Domenica 05 Luglio 2020 | 05:46

NEWS DALLA SEZIONE

Maltempo
Pioggia e grandine a Casarano: le strade si trasformano in torrenti

Pioggia e grandine a Casarano: le strade si trasformano in torrenti. FOTO

 
Maltrattamenti sugli animali
Salento, turisti denunciano circo: «Elefante rinchiuso in un container al caldo»

Salento, turisti denunciano circo: «Elefante rinchiuso in un container al caldo»

 
La decisione
Lecce, riapre il reparto di chirurgia toracica al «Fazzi»

Lecce, riapre il reparto di chirurgia toracica al «Fazzi»

 
Il caso
Vernole, soccorsi giunti alla via sbagliata: donna muore

Vernole, soccorsi giunti alla via sbagliata: donna muore

 
Nel Leccese
Calimera, picchiano imprenditore per farsi consegnare 700 euro: arrestati fratelli violenti

Calimera, picchiano imprenditore per farsi consegnare 700 euro: arrestati 2 fratelli

 
Emergenza nel territorio
Le campagne in balìa delle bande. Maxi-furto sventato in extremis

Salento, le campagne in balìa delle bande: maxi-furto sventato in extremis

 
Enogastronomia salentina
Caprarica, riparte l’estate e torna in tavola sua maestà il tartufo salentino

Caprarica, riparte l’estate e torna in tavola sua maestà il tartufo salentino

 
Turismo fase 3
Cala del Ciolo

Salento, «Mare vietato e abbandonato»: il grido disperato da Gagliano

 
tragedia sfiorata
Lecce, bimbo di 4 anni azzannato per strada da cane: ferite profonde al volto

Lecce, bimbo di 4 anni azzannato per strada da cane: ferite profonde al volto

 
svanita nel nulla
Nardò, mamma 29enne scompare di casa: è giallo

Nardò, mamma 29enne scompare di casa: è giallo

 
operazione dei CC
Surbo, rubano auto e disattivano Gps: arrestati 2 specialisti

Surbo, rubano auto e disattivano Gps: arrestati 2 specialisti

 

Il Biancorosso

SERIE C
Bari calcio, Schiavone: «In campo sempre per vincere»

Bari calcio, Schiavone: «In campo sempre per vincere»

 

NEWS DALLE PROVINCE

BariIl ritrovamento
Auto, 200 pneumatici e bare abbandonati nel bosco di Gravina: sequestrati

Auto, 200 pneumatici e bare abbandonati nel bosco di Gravina: sequestrati

 
TarantoPolveri sottili
Arcelor Mittal, Bonelli: «L'inquinamento a Taranto è legalizzato. Indaghi la Procura»

Arcelor Mittal, Bonelli: «L'inquinamento a Taranto è legalizzato. Indaghi la Procura»

 
LecceMaltempo
Pioggia e grandine a Casarano: le strade si trasformano in torrenti

Pioggia e grandine a Casarano: le strade si trasformano in torrenti. FOTO

 
BatOccupazione e salute
Fase 3, Asl Bat proroga tutti i contratti degli Oss fino a gennaio

Fase 3, Asl Bat proroga tutti i contratti degli Oss fino a gennaio

 
PotenzaTemporali
Maltempo, 9 allagamenti nel Potentino: 9 squadre dei vigili del fuoco

Maltempo, allagamenti nel Potentino: 9 squadre dei vigili del fuoco a lavoro

 
FoggiaFine campagna
Foggia, il grano duro di alta qualità, ma allarmano le rese basse

Foggia, il grano duro di alta qualità, ma allarmano le rese basse

 
BrindisiI controlli dei cc
Brindisi, scovati 11 «furbetti»del reddito di cittadinanza : avevano percepito 44mila euro da febbraio

Brindisi, scovati 11 «furbetti»del reddito di cittadinanza : avevano percepito 44mila euro da febbraio

 

i più letti

Palazzo Carafa

Conti in profondo rosso
Salvemini vola a Roma

La crisi politico-amministrativa Malumori nella maggioranza: «Fa tutto da solo, cambi rotta»

 Conti in profondo rosso Salvemini vola a Roma

Fabio Casilli

La dettagliata relazione su entrate e uscite «reali» delle casse comunali potrebbe essere già stamattina sul tavolo del sindaco Carlo Salvemini. Che ieri si è allontanato da qualche mal di pancia interno alla sua maggioranza ed è volato a Roma, per un giro tra i ministeri interessati, allo scopo di capire quali margini di manovra consentono leggi e disposizioni in genere sui conti in rosso di palazzo Carafa. Il Comune spende più di quello che incassa. E lo stesso fa la sua principale società partecipata, la Lupiae Servizi, che ha chiuso il 2017 con una perdita di un milione e 372.668 euro.

Si cerca quindi una soluzione che riesca a tenere insieme il riequilibrio del bilancio municipale e la salvaguardia dei posti di lavoro della partecipata. Su cui si gioca, oltre alla partita contabile, anche quella politica. «Il sindaco salvi la Lupiae o non ha più ragion d’essere la nostra permanenza nella maggioranza», hanno più volte ripetuto i tre consiglieri di «Prima Lecce» Antonio Finamore, Laura Calò e Paola Gigante, pronti a tornare tra le file del centrodestra e tra le braccia del senatore della Lega Roberto Marti.

Coi primi dati che girano a palazzo, oggetto della relazione che stanno predisponendo i dirigenti Salvatore Laudisa (Bilancio), Emanuela Carratta (Tributi) e i funzionari Fernando Maggiore e Diego Mazzotta, si parla di numeri da dissesto o, se dovesse andar bene, da pre-dissesto. Nella capitale, pare accompagnato dall’onorevole Francesco Boccia, deputato del Pd e super esperto di bilanci, Salvemini ha illustrato quei numeri e cercato consigli sulle strade da percorrere. Di sicuro, non ha intenzione di dichiarare il dissesto, ovvero il fallimento del Comune, con tutto quello che comporterebbe: servizi ridotti all’osso, tasse al massimo ed eliminazione di premi di risultato e salari accessori per dirigenti e dipendenti comunali. Per non parlare della Lupiae che, col dissesto, finirebbe di esistere con tutti i suoi 276 lavoratori. Ecco perché sarebbe allo studio un Piano di risanamento dei conti che, tra tagli e sacrifici, consentirebbe di spalmare su circa trent’anni la copertura dei debiti di palazzo Carafa.

Come ogni mercoledì, anche per oggi, a mezzogiorno, Salvemini ha convocato la sua Giunta, alla quale illustrerà le sue intenzioni e i risultati degli incontri avuti a Roma. Dopodiché potrebbe essere convocata una nuova riunione di maggioranza dopo quella di giovedì scorso, abbastanza accesa, all’hotel Leone di Messapia sulla Lecce-Cavallino.

A quell’incontro Finamore, Calò e Gigante non hanno partecipato. «Finora Salvemini ha tenuto le carte coperte e si è confrontato soprattutto con gli uffici del Comune», dice un esponente del centrosinistra allargato all’area di Alessandro Delli Noci. «Ora - prosegue il consigliere della maggioranza, che chiede di restare anonimo - il sindaco deve cambiare rotta e non fare tutto da solo o sarà rottura», spiega il consigliere della maggioranza. Non proprio un clima idilliaco, insomma. Entro la metà di questo mese si andrà in Consiglio con l’incognita dei numeri per la salvaguardia degli equilibri di bilancio: se la delibera non passa, si andrà dritti al commissariamento del Comune. E contemporaneamente si dovranno fornire risposte concrete ai pesanti rilievi mossi dalla Corte dei Conti al bilancio di palazzo Carafa.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

LE RUBRICHE

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzettaffari - Portale di annunci de La Gazzetta del Mezzogiorno
Gazzetta Necrologie