Lunedì 10 Agosto 2020 | 04:37

NEWS DALLA SEZIONE

nel basso salento
Cade da scogliera a Santa Maria di Leuca: ferito 61enne

Cade da scogliera a Santa Maria di Leuca: ferito 61enne

 
Il fatto
Ugento, colto da un improvviso malore si schianta contro le auto in sosta: muore 75enne

Ugento, colto da improvviso malore si schianta contro le auto in sosta: muore 75enne

 
Il fatto
Otranto, la barca si capovolge: salvati in sette

Otranto, la barca si capovolge: salvati in sette

 
Estate
Lecce, a Ferragosto ondata di turisti: si va verso il «tutto esaurito»

Salento, a Ferragosto ondata di turisti soprattutto italiani: si va verso il sold out

 
trasporti
Lecce-Roma, ad agosto Trenitalia aumenta i «Frecciargento»

Lecce-Roma, ad agosto Trenitalia aumenta i «Frecciargento»

 
nel Leccese
Pesanti offese a Mattarella sui social: carabinieri a casa di un salentino

Pesanti offese a Mattarella sui social: carabinieri a casa di un salentino

 
IL PROGETTO
Lecce, le mura urbiche passano al patrimonio comunale

Lecce, le Mura Urbiche passano al patrimonio comunale

 
CORONAVIRUS
«Ha contagiato i pazienti»: la Asl segnala il cardiologo a Procura e Ordine medici

«Ha contagiato i pazienti»: la Asl segnala cardiologo di Carpignano a Procura e Ordine medici

 
giornalismo
Rai, la salentina Marilù Lucrezio alla sede di Bruxelles

Rai, la salentina Marilù Lucrezio alla sede di Bruxelles

 
controlli anti-Covid
Marina di Nardò, zero distanziamento, dipendenti senza mascherine: un locale chiuso e uno multato

Nardò, zero distanziamento, dipendenti senza mascherine: un locale chiuso e uno multato

 
nel salento
Movida, a Gallipoli il sindaco pensa a vigilanti per controllare le spiagge

Movida, a Gallipoli il sindaco pensa a vigilanti per controllare le spiagge

 

Il Biancorosso

serie c
Troppi over, il Bari col bisturi  taglio chirurgico a ogni arrivo

Troppi over: il Bari col bisturi, taglio chirurgico a ogni arrivo

 

NEWS DALLE PROVINCE

FoggiaDopo 3 anni
Strage san Marco in Lamis, ricordati fratelli Luciani vittime innocenti della criminalità

Strage San Marco in Lamis, ricordati fratelli Luciani vittime innocenti
Emiliano: «La Puglia non dimentica»

 
TarantoOccupazione
Taranto, approvato piano straordinario di 315 assunzioni per Arsenale: l'impegno del Governo

Taranto, approvato piano straordinario di 315 assunzioni per Arsenale: l'impegno del Governo

 
Leccenel basso salento
Cade da scogliera a Santa Maria di Leuca: ferito 61enne

Cade da scogliera a Santa Maria di Leuca: ferito 61enne

 
MateraIl caso
Matera, questione Ztl: «Beffati ancora una volta i B&B»

Matera, questione Ztl: «Beffati ancora una volta i B&B»

 
PotenzaIl caso
Potenza, il Consorzio verso il crac. Stop a stipendi e servizi?

Potenza, il Consorzio verso il crac. Stop a stipendi e servizi?

 
Batverso il voto
Barletta, manifesti abusivi. È già polemica

Barletta, manifesti abusivi in spazi non ancora assegnati: è già polemica

 
Brindisil'appuntamento
Ceglie Messapica, domani sera il premier Conte ospite de «La Piazza»

Ceglie Messapica, il premier Conte ospite de «La Piazza»

 

i più letti

Cure innovative

Tumore alle vie biliari, a Casarano paziente salvato dall'elettrochemioterapia

Nel Leccese il dottor Roberto Chiavaroli ha sperimentato questa cura con un 73enne per cui non c'erano speranze

Tumore alle vie biliari, a Casarano paziente salvato dall'elettrochemioterapia

Il dottor Roberto Chiavaroli

Al «Ferrari» un intervento destinato a fare scuola. Il paziente, un 73enne salentino destinato a morte certa a causa di un colangiocarcinoma, gravissimo tumore alle vie biliari, è stato sottoposto ad elettrochemioterapia nel mese di giugno.
Ad effettuare l’intervento, primo caso in Puglia, è stato Roberto Chiavaroli, infettivologo ed epatologo, con alle spalle una lunga esperienza in ecografia interventistica.
Ad oggi non sono stati registrati casi analoghi che non abbiano previsto il ricorso alla laparotomia chirurgica, vale a dire l’apertura della cavità addominale.
A rendere ancora più eclatante l’intervento, la totale assenza nella letteratura scientifica di elettrochemioterapia applicata alle vie biliari. Gli unici quattro casi contemplati sono relativi a tumori epatici.
A beneficiare del primo intervento del genere al mondo, è un paziente con un tumore di 10 centimetri nelle vie biliari del fegato. L’uomo era stato giudicato inoperabile dai medici del Niguarda di Milano.
Persino le metodiche più recenti e meno invasive, come la termoablazione, non avrebbero dato alcun risultato, viste le dimensioni della massa tumorale.
L’unica alternativa risultava dunque l’elettrochemioterapia.
Sono stati gli oncologi di Gallipoli ad indirizzare il paziente al dottor Chiavaroli, in servizio agli infettivi di Galatina, che, d’accordo con il primario di chirurgia del «Ferrari», Ruggero Iandoli, ha avuto accesso alle sale operatorie dell’ospedale casaranese.
L’elettrochemioterapia o elettroporesi è una metodica innovativa, in grado di trattare tumori viscerali, al pancreas, al fegato, alla colecisti, quasi sempre inoperabili.
Nella zona interessata dal tumore vengono inseriti degli aghi elettrodi che, collegati ad un generatore, creano un campo elettromagnetico e trasmettono degli impulsi elettrici. Questi ultimi inducono le cellule ad aprire i pori, da qui il nome di elettroporesi. Iniettando un chemioterapico, a bassissimo dosaggio, il medicinale penetrerà nelle cellule tumorali ad alta replicazione in modo più semplice a causa della dilazione dei pori di queste ultime. Una volta al loro interno, il farmaco agisce nei mesi successivi all’infusione, senza intaccare le cellule sane.
Tutto bene quel che finisce bene, verrebbe da pensare. Eppure, senza la personale iniziativa del dottor Chiavaroli l’intervento non avrebbe avuto luogo.
Nel caso specifico l’Asl di Lecce ha dato il consenso al trattamento, nonostante questo non sia ancora standardizzato, tuttavia l’azienda non si avvale dell’apporto del dottor Chiavaroli come potrebbe. Infatti, nella Asl di Lecce non è attivo alcun servizio di epatologia interventistica. Lo stesso medico da anni lotta per l’istituzionalizzazione dell’attività alla quale può dedicarsi solo nei ritagli di tempo, dovendo garantire i turni nel reparto degli infettivi. Nonostante ciò, in dieci anni di ecografia interventistica, il dottor Chiavaroli ha effettuato oltre 250 interventi in termoablazione, metodica simile all’elettroporesi. Eppure i numeri e le ricadute sul territorio in termini sanitari ed ecomomici potrebbero essere ben altri.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie