Domenica 20 Gennaio 2019 | 02:36

NEWS DALLA SEZIONE

In Salento
Taurisano, dopo incidente chiede aiuto: il «soccorritore» tenta di stuprarla

Taurisano, dopo incidente chiede aiuto: il «soccorritore» tenta di stuprarla

 
A Castrignano del Capo
Beve in un bar detersivo al posto dell'acqua: asportato stomaco a 28enne nel Leccese

Chiede acqua in un bar e gli servono brillantante: asportato stomaco a 28enne nel Leccese

 
Vandali al Vanoni
Nardò, dalla finestra della scuola «piovono» sedie

Nardò, dalla finestra della scuola «piovono» sedie

 
Padre, madre e 2 figli
Famiglia dipendente dal web vive chiusa in casa per 2 anni e mezzo: incubo nel Salento

Famiglia dipendente dal web vive chiusa in casa per 2 anni e mezzo: incubo nel Salento

 
Nel Leccese
Strattona nonna 95enne per avere soldi per la droga: un arresto a Casarano

Strattona nonna 95enne per avere soldi per la droga: un arresto a Casarano

 
A Torre San Giovanni
Tenta rapina in farmacia con rasoio e scappa, arrestato 31enne salentino

Tenta rapina in farmacia con rasoio e scappa, arrestato 31enne salentino

 
Il movimento nel Salento
Melendugno: No Tap protestano in tute anticontaminazione

Melendugno: No Tap protestano in tute anticontaminazione

 
Nel Leccese
Copertino, incendio in capannone Fse: danneggiato treno merci

Copertino, incendio in capannone Fse: danneggiato treno merci

 
Il festival
Picturebook Fest: a Lecce arte e letteratura per ragazzi

Picturebook Fest: a Lecce arte e letteratura per ragazzi

 
All'ospedale Vito Fazzi
ospedale Vito Fazzi di Lecce

Polmone asportato senza aprire torace: super-intervento a Lecce

 
Parla Vincenzo Zara
Unisalento, Rettore: «Immatricolazioni in crescita»

Unisalento, Rettore: «Immatricolazioni in crescita»

 

Gallipoli, nei lidi niente musica dalle ore 21.30

di GIUSEPPE ALBAHARI
GALLIPOLI - A Gallipoli arriva l’ordinanza del sindaco Francesco Errico per regolamentare la movida. E tra i balneari tira aria di rivolta. Per i lidi balneari si stablisce che la somministrazione di bevande deve cessare alle ore 20 e le attività tutte alle 21.30, salvo sei deroghe nei mesi di luglio ed agosto. Per quanto riguarda sale da ballo e discoteche, si autorizza l’esercizio dell’attività dalle 19.30 alle 4 del mattino successivo
Gallipoli, nei lidi niente musica dalle ore 21.30
di Giuseppe Albahari

GALLIPOLI - Arrivano al traguardo le ordinanza comunali che disciplinano le attività di pubblico spettacolo negli esercizi pubblici e d’intrattenimento negli stabilimenti balneari, e dai gestori di tali ultimi arrivano subito polemiche e proteste. «C’è troppa gente che ha memoria corta - commenta il sindaco Francesco Errico - o forse non si aspettava che avremmo rispettato gli impegni assunti in prefettura, perché è questa l’unica e vera novità, rispetto a quanto aveva costituito oggetto di incontri e concertazioni con le categorie interessate».L’ordinanza relativa a sale da ballo, discoteche e luoghi all’aperto specificamente destinati a spettacoli o intrattenimento, autorizza l’esercizio dell’attività dalle ore 19,30 alle 4 del mattino successivo, con una tolleranza di mezz’ora funzionale all’evacuazione del pubblico. Negli esercizi pubblici di somministrazione di alimenti e bevande, concerti dal vivo e performance di disc jockey possono essere autorizzate solo dal venerdì alla domenica, e tutte le sere solo nella settimana di ferragosto, sino alle ore 1,30, ma con obbligo di sospensione tra le ore 14 e 16,30. Analoga sospensione vige per la diffusione musicale con strumenti meccanici, che può invece essere esercitata tutti i giorni fino alle ore 2. Le deroghe potranno riguardare singoli eventi o manifestazioni di particolare valenza. Le violazioni sono punite con sanzioni amministrative tra 25 e 500 euro; in caso di reiterazione nell’anno solare, con l’aggiunta della sospensione dell’attività.

Se per tale settore le linee guida sono dettate dal Testo unico delle leggi di pubblica sicurezza, nel caso dei lidi entra in ballo anche l’ordinanza balneare della Regione Puglia, che di norma prevede l’apertura tra le ore 7 e le 20,30 e, se autorizzati, anche dopo tale orario per servizi di ristorazione, bar ed altro; e prevede che durante il giorno possono diffondere musica per non più di 4 ore e nel rispetto dei limiti imposti dalla zonizzazione acustica.

L’ordinanza del sindaco Errico stabilisce che le somministrazioni di bevande alcoliche dovranno cessare alle ore 20 e le attività tutte alle ore 21,30, con tolleranza di mezz’ora per l’evacuazione del pubblico, salvo 6 deroghe nei mesi di luglio e agosto. Per le violazioni, le sanzioni pecuniarie sono analoghe alle precedenti, ma dettagliate le chiusure in caso di reiterazione: da 1 a 7 giorni per la prima violazione, da 8 a 30 giorni per la seconda e poi con la revoca dell’autorizzazione del lido, applicabile anche in caso di prime violazioni se particolarmente gravi. Il provvedimento è stato preliminarmente e formalmente avallato dalla prefettura.

Contiene novità punitive? Il sindaco non ci sta. «Abbiamo chiaramente anticipato quale sarebbe stata la linea dell’amministrazione durante un incontro con i rappresentanti degli operatori svoltosi a metà dello scorso marzo - ricorda - e i media anticiparono che la musica nei lidi sarebbe stata spenta. In quell’occasione ci fu chi sostenne che occorreva un protocollo d’intesa più stringente, rispetto a quello che la scorsa estate era stato disatteso proprio dai balneari. Qualcuno ha anche dimenticato che di tale regolamentazione si è parlato durante gli incontri in prefettura in presenza del procuratore della Repubblica dottore Cataldo Motta. Non sono i balneari, pertanto, a doversi meravigliare, semmai io a stupirmi delle loro contraddizioni e della loro memoria corta».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400