Lunedì 21 Gennaio 2019 | 10:46

NEWS DALLA SEZIONE

L'appello
L'arcivescovo di Lecce Seccia con la Gazzetta: «Chi può intervenga»

L'arcivescovo di Lecce Seccia con la Gazzetta: «Chi può intervenga»

 
Il caso
Puglia, mafia nei rifiuti: dietrofront su Ercav

Puglia, mafia nei rifiuti: dietrofront su Ercav

 
Ulivi a rischio
Xylella alle porte di Bari: è allarme in sette comuni

Xylella alle porte di Bari: è allarme in sette comuni

 
Serie A
Basket, Brindisi Happy Casa batte la capolista Milano 101-92

Basket, Brindisi Happy Casa batte la capolista Milano 101-92

 
L'annuncio
Matera 2019, Bonisoli: «10 mln in arrivo per musei Lanfranchi e Ridola»

Matera 2019, Bonisoli: «10 mln in arrivo per musei Lanfranchi e Ridola»

 
Suicidio sospetto
Martina Franca, trovato impiccato a un albero. La moglie al pm: «Lo hanno ucciso»

Martina Franca, trovato impiccato a un albero. La moglie al pm: «Lo hanno ucciso»

 
La scoperta
Ruvo, donna trovata morta in casa dal suo compagno: indagano i cc

Ruvo, trovata morta in casa dal suo compagno: indagano i cc

 
Nel Nordbarese
Trinitapoli, duello a colpi di pistola in strada, un morto e un ferito

Trinitapoli, sparatoria da Far West in strada, un morto e un ferito

 
Serie D
Cittanovese - Bari: la diretta della partita

Il Bari perde l'imbattibilità. La Cittanovese vince 3-2

 
A San nicandro Garganico
Pregiudicato accoltellato nel Foggiano: indagano i cc

Pregiudicato accoltellato nel Foggiano: indagano i cc

 
Truffa nel Leccese
Alezio, estorce soldi ad anziano fingendosi il figlio di un vecchio amico malato

Alezio, estorce soldi ad anziano fingendosi il figlio di un vecchio amico malato

 

Atti vandalici

Deturpa con graffiti le dune rupestri della riserva di Torre Guaceto: denunciato

Il colpevole sarebbe un 31enne campano scoperto dalla guardia costiera

Torre Guaceto, deturpa con graffiti le dune rupestri della riserva: denunciato

Aveva pensato di dare libero sfogo alla propria vena artistica creando incisioni e graffiti sulle dune fossili di Punta Penna Grossa all’interno della riserva naturale dello Stato ed area marina protetta di Torre Guaceto, nel Brindisino. Per questa ragione i militari della guardia costiera di Brindisi hanno individuato e denunciato alla procura un uomo di origini campane che, nel periodo di vacanza trascorso in Puglia, e in particolare nello scorcio di paradiso dell’oasi di Guaceto, si sarebbe reso autore di una serie di reati che spaziano dal danneggiamento alla distruzione e deturpamento di bellezze naturali dei luoghi soggetti alla speciale protezione dell’Autorità oltre che di beni pubblici.
I segni sono evidenti, a parere degli investigatori, e non si tratta di arte rupestre bensì di danni irreversibili a carico di un’estesa superficie di un ecosistema del quale, sicuramente, i vandali ignoravano la specifica peculiarità. Le dune fossili, formatesi a cavallo di un arco temporale che va da 100.000 a 6.000 anni fa, costituiscono la naturale documentazione delle variazioni del livello del mare e della linea di costa verificatesi nel corso dei secoli. L’attività investigativa condotta dal personale della capitaneria di porto di Brindisi, è partita a seguito di una circostanziata segnalazione pervenuta dal consorzio di gestione di Torre Guaceto.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400