Giovedì 21 Febbraio 2019 | 08:45

NEWS DALLA SEZIONE

Il caso
Porto Cesareo, un pezzo di villa del pm su suolo demaniale. «Senza risposta da 50 anni»

Porto Cesareo, un pezzo di villa del pm su suolo demaniale. «Senza risposta da 50 anni»

 
Nel mirino della criminalità
Lecce, nuova «sfida» al prete antimafia Don Coluccia

Lecce, nuova «sfida» al prete antimafia Don Coluccia

 
Componente di una banda
Rubavano in case mentre i proprietari erano al mare, arrestato un barese

Rubavano in case mentre i proprietari erano al mare, arrestato un barese

 
In via Milizia
Scritte su sede Movimente 5 Stelle a Lecce, si segue pista anarchica

Scritte su sede Movimento 5 Stelle a Lecce, si segue pista anarchica

 
Nel Leccese
Distruggono macchia mediterranea per costruire edifici, due denunce a Porto Cesareo

Distruggono macchia mediterranea per costruire edifici, due denunce a Porto Cesareo

 
Nel Leccese
Galatone, droga nel circolo privato frequentato da pregiudicati: provvedimenti dei cc

Galatone, droga nel circolo privato frequentato da pregiudicati: provvedimenti dei cc

 
Verso il voto
Lecce, Salvemini strart: «Non permetteremo un ritorno al passato»

Lecce, Salvemini riparte: «Non permetteremo un ritorno al passato»

 
Nel Leccese
Ruba 200 libri antichi da casa di un anziano: denunciato a Taviano

Ruba 200 libri antichi da casa di un anziano: denunciato a Taviano

 
Sud Salento
L'accendino era in realtà un contenitore porta-droga: 8 segnalazioni nel Leccese

L'accendino era in realtà un contenitore porta-droga: 8 segnalazioni nel Leccese

 
A Lecce
Minore senza biglietto, autista non lo fa salire sul bus: denunciato

Minore senza biglietto, autista non lo fa salire sul bus: denunciato

 
La storia
Gallipoli, nigeriano sventa rapina in supermercato: titolare lo assume

Gallipoli, nigeriano sventa rapina in supermercato: titolare lo assume

 

NEWS DALLE PROVINCE

LecceIl caso
Porto Cesareo, un pezzo di villa del pm su suolo demaniale. «Senza risposta da 50 anni»

Porto Cesareo, un pezzo di villa del pm su suolo demaniale. «Senza risposta da 50 anni»

 
HomeLa decisione
Basilicata, Pittella fa marcia indietro: Trerotola è nuovo candidato centro sinistra

Elezioni in Basilicata, Pittella fa marcia indietro: al suo posto un farmacista

 
HomeDurante il comizio
Bari, la gaffe della leghista Tateo dal palco con Salvini: «Il Pd non aiuta i giovani a prostituirsi»

Bari, la gaffe della leghista Tateo dal palco con Salvini: «Il Pd non aiuta i giovani a prostituirsi»

 
BatIl caso
Discarica ad Andria, ecco il verbale del «via libera»

Discarica ad Andria, ecco il verbale del «via libera»

 
TarantoDecide il giudice del lavoro
Ex Ilva, ricorso Usb contro ArcelorMittal: udienza rinviata al 19 marzo

Ex Ilva, ricorso Usb contro ArcelorMittal: udienza rinviata al 19 marzo

 
BrindisiIl caso
Brindisi, sfiammata del Petrolchimico: nessun superamento dei limiti

Brindisi, sfiammata del Petrolchimico: nessun superamento dei limiti

 
FoggiaGuerra fra clan
Mafia, agguato per vendicare la morte del boss: un arresto a Foggia

Mafia, agguato per vendicare la morte del boss: un arresto a Foggia

 
MateraUn 21enne materano
Tenta di strozzare madre disabile per avere denaro, arrestato

Tenta di strozzare madre disabile per avere denaro, arrestato

 

Uscito dalla macchinetta

Lecce, beve espressino al bar e ingoia pezzo di metallo

Nello stomaco un oggetto metallico tondo: la donna è sotto controllo al Vito Fazzi

ospedale Vito Fazzi di Lecce

Beve un espressino in un bar, ingoia un oggetto di metallo e finisce in ospedale. Disavventura ieri mattina per F.R., 42enne di Lecce. La donna è stata costretta a ricorrere alle cure dei medici e a sottoporsi ai raggi e a una tac per accertare cosa avesse effettivamente ingerito. Nello stomaco si era infilato un oggetto metallico di forma tonda, appuntito, di una lunghezza di 16 millimetri fuoriuscito dalla macchinetta del caffè insieme alla miscela. Così come racconta la signora, questa mattina si era recata in un noto bar di Lecce per prendere un espressino in compagnia di due amiche. Mentre beveva il caffè ha avvertito un fastidio alla gola e ha chiesto un bicchiere d’acqua per alleviare il bruciore. «In quei momenti - racconta la signora - mi sono spaventata. Mi è mancato il respiro e ho iniziato ad avere un pò di tachicardia».

La donna, a quel punto, non ha perso tempo. Si è messa in macchina e autonomamente ha raggiunto l’ospedale “Vito Fazzi.” Qui è stata immediatamente visitata da un otorino che con una sonda ha cercato l’oggetto: la gola era tutta arrossata per via di qualcosa che aveva effettivamente grattato. La donna è stata sottoposta ad altri accertamenti. Prima ai raggi che hanno evidenziato la presenza dell’oggetto scivolato nello stomaco. Poi ad una Tac per verificare che il pezzo di metallo non avesse intaccato qualche organo.
Nel tardo pomeriggio la donna è stata dimessa. Dovrà ripresentarsi questa mattina in ospedale per sottoporsi nuovamente ai raggi e consentire ai medici di accertare se l’oggetto possa fuoriuscire autonomamente o se debbano intervenire chirurgicamente. Nel frattempo dell’accaduto è stato informato il gestore del bar. E non è escluso che la vicenda possa avere un seguito giudiziario. La donna, con il marito, ha infatti contattato l’avvocato Stefano Putignano per un parere legale.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400