Giovedì 23 Maggio 2019 | 20:43

NEWS DALLA SEZIONE

Senza lavoro
Povertà: a Lecce aumentano disoccupati in fila a emporio solidale

Povertà: aumentano disoccupati in fila a emporio solidale

 
È in prognosi riservata
Nardò, esplode distributore di bevande: grave operaio 23enne

Nardò, esplode distributore di bevande: grave operaio 23enne

 
L'omicidio nel 2017
Omicidio Noemi, troppe udienze: slitta Appello per ex fidanzato

Omicidio Noemi, troppe udienze: slitta Appello per ex fidanzato

 
Ingenti danni
Lecce, a fuoco villa di candidato Lega gestore di una spiaggia

Lecce, a fuoco villa di candidato Lega gestore di una spiaggia

 
La protesta
«Fascista!»: a Lecce cori e proteste contro il comizio di Salvini

I cori contro Salvini: a Lecce «Fascista!» e a Bari: «Vaff...»

 
La visita
Salvini a Lecce, striscione: «Benvenuto in terra accoglienza». Firmerà patto sicurezza urbana con Emiliano

Salvini a Lecce: «Benvenuto in terra accoglienza». Ma non mancano le proteste VIDEO

 
Il sopralluogo
Xylella, Centinaio: «Chiedo scusa alla Puglia per il voltafaccia dello Stato»

Xylella, Centinaio: «Chiedo scusa alla Puglia per il voltafaccia dello Stato» FT
Ulivi infetti anche nel Tarantino

 
Ambiente
Salento Ecoday: cittadini puliscono 18 aree, da Taranto a Otranto

Salento Ecoday: cittadini puliscono 18 aree, da Taranto a Otranto

 
Verso il voto
Lecce, assalto al gazebo Lega in centro: una ragazza contusa. Martedì atteso Salvini

Lecce, assalto a gazebo Lega in centro Identificati 8 presunti autori Salvini: «Vergogna»

 
L'episodio
Leccese accoltellato a Pescara per rivalità calcistiche: sta bene

Leccese accoltellato a Pescara per rivalità calcistiche: sta bene

 
Il giallo
Novoli, fu trovata nel letto con la gola tagliata: c'è un indagato

Novoli, fu trovata nel letto con la gola tagliata: c'è un indagato

 

Il Biancorosso

L'INTERVISTA
Bellinazzo.: "Il Bari in serie A un affareVarrebbe tra i 70 e gli 80 milioni di euro"

Bellinazzo: «Bari in serie A un affare tra i 70 e gli 80 mln di euro»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl candidato
Comunali, Di Rella: centrodestra alternativa al declino

Comunali Bari, Di Rella: centrodestra alternativa al declino

 
MateraSanità
Ospedale Tinchi, il nuovo assessore si vergogna: non è dignitoso

Ospedale Tinchi, il nuovo assessore si vergogna: non è dignitoso

 
PotenzaStatale 653
Sinnica, riaperto dopo 3 mesi il tratto di Senise chiuso per frana

Sinnica, riaperto dopo 3 mesi il tratto di Senise chiuso per frana

 
BatLa sentenza
Appalto truccato Comune Trani: cinque assolti

Appalto truccato Comune Trani: cinque assolti

 
BrindisiNel brindisino
Latiano, solaio crollato: disposta chiusura scuola primaria

Latiano, solaio crollato: disposta chiusura scuola primaria

 
Tarantonel tarantino
Massafra, spacciano davanti a scuola: arrestati due 19enni

Massafra, spacciano davanti a scuola: arrestati due 19enni

 
LecceSenza lavoro
Povertà: a Lecce aumentano disoccupati in fila a emporio solidale

Povertà: aumentano disoccupati in fila a emporio solidale

 
FoggiaLo studio
Servizi pubblici: Foggia ultima in Italia

Servizi pubblici: Foggia ultima in Italia

 

i più letti

L’insediamento

Lecce, infiltrazioni mafiose e Tap le priorità del prefetto

Maria Teresa Cucinotta: «Un’altra zona rossa? Valuteremo»

Lecce, infiltrazioni mafiose e Tap le priorità del prefetto

LECCE - Tap, lotta alle infiltrazioni criminali, occupazioni irregolari. Queste le priorità che il prefetto Maria Teresa Cucinotta si è data per il suo incarico nel Salento. E ieri ne ha parlato con i giornalisti.
«Le priorità le detta il territorio - dice - e la prima sarà seguire l’evoluzione di Tap. Quindi, con una linea di continuità rispetto a quanto ha fatto il collega (Claudio Palomba, ndr), lotta alla criminalità dal punto di vista amministrativo, con un’attenzione particolare alle informative antimafia ai Comuni. È una provincia molto grossa e voglio esercitare al massimo delle mie capacità tutte quelle che sono le prerogative della Prefettura».

In particolare, per quanto riguarda Tap, il prefetto ritiene che «si debba lavorare in relazione a quello che sono le carte. Ci sforzeremo di eseguire le linee governative cercando di garantire la tutela dell’ordine pubblico, nostro compito specifico». Riguardo l’eventuale ripristino della cosiddetta «zona rossa», Cucinotta fa sapere che «verrà valutato in base alle esigenze che si verificheranno».
Dalla Tap al commissariamento delle pubbliche amministrazioni. «Il commissariamento dei Comuni, purtroppo, accade in tutte le regioni - ammette - adesso accade anche al Nord, perchè le infiltrazioni e la criminalità organizzata seguono i soldi, quindi è importante mantenere alta l’attenzione e quindi cercare di svolgere quell’azione di prevenzione che è il compito precipuo della Prefettura».

«La repressione dei reati contro la pubblica amministrazione è compito della magistratura - continua il prefetto - Noi valuteremo i reati che ci perverranno e lavoreremo in stretta connessione con la Magistratura. Ho già avuto modo di conoscere il presidente della Corte d’appello, del Tribunale, il Procuratore generale, il Procuratore della Repubblica proprio per continuare nel segno della collaborazione massima istituzionale, fondamentale per portare avanti una macchina amministrativa complessa ma soprattutto per dare risposte di legalità al territorio».
«Questa è una città delicata, con tematiche delicate - aggiunge - ma vedo che c’è un’atmosfera coesa, da tutti i punti di vista».
L’altra emergenza riguarda gli alloggi popolari. «Rispetto all’occupazione abusiva - ricorda il prefetto Cucinotta - c’è una direttiva molto precisa del Ministro che tutte le prefetture d’Italia stanno sviluppando. Sono in corso attività di censimento e di verifica, comune per comune, e poi si svilupperà l’attività consequenziale, con la valutazione di tutte le situazioni. Se sarà il caso faremo gli sgomberi ma prima è importante sviluppare un’attività conoscitiva di tutte le situazioni».
Forte dell’esperienza trentannale alla Prefettura di Palermo - «l’università delle Prefetture» - Cucinotta si prepara anche ad affrontare la questione del lavoro e delle numerose vertenze. «La questione occupazionale è prerogativa dei prefetti - conferma - Ne so qualcosa essendomi occupata della riconversione industriale della raffineria di Gela, in un contesto difficilissimo dal punto di vista del disagio sociale, economico e culturale notevole. Riguardo le questioni leccesi, mi sono fatta inviare le relazioni già prima di partire da Caltanissetta, per avere un quadro della situazione. Il dettaglio sarà affrontato volta per volta».

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400