Martedì 07 Aprile 2020 | 05:45

NEWS DALLA SEZIONE

Il virus
Coronavirus, salgono a 9 gli anziani morti in Rsa in Salento

Coronavirus, salgono a 9 gli anziani morti in Rsa di Soleto in Salento

 
Parla la regista del videochoc
Calimera, «Io ho filmato il medico che picchiava l’anziano»

Calimera, «Io ho filmato il medico che picchiava l’anziano»

 
Due denunciati
Coronavirus, a Lecce sequestrate 6mila mascherine: rivendute con un rincaro del 400%

Coronavirus, a Lecce sequestrate 6mila mascherine: rivendute con un rincaro del 410%

 
I riti della settimana santa
I riti della Settimana Santa

In Salento Domenica senza Palme: si prega in diretta web

 
emergenza coronavirus
Lecce, 40enne positivo muore al Dea

Lecce, 40enne positivo muore al Dea: era stato uno dei primi contagiati

 
emergenza coronavirus
Lecce, slitta 51esima edizione «Premio Barocco»

Lecce, slitta 51esima edizione «Premio Barocco»

 
La novità
Nel parco sboccia il Fiordaliso di Punta Pizzo

Gallipoli, nel parco sboccia il fiordaliso di «Punta Pizzo»

 
emergenza coronavirus
Lequile, donate oltre 5000 mascherine «Made in carcere»

Lequile, donate oltre 5000 mascherine «Made in carcere»

 
emergenza coronavirus
Melendugno, positivi 2 componenti nave Protea, il sindaco: «Stop lavori Tap»

Melendugno, positivi 2 componenti nave Protea, il sindaco: «Stop lavori Tap»

 
la testimonianza
«Io, guarito dal Coronavirus oggi vedo un sole splendente», parla anestesista di Copertino

«Io, guarito dal Coronavirus oggi vedo un sole splendente», parla anestesista di Copertino

 
nel Leccese
Soleto, 55 contagi nella Rsa: la Procura apre un'inchiesta

Soleto, 55 contagi nella Rsa: la Procura apre un'inchiesta

 

Il Biancorosso

Storia biancorossa
Il magico aprile del Bari di Klas

Il magico aprile del Bari di Klas

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariL'ordinanza
Bari, sindaco ordina chiusura dei negozi a Pasqua e Pasquetta

Bari, sindaco ordina chiusura dei negozi a Pasqua e Pasquetta

 
BrindisiSolidarietà
Coronavirus, Eni dona mascherine e respiratori ad Asl di Brindisi e Taranto

Coronavirus, Eni dona mascherine e respiratori ad Asl di Brindisi e Taranto

 
PotenzaL'emergenza
Potenza, muore 77enne al San Carlo per Covid: fu il primo potentino ricoverato

Potenza, muore 77enne al San Carlo per Covid: fu il primo potentino ricoverato

 
TarantoDa mercoledì
Castellaneta, chiude ospedale per sanificazione: oltre 30 contagiati tra personale sanitario

Castellaneta, chiude ospedale per sanificazione: oltre 30 contagiati tra personale sanitario

 
LecceIl virus
Coronavirus, salgono a 9 gli anziani morti in Rsa in Salento

Coronavirus, salgono a 9 gli anziani morti in Rsa di Soleto in Salento

 
FoggiaI controlli
Carapelle, taglio e piega in casa delle clienti: denunciata parrucchiera

Carapelle, taglio e piega in casa delle clienti: denunciata parrucchiera

 
BatL'idea
Barletta, #Uscirnesipuò parte l’asta di beneficenza anti Covid-19

Barletta, #Uscirnesipuò parte l’asta di beneficenza anti Covid-19

 
MateraOltre l’emergenza
Matera, Festa della Bruna «Solo il carro e i pezzi all’asta»

Matera, per la Festa della Bruna: «solo il carro e i pezzi all’asta»

 

i più letti

al «fazzi»

Lecce, il paradosso del reparto di Odontostomatolgia: non ci sono posti letto «fissi»

Gli interventi in anestesia generale si possono effettuare solo due sabati al mese. Senza neanche un posto letto in Day Surgery

Lecce, il paradosso del reparto di Odontostomatolgia: non ci sono posti letti «fissi»

LECCE - Il paradosso dell’Unità Operativa di Odontostomatologia del Vito Fazzi: un reparto chirurgico nei fatti, ma senza posti letto fissi dedicati. Anzi. Senza neanche un posto letto in Day Surgery. Gli interventi in anestesia generale si possono effettuare solo due sabati al mese e si può contare su 4 posti letto per seduta operatoria dislocati in otorino. Un numero insufficiente considerato che le liste d’attesa spaziano da 8 mesi ad un anno. Minimo. Troppo se si pensa che ad usufruire di questo tipo di interventi sono prevalentemente pazienti non collaboranti con patologie spesso non rinviabili.

«La programmazione di un intervento di odontoiatria nei confronti di una persona con grave disabilità difficilmente è demandabile, poi da un punto di vista etico e deontologico dovrebbe essere risolto in tempi veramente rapidi, anche perché si tratta di pazienti che non riescono spesso neanche a manifestare l’entità del problema o del dolore» tiene a precisare il responsabile del reparto Raffaele Piccinonno. Il Fazzi di Lecce è una delle due strutture che in Puglia effettua interventi su pazienti non collaboranti collegata al SIOH (Società Italiana di odontostomatologia per l’handicap), l’altra è a Bari. A Lecce convergono pazienti da Brindisi, Taranto e da altre province del Sud Italia. Piccinonno, oltre ad aver contribuito alla stesura del manuale di Odontoiatria Speciale SIOH diffuso a livello nazionale, è un professionista esperto nel trattamento specifico di questo tipo di pazienti non collaboranti.

«Si tratta di un’utenza che richiede tempi e modalità completamente diverse dai normodotati» spiega. Da qui l’urgenza di reperire almeno due stanze da allestire con due posti letto ciascuna per il Day Surgery. Questi 4 posti letto contribuirebbero ad abbattere la lista d’attesa perché molti dei pazienti potrebbero essere trattati non in regime di ricovero ordinario, ma appunto in Day Surgery. 3.633 nel totale le prestazioni erogate nel 2019, anche ai normodotati, dall’Unità Operativa di Odontostomatologia, compresi interventi di chirurgia orale su tessuti molli e duri, biopsie ed altro. Dal primo gennaio al 13 febbraio del 2020 sono state già erogate 436 prestazioni. I ricoveri con interventi in anestesia generale nel 2019 sono stati 96. In anestesia locale 1.267. Per un totale complessivo di 3.990 prestazioni. La storia. Il 20 dicembre del 2018 con la delibera n. 2791 è stato istituito il servizio di Odontoiatria Sociale presso l’Unità Operativa di Odontostomatologia del Fazzi.

Tra le altre cose la delibera in questione prevedeva l’istituzione di una equipe per tutti i servizi odontoiatrici, sia in regime ambulatoriale che di ricovero: Day Surgery, One Day Surgery o degenza ordinaria. Dei due medici in più previsti ne è arrivato solo uno. Assente all’appello anche l’igienista dentale richiesto. Ma non è tutto. La mancanza più grave è, come detto, quella dei posti letto in Day Surgery che non esistono. In sostanza nel corridoio di accesso alle sale dei due ambulatori odontoiatrici (ovviamente gli interventi chirurgici veri e propri si effettuano nelle sale operatorie con gli anestesisti) si accalcano pazienti in attesa o che sono stati già sottoposti ad intervento odontoiatrico, mamme UTIN e neonati. Nella stessa ala infatti ci sono anche le sale delle mamme UTIN e la divisione per i pazienti Thalassemici. Quotidianamente quindi si trovano fianco a fianco mamme che allattano neonati e pazienti odontoiatrici come anziani con ascessi. Una situazione che giornalmente causa grossi disagi e lamentele da parte dell’utenza. Ma di interventi in anestesia locale, generale o in sedazione se ne fanno tanti anche ai normodotati per diverse ragioni.

Un’eccellenza della sanità pubblica che con piccoli accorgimenti potrebbe essere messa nelle migliori condizioni per operare. Piccoli accorgimenti che garantirebbero grossi vantaggi all’utenza. Intanto il 9 gennaio scorso si è riunito il Gruppo di Lavoro “Salute Mentale” che ha discusso proprio di queste problematiche anche alla presenza delle Associazioni accreditate CCM e quelle dei familiari dei pazienti con disabilità. Gli stessi si sono dati appuntamento proprio in questi giorni per fare il punto della situazione. Un bilancio che però ancora non registra significativi interventi risolutori.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie