Martedì 20 Agosto 2019 | 14:41

NEWS DALLA SEZIONE

A Torre Lapillo
Lecce, turismo e prezzi: scoppia la polemica della frisella

Lecce, turismo e prezzi salati: scoppia la polemica della frisella

 
Malendugno
Torre dell'Orso, si tuffa dalla falesia e finisce sugli scogli: grave 16enne

Torre dell'Orso, si tuffa e batte la testa sugli scogli: grave 16enne

 
a Melpignano
Gué Pequeno alla Notte della Taranta: «La pizzica come il rap è musica pop»

Gué Pequeno alla Notte della Taranta: «La pizzica come il rap è musica pop»

 
Il Blitz
Borgo Piave, cardellini-esca per i bracconieri e partono sequestri e denunce

Borgo Piave, cardellini-esca per i bracconieri e partono sequestri e denunce

 
Vandalismo
Lecce, distrutto il «Tempietto» di via Rubichi. L'ira del vescovo

Lecce, distrutto il «Tempietto» di via Rubichi. L'ira del vescovo

 
Vacanze vip
Gallipoli, attracca al porto lo yacht dell’emiro del Qatar

Gallipoli, attracca al porto lo yacht dell’emiro del Qatar

 
le «pagelle» arwu
UniSalento perde quota ma resta nella top 1000 delle migliori al mondo

UniSalento perde quota ma resta nella top 1000 delle migliori al mondo

 
Plastica bruciata
Rogo in un deposito di Lecce, ustionato 17enne: vvf all'opera per 5 ore

Rogo in un deposito di Lecce, ustionato 17enne: vvf all'opera per 5 ore

 
Nel Leccese
Galatina, incendio in cementificio: si teme inquinamento ambientale

Galatina, incendio in cementificio: si teme inquinamento ambientale

 
24-26 agosto
Lecce si prepara alla Festa di Sant'Oronzo: il programma e le info utili

Lecce si prepara alla Festa di Sant'Oronzo: il programma e le info utili

 

Il Biancorosso

L'ANALISI
Bari, le prove sono finitemanca una identità definita

Bari, le prove sono finite manca una identità definita

 

NEWS DALLE PROVINCE

BrindisiSu Instagram
Flavia Pennetta di nuovo mamma: ad annunciarlo sui social è Fabio Fognini

Flavia Pennetta di nuovo mamma: ad annunciarlo sui social è Fabio Fognini

 
MateraNel Materano
Montescaglioso, fuga di gas da una casa: salvata 89enne e sventata esplosione

Montescaglioso, fuga di gas da una casa: salvata 89enne e sventata esplosione

 
BariNodi critici
Crisi di governo, la Cgil lancia l’allarme Puglia: «Troppe vertenze aperte»

Crisi di governo, la Cgil lancia l’allarme Puglia: «Troppe vertenze aperte»

 
TarantoSequestrate dalla Guardia Costiera
Taranto, pesca di frodo: beccato con 20 chili di cetrioli di mare in auto

Taranto, pesca di frodo: beccato con 20 chili di cetrioli di mare in auto

 
PotenzaOperazione della Gdf
Reddito di cittadinanza: due furbetti scoperti nel Potentino

Reddito di cittadinanza: due furbetti scoperti nel Potentino

 
FoggiaL'INGV
Manfredonia, piccola scossa di terremoto sul Gargano

Manfredonia, piccola scossa di terremoto sul Gargano

 
LecceA Torre Lapillo
Lecce, turismo e prezzi: scoppia la polemica della frisella

Lecce, turismo e prezzi salati: scoppia la polemica della frisella

 
BatL'opificio
Trani, l’ex segheria diventerà un centro commerciale

Trani, l’ex segheria diventerà un centro commerciale

 

i più letti

Occupazione

Gallipoli, call center chiude: persi 113 posti di lavoro

Licenziati i dipendenti della progetto vendita. I sindacati: «Abbandonati dalla politica»

Gallipoli, call center chiude: persi 113 posti di lavoro

GALLIPOLI -  Il Salento brucia altri 113 posti di lavoro stabili. Tutti gli operatori telefonici con contratto a tempo indeterminato, impiegati da Progetto Vendita nella sede di Gallipoli, dal 4 settembre sono tornati a casa.
I licenziamenti, annunciati dal call center i primi di giugno, sono divenuti una realtà. La sede della Città Bella chiude quindi i battenti. Rimane aperta invece la struttura di Maglie che continuerà ad impiegare per un certo periodo di tempo i lavoratori subordinati, lasciando infine spazio ai soli operatori con contratto a progetto. Un centinaio in tutto.
Ai colleghi gallipolini è andata peggio. La procedura di licenziamento collettivo si è chiusa infatti, come previsto, con un mancato accordo. Da oggi in poi i lavoratori potranno contare solo sull’indennità mensile di disoccupazione, nell’attesa di trovare un altro impiego. Si spera altrettanto stabile.

A nulla sono valsi, quindi, i solleciti di incontro e la richiesta di soccorso lanciata dai sindacati alle istituzioni. Progetto Vendita non è riuscita a rinnovare il rapporto con la sua principale commessa inbound, Mediaset Premium, scaduto a fine giugno con buona pace di tutti.

La vertenza era arrivata anche sul tavolo del ministro del Lavoro, Luigi Di Maio, informato sul rischio dei licenziamenti dai due parlamentari salentini del Movimento 5 Stelle, Valerio Iuno Romano e Veronica Giannone. Il senatore e la deputata avevano raccolto le istanze e le lamentele dei lavoratori nel corso di un’assemblea sindacale, autoconvocata proprio nella sede di Gallipoli.

L’occasione giusta per togliersi qualche sassolino dalla scarpa. E ricordare i sacrifici compiuti nei periodi di crisi, i passaggi societari, il contratto di solidarietà, le difficoltà di dialogo con i responsabili della società. I sogni e i progetti di una vita normale, fatta anche di bollette e mutui da onorare, infranti sul muro del licenziamento.
«Alla fine è accaduto proprio quello che temevamo”, ha commentato, amareggiato, il referente Slc Cgil, Tommaso Moscara. Il sindacalista, insieme ai colleghi di Fistel Cisl, Gianni Bramato e di Uilcom Uil, Massimo Passabì, aveva tentato di richiamare l’azienda alle proprie responsabilità.

Le parti sociali hanno battuto più volte la strada del dialogo, ma a giochi fatti denunciano “un atteggiamento irresponsabile dell’azienda che si è sempre sottratta al confronto”.
«Questo atteggiamento è stato confermato anche recentemente, quando in Prefettura, alla presenza di esponenti del governo regionale, l’azienda ha tentato di coinvolgere un altro soggetto nel proprio business - ha chiosato Moscara -. Un incontro al quale è stata preclusa la presenza dei sindacati. Sembrava aprirsi uno spiraglio, ma in realtà il tentativo, i cui contenuti restano un mistero, è caduto nel vuoto».

A giugno Slc, Fistel e Uilcom avevano alzato il tiro della protesta con uno sciopero. In quell’occasione molte autorità politiche a vari livelli amministrativi, dal Comune al Parlamento, si erano impegnate a ricercare una soluzione: «Alla fine della partita, nonostante le passerelle, sono tutti scappati via, di ogni colore politico. Il sindacato è stato lasciato in completa solitudine a gestire una vertenza complicatissima», ha chiosato il referente della Cgil. 

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie