» sfilerà a maggio a Lecce

 
L'operazione
Puglia, mafia e gioco d'azzardo, arrestati componenti della Sacra corona unita

Puglia, mafia e gioco d'azzardo, arrestati componenti della Sacra corona unita (VIDEO)

 
l'appuntamento
«Something», i Beatles e il loro 1969: a Lecce il libro di Donato Zoppo

«Something», i Beatles e il loro 1969: a Lecce il libro di Donato Zoppo

 
nel leccese
Taviano, cinema proietta film con sottotitoli per bimbo non udente: il «grazie» di una mamma

Taviano, cinema proietta film con sottotitoli per bimbo non udente: il «grazie» di una mamma

 
la decisione
Scuola, pioggia di fondi in arrivo in Salento: oltre 7 milioni

Scuola, pioggia di fondi in arrivo in Salento: oltre 7 milioni

 
Giustizia svenduta
Pm arrestati, per la Procura: «Imprenditore Introno è attendibile»

Pm arrestati, per la Procura: «Imprenditore D'Introno è attendibile»

 
Lotta per la sopravvivenza
Gallipoli, polpo intrappola gabbiano: ma alla fine vince il pescatore

Gallipoli, polpo intrappola gabbiano: ma alla fine vince il pescatore

 
Il caso
Taviano, lui muore in casa: la moglie malata, bloccata a letto, resta sola per ore

Taviano, anziano muore in casa per malore: la moglie, allettata, resta sola per ore

 
Giustizia
Lecce, distretto Corte d'Appello: in arrivo 12 magistrati

Lecce, distretto Corte d'Appello: in arrivo 12 magistrati

 
«Ghost Wine»
Lecce, sequestrati 10 milioni di litri di vino di scarsa qualità spacciato come eccellente

Lecce, sequestrati 10 milioni di litri di vino di scarsa qualità spacciato come eccellente

 
nel Salento
S.M. al Bagno, il campanile cade a pezzi: è allarme

S.M. al Bagno, il campanile cade a pezzi: è allarme

 

Il Biancorosso

Serie C
Bari in nottuna al San Nicola (ore 20.45) contro la Sicula Leonzio

Bari in notturna al San Nicola (ore 20.45) contro la Sicula Leonzio

 

NEWS DALLE PROVINCE

BatBat
La vicepresidente della Provincia eletta con zero voti

La vicepresidente della Provincia eletta con zero voti

 
TarantoL'evento
Taranto, Giochi del Mediterraneo 2026, il sindaco incontra ministro Spadafora

Taranto, Giochi del Mediterraneo 2026, il sindaco incontra ministro Spadafora

 
BariLa truffa
Bari, falsificarono fogli di presenza, indagati dipendenti Arif

Bari, falsificarono fogli di presenza, indagati dipendenti Arif

 
LecceL'annuncio
«Christian Dior» sfilerà a maggio a Lecce

«Christian Dior» sfilerà a maggio a Lecce

 
PotenzaI finanziamenti
Potenza, in arrivo 7 milioni dalla Regione per il settore ortofrutticolo

Potenza, in arrivo 7 milioni dalla Regione per il settore ortofrutticolo

 
FoggiaLe ricerche
Pantera in azione nel Foggiano, trovata una capra sgozzata

Pantera in azione nel Foggiano, trovata una capra sgozzata

 
HomeIntimidazione
Brindisi, bomba esplode nella notte: danneggiato un bar

Brindisi, bomba esplode nella notte: danneggiato un bar

 
MateraOperazione di CC e Gdf
Matera, truffa e riciclaggio: in cella ex direttore banca. Sequestrato noto ristorante

Matera, truffa e autoriciclaggio: in cella ex direttore di banca. Sequestrato noto ristorante nei Sassi (VD)

 

i più letti

Intercettazione incastra killer di Porto Cesareo Ma l'accusato si difende: «Non sono stato io»

di LINDA CAPPELLO
PORTO CESAREO (Lecce) - «Lo sapinu, c’hannu sapire, Enzu! ma davveru fessi li faci li cristiani! c’è lu sangu..qua stannu trent’anni de galera...tessi sci curcatu!». Non ha fiatato Vincenzo Tarantino, 51enne di Porto Cesareo, nel momento in cui l’amico lo rimproverava aspramente nella sala d’attesa del comando provinciale dei carabinieri, poco prima che venisse arrestato per il duplice omicidio dei coniugi
Coniugi uccisi massacrati con 40 martellate
Intercettazione incastra killer di Porto Cesareo Ma l'accusato si difende: «Non sono stato io»
LINDA CAPPELLO

PORTO CESAREO (Lecce) - «Lo sapinu, c’hannu sapire, Enzu! ma davveru fessi li faci li cristiani! c’è lu sangu..qua stannu trent’anni de galera...tessi sci curcatu!». Non ha fiatato Vincenzo Tarantino, 51enne di Porto Cesareo, nel momento in cui l’amico lo rimproverava aspramente nella sala d’attesa del comando provinciale dei carabinieri, poco prima che venisse arrestato. Le frasi intercettate dai militari non lascerebbero alcun dubbio sul fatto che sia lui l’assassino di Luigi Ferrari ed Antonella Parente, i coniugi massacrati all’alba di martedì nella loro camera da letto.

Per l’indagato, adesso, è arrivato il momento della verità. Alle 9.30 di questa mattina il giudice per le indagini preliminari Antonia Martalò si recherà in carcere per l’interrogatorio di convalida del fermo: toccherà a Tarantino decidere se parlare e raccontare cosa sia accaduto, oppure tacere, come ha fatto nel momento in cui i carabinieri l’hanno portato in caserma.

Le accuse formulate dal sostituto procuratore Giuseppe Capoccia sono quelle di omicidio volontario aggravato dalla crudeltà e rapina.

Le indagini, condotte dai carabinieri del Nucleo investigativo insieme con i colleghi del Norm di Campi Salentina, sono ora finalizzate ad accertare eventuali complicità. Per comprendere se realmente il Tarantino abbia fatto tutto da solo, o sia stato aiutato da qualcuno.

A scatenare la furia omicida, stando a quanto emerso fino ad ora, la sete di vendetta nei confronti dei coniugi, in particolar modo della Parente, secondo lui responsabile della fine della sua relazione con la nipote, conclusasi il 12 maggio scorso. Da quel giorno, l’uomo avrebbe iniziato a minacciare la sua ex, temendo che avesse un altro uomo; di recente, poi, avrebbe insistito affinchè la donna acquistasse la sua quota dei mobili della loro abitazione, per un valore complessivo di 2700 euro, poichè aveva bisogno di denaro.

Soldi che avrebbero dovuto essere impiegati per un viaggio in Croazia, dove il presunto assassino aveva detto di volersi recare.

È stata la figlia delle due vittime a raccontare agli investigatori degli screzi fra i suoi genitori e Tarantino, soggetto con problemi di tossicodipendenza, che ultimamente avrebbe in tutti i modi preteso denaro dalla madre. Determinanti, ai fini delle indagini, sono state le dichiarazioni di un amico del 51enne, il quale ha riferito che l’uomo gli aveva confidato la sua intenzione di fare un furto in casa della zia della sua ex, certo che la donna disponesse di ingenti somme di denaro custodite nella cassaforte.

La mattina dell’omicidio, dopo aver assunto cocaina,l’arrestato gli avrebbe detto di stare andando in casa dei coniugi. Prima di muoversi, però, si sarebbe impossessato di una scala, e di alcuni attrezzi da lavoro necessari per scardinare la cassaforte.

Probabilmente, Tarantino pensava di non trovare nessuno nell’appartamento: alla vista dei due coniugi avrebbe infierito su di loro con una violenza disumana, colpendoli ripetutamente con un corpo contundente, verosimilmente una piccola accetta. Dopo aver ucciso Ferrari e la Parente, avrebbe poi sradicato la cassaforte dal muro, pulendo nel lavandino gli attrezzi sporchi di sangue.

I carabinieri lo hanno rintracciato intorno alle 17 a bordo della sua auto, a Torre Lapillo. Durante un sopralluogo nella stanza del b&b dove il 51enne aveva soggiornato la notte precedente all’omicidio, sono state recuperate lenzuola intrise di sangue.

Di tutto questo, fino ad oggi, non ha voluto fornire alcuna spiegazione. Questa mattina gli sarà offerta un’altra occasione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie