Giovedì 02 Luglio 2020 | 08:03

NEWS DALLA SEZIONE

l'indagine
Lecce, screening a tappeto nelle aziende pubbliche e private

Coronavirus, a Lecce screening a tappeto nelle aziende pubbliche e private

 
La tragedia
Porto Cesareo, turista veneta annega mentre fa snorkeling

Porto Cesareo, turista veneta annega mentre fa «snorkeling»

 
nel Leccese
Rapinarono supermercato a Monteroni: cc arrestano due persone

Rapinarono supermercato a Monteroni: cc arrestano due persone

 
il gesto
Lecce, Goffredo Fofi dona a Polo biblio-museale collezione di libri e dvd

Lecce, Goffredo Fofi dona a Polo biblio-museale collezione di libri e dvd

 
Malavita
Novoli, coltellata all'addome, grave un 26enne

Novoli, coltellata all'addome: grave un 26enne

 
L'incidente
Gallipoli, si scontra con un'auto e vola dalla bici: grave bimbo di 11 anni

Gallipoli, si scontra con un'auto e vola dalla bici: grave bimbo di 11 anni

 
Il Fenomeno
Lecce, furti nelle campagne vertice in Prefettura

Lecce, furti nelle campagne vertice in Prefettura

 
Il caso
Lecce, studenti hacker modificavano i voti del registro elettronico: 7 indagati

Lecce, studenti hacker modificavano i voti sul registro elettronico: 7 indagati

 
l'iniziativa
Sardine colorano strade a Lecce e Taranto per movimento «Black Lives Matter»

Sardine colorano strade a Lecce e Taranto per movimento «Black Lives Matter»

 
VERSO L'EVENTO
Omaggio a papà Chiuri con la sfilata di Dior in diretta streaming

Omaggio a papà Chiuri con la sfilata di Dior in diretta streaming

 
il caso
Lottizzazione abusiva e abuso d'ufficio: sequestro relais a Otranto, 7 indagati

Lottizzazione abusiva e abuso d'ufficio: sequestro relais a Otranto, 7 indagati

 

Il Biancorosso

SERIE C
Bari calcio, Frattali: «Nei playoff decisive energie mentali»

Bari calcio, Frattali: «Nei playoff decisive energie mentali»

 

NEWS DALLE PROVINCE

Materaoperazione dei CC
Matera, rubavano armi della polizia locale in diversi Comuni di Puglia e Basilicata, sgominata banda: 6 in manette

Matera, rubavano armi della polizia locale nei Comuni di Puglia e Basilicata, sgominata banda: 6 in manette

 
TarantoSocial news
Manduria, Emiliano e Zaia insieme per un brindisi alla festa di Bruno Vespa

Manduria, Emiliano e Zaia insieme per un brindisi alla festa di Bruno Vespa

 
FoggiaRilasciato in mare
Manfredonia, piccolo squalo si impiglia nella rete: salvato dai pescatori

Manfredonia, piccolo squalo si impiglia nella rete: salvato dai pescatori

 
PotenzaL'incontro
Petrolio lucano, Bardi: «Da Total 25 mln a progetto per droni industriali»

Petrolio lucano, Bardi: «Da Total 25 mln a progetto per droni industriali»

 
BariIl caso
Altamura, anziano scompare nel nulla: ritrovato morto dopo 24 ore

Altamura, anziano scompare nel nulla: ritrovato morto dopo 24 ore

 
HomeIn aula
Strage treni Andria-Corato, tecnici a pm: «Ben 146 errori come nel giorno del disastro»

Strage treni Andria-Corato, tecnici a pm: «Disastro sfiorato altre 146 volte»

 
GdM.TVLo spot
FASANO

La bellezza di Fasano in 90 secondi: il turismo a diversa velocità

 
Leccel'indagine
Lecce, screening a tappeto nelle aziende pubbliche e private

Coronavirus, a Lecce screening a tappeto nelle aziende pubbliche e private

 

i più letti

il caso

Lottizzazione abusiva e abuso d'ufficio: sequestro relais a Otranto, 7 indagati

Tutto ruota attorno a due vecchi immobili esistenti nella zona, vecchi dormitori militari. Dal recupero dei ruderi sarebbe nato il relais

Lottizzazione abusiva e abuso d'ufficio: sequestro relais a Otranto, 7 indagati

foto Toma

OTRANTO - Sequestrato il relais a due passi dal faro di Punta Palascia. Un paradiso delle vacanze sul quale sono franati sigilli e sospetti sulle autorizzazioni. Le accuse mosse dalla Procura sono contenute nelle 28 pagine del decreto di sequestro preventivo emesso dal gip Giovanni Gallo su richiesta del sostituto procuratore Alessandro Prontera. Il sequestro è scattato per il Palascia Wellness Relais. E sotto inchiesta sono finiti in sei. Si tratta del noto imprenditore Albino Merico, 66 anni di Santa Cesarea Terme, proprietario della struttura ricettiva; di Sergio Bono, 58 anni, di Santa Cesarea Terme, tecnico progettista e direttore dei lavori; di Giuseppe Tondo, 67 anni, di Otranto, responsabile dell'Area ambiente, protezione civile e pubblici spettacoli; di Emanuele Maggiulli, 54 anni, di Muro Leccese, responsabile dell'area tecnica dell'Utc di Otranto; Pietro Russo, 73 anni, tecnico collaudatore; Nicola Panico, 49 anni, di Ortelle, presidente del Parco Naturale regionale Costa Otranto-Santa Maria di Leuca e Bosco di Tricase per aver rilasciato il parere favorevole alla realizzazione del progetto di recupero di due fabbricati esistenti.

Tutto ruota attorno a due vecchi immobili esistenti nella zona, vecchi dormitori militari. Dal recupero dei ruderi sarebbe nato il relais. Ma i percorsi amministrativi che hanno scandito i lavori - secondo gli accertamenti svolti dalla Procura - sarebbero sospetti. Insomma stando alle accuse i vecchi dormitori per truppa sarebbero diventati un lussuoso relais in assenza di permesso di costruire e di autorizzazioni illecite. I reati ipotizzati - a vario titolo - nei confronti dei sei indagati sono: abusivismo edilizio e lottizzazione abusiva, abuso d’ufficio e falso ideologico commesso da pubblico ufficiale.
Il relais è situato in una posizione privilegiata. Si legge nel provvedimento di sequestro: la struttura si colloca all'interno del Parco Naturale regionale Costa Otranto - Santa Maria di Leuca e Bosco di Tricase e si trova su un vasto pianoro sopraelevato rispetto al mare con viste mozzafiato soprattutto in direzione est verso Punta Faci, l'estremo più ad Oriente della penisola salentina dopo Punta Palascia. Posto e affaccio sul mare sono incantevoli. Ma secondo il pm, che ha coordinato le indagini del Nucleo Investigativo di Polizia ambientale, agroalimentare e forestale dei carabinieri, la realizzazione della struttura sarebbe stata viziata da illeciti e carte false. «Appare evidente che la realizzazione di una imponente struttura turistico-ricettiva è cosa ben diversa dal manufatto-rudere preesistente per dimensioni, sagoma, materiali utilizzati e destinazioni d’uso dei locali». C’è di più. Nel decreto di legge ancora: «La complessa evoluzione degli atti amministrativi delinea un accordo tra il committente e i tecnici comunali diretto a favorire a tutti i costi il primo attraverso autorizzazioni macroscopicamente illecite».
L’inchiesta è nella fase delle indagini preliminari. Quindi si tratta di sospetti. Vale la presunzione di innocenza: l’imprenditore Merico e gli altri indagati potranno respingere le accuse e chiarire l’operazione.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie