Domenica 24 Marzo 2019 | 16:31

NEWS DALLA SEZIONE

Il gasdotto
Tap, Conte annuncia: 30 mln per investire sul rilancio del Salento

Tap, Conte annuncia: 30 mln per investire sul rilancio del Salento

 
Agricoltura in protesta
Lecce, Coldiretti e Gilet arancioni a Conte: «Bisogna fermare disastro Xylella»

Lecce, Coldiretti e Gilet arancioni a Conte: «Bisogna fermare disastro Xylella»
Lui replica: «Andava fatto prima»

 
La visita
Patto Cnr-Eni sulla ricerca: il premier Conte in visita a Lecce

Firmato a Lecce patto Cnr-Eni sulla ricerca con il premier Conte
«Governo? Questa ultima esperienza» VD

 
Nel Basso salento
Incidente tra Casarano e Ugento: giovane motociclista perde la vita

Incidente tra Casarano e Ugento: giovane motociclista perde la vita

 
A san Cataldo (Le)
Bombe della Seconda Guerra Mondiale trovate su spiaggia in Salento: distrutte

Bombe della Seconda Guerra Mondiale trovate su spiaggia in Salento: distrutte

 
Al confine con San Donaci
Campi S.na, cade in un pozzo di 4 metri, 64enne salvato dopo ore dai pompieri

Campi S.na, cade in un pozzo di 4 metri, 64enne salvato dopo ore dai pompieri

 
A lecce
Violentò figlia minorenne, ambulante condannato

Violentò figlia minorenne, ambulante condannato

 
La foto
Scritta shock contro il vicepremier a Lecce: «Non sparare a Salve, spara a Salvini»

Lecce, la scritta shock «Non sparare a salve, spara a Salvini» è stata cancellata

 
La mobilitazione
Xylella, da domani presidio permanente degli agricoltori a Lecce

Xylella, da domani presidio permanente degli agricoltori a Lecce

 
Il caso
Lecce, truffe ad Inps e Agenzie delle entrate: due indagati

Lecce, truffe ad Inps e Agenzie delle entrate: due professionisti salentini arrestati

 
L'iniziativa
Salento, ecco i maratoneti spazzini: sport contro gli zozzoni

Salento, ecco i maratoneti spazzini: sport contro gli zozzoni

 

Il Biancorosso

SERIE D
Palmese - Bari: segui la diretta

Palmese - Bari: segui la diretta

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceIl gasdotto
Tap, Conte annuncia: 30 mln per investire sul rilancio del Salento

Tap, Conte annuncia: 30 mln per investire sul rilancio del Salento

 
TarantoAmbiente
Ex Ilva, Conte : «Sappiamo che il problema di Taranto è serio»

Ex Ilva, Conte : «Sappiamo che il problema di Taranto è serio»

 
FoggiaAnche lei premiata da Mattarella
È Rebecca, 10 anni da Lucera, l'Alfiere della Repubblica più giovane d'Italia

È Rebecca, 10 anni da Lucera, l'Alfiere della Repubblica più giovane d'Italia

 
MateraDroga
Coltivava marijuana in casa: arrestato 40enne nel Materano

Coltivava marijuana in casa: arrestato 40enne nel Materano

 
BrindisiIl caso
Cimitero privatizzato a Ceglie Messapica, la Lega: «È una cosa sospetta»

Cimitero privatizzato a Ceglie Messapica, la Lega: «È una cosa sospetta»

 
BatIl caso
Canosa, «Datemi i soldi per la droga» e minaccia gli anziani genitori: arrestato

Canosa, «Datemi i soldi per la droga» e minaccia gli anziani genitori: arrestato

 
Altre notizie HomeTra sacro e profano
Sannicandro di Bari, ecco i pentoloni di ceci per festeggiare San Giuseppe

Sannicandro di Bari, ecco i pentoloni di ceci per festeggiare San Giuseppe

 

Il caso

Tre infarti e un'emorragia: in Veneto 34enne salentina muore dopo il parto

La donna, Francesca Schirinzi, è deceduta all'ospedale di Oderzo, nel Trevigiano

Tre infarti e un'emorragia: in Veneto 34enne salentina muore dopo il parto

È morta nel momento più bello, dopo aver dato alla luce il suo secondo figlio. Tre infarti e una emorragia inarrestabile l’hanno strappata alla vita: Francesca Schirinzi, 34 anni, di Castrignano del Capo, è deceduta a quattro ore dal parto, all’alba di ieri, nell’ospedale di Oderzo, in provincia di Treviso. Stando a quanto riferito dai medici, niente avrebbe fatto presagire la tragedia. Il parto, all’1.41 della scorsa notte, è stato regolare, spontaneo e senza complicanze.
Due minuti dopo, però, la giovane donna ha iniziato ad accusare il primo malore.

Era felice, Francesca. A novembre, su Facebook, aveva dato a tutti l’annuncio di essere in dolce attesa, pubblicando l’emozionante foto profilo di un pancione stilizzato. Dopo gli studi in un istituto professionale, si era formata come estetista e si era sposata cinque anni fa, prima di lasciare il Salento. Era residente ad Annone Veneto, in provincia di Venezia, dove abitava assieme al marito, originario di Squinzano, e alla loro prima figlioletta di quattro anni. Lì in questi giorni l’aveva raggiunta la sorella, per aiutarla in questa fase.

La donna aveva portato regolarmente a termine la gravidanza. Solo poco prima del parto aveva registrato un problema di pressione alta. «Non era nota al reparto, la signora è venuta per le valutazioni preparto – ha specificato il direttore medico dell’ospedale di Oderzo, Umberto Gasparotto - Le è stato riscontrato un lieve rialzo pressorio, nulla di preoccupante, e per questo era stata avviata una blanda terapia artipertensiva. Non c’erano segni di gestosi né di altro che facesse presagire una evoluzione di questo tipo».

Stando alla ricostruzione fatta dalla direzione del nosocomio, due minuti dopo aver messo al mondo il piccolo, la 34enne è andata in arresto cardiocircolatorio. «È stata rianimata immediatamente – ha raccontato Gasparotto - e si è ottenuto un recupero sia dell’attività cardiaca che circolatoria. Sono state effettuate valutazioni strumentali e di laboratorio per verificare la situazione a livello cerebrale, toracico e addominale. Sono comparse poi perdite ematiche vaginali, per cui si è ritenuto di portare la signora in sala operatoria per capirne l’origine. Al termine della valutazione, ha avuto un secondo arresto cardiocircolatorio, poco prima delle 5. Si sono attivate nuovamente le procedure di rianimazione. Nel frattempo, il sanguinamento ha iniziato a diventare profuso. La signora ha avuto un ulteriore arresto cardiocircolatorio e, nonostante tutte le manovre, si è dovuto constatare il decesso, che è avvenuto poco prima delle sei». A nulla sono valse le trasfusioni per cercare di contrastare l’emorragia, inizialmente vaginale e poi più estesa, da più punti. A niente sono serviti i tentativi di rianimazione dopo il terzo infarto. Alle 5.55 di ieri, Francesca è morta.

Ora è in corso una indagine interna disposta dalla direzione dell’ospedale. «Stiamo cercando di raccogliere le informazioni – ha annunciato il dirigente medico – per capire cosa è successo, quali siano state le cause e se le manovre adottate fossero adeguate. Abbiamo chiesto anche noi il riscontro diagnostico».
La salma è a disposizione dell’autorità giudiziaria.
«In questo momento difficile siamo vicini alla famiglia e alla équipe sanitaria – ha commentato il direttore generale della Ulss, Treviso, Francesco Benazzi – Nel caso la famiglia lo ritenga opportuno, siamo a disposizione per fornire supporto psicologico».
I dati diffusi dall’azienda sanitaria trevigiana dicono che «in Italia la mortalità materna ha una incidenza di 8-9 morti ogni 100.000 parti.

La maggioranza dei decessi, il 68 per cento, avviene in occasione del parto e il 19 per cento durante la gravidanza». Ma questo consola poco la famiglia e l’intera comunità di provenienza. Francesca era figlia del calzolaio di Castrignano del Capo, “mesciu Mimmi”, molto noto in paese.
«Non si può morire così, dopo il parto, al giorno d’oggi. Siamo senza parole, l’amministrazione farà visita ai parenti al suo ritorno», ha commentato il sindaco Santo Papa. Castrignano attende la salma della giovane mamma e la sua famiglia, con il piccolo che fortunatamente sta bene e a cui è stato dato il suo nome. Quello che doveva essere un lieto evento si è trasformato in una terribile tragedia.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400