Giovedì 24 Gennaio 2019 | 14:27

NEWS DALLA SEZIONE

Le commoventi dichiarazioni
Ha una rara malattia ma è riuscito ad andare in Erasmus: la lettera di un giovane salentino

Ha una rara malattia ma è riuscito ad andare in Erasmus: la lettera di un giovane salentino

 
Nel Leccese
Porto Cesareo, furto al Comune nella notte, rubati soldi e carte d'identità

Porto Cesareo, furto al Comune nella notte, rubati soldi e carte d'identità

 
Si chiamava Gianluca Bisconti
Auto contro un palo nella zona industriale di Lecce: muore 32enne

Auto contro un palo nella zona industriale di Lecce: muore 32enne

 
Il picco
Influenza, Salento prepara 60 posti letto extra in ospedale

Influenza, Salento prepara 60 posti letto extra in ospedale

 
Caccia ai ladri nel leccese
Caprarica, irrompono nell'ufficio postale da un buco nel muro e rubano 18mila euro

Caprarica, irrompono nell'ufficio postale da un buco nel muro e rubano 18mila euro

 
Il caso
Lecce, a 12 anni accusò parroco di molestie, adolescente rivela di aver mentito

Lecce, a 12 anni accusò parroco di molestie, adolescente rivela di aver mentito

 
Uscito dalla macchinetta
Lecce, beve espressino al bar e ingoia pezzo di metallo

Lecce, beve espressino al bar e ingoia pezzo di metallo

 
Il caso nel Leccese
Nardò, microspie in sagrestia per diffondere i segreti dei fedeli in confessione: è mistero

Nardò, microspie in sagrestia per diffondere i segreti dei fedeli in confessione: è mistero

 
A Giuggianello
Rave party illegale in Salento: 5 denunciati per festa in capannone

Rave party illegale in Salento: cinque denunciati per festa in capannone

 
Nella notte
Tap, acqua contaminata: blitz delle Tute blu davanti ad azienda di Martano

Tap, acqua contaminata: blitz delle «Tute blu» davanti ad azienda di Martano

 
A Miggiano
Lecce, cade dal tetto di un capannone industriale: morto 72enne

Lecce, cade dal tetto di un capannone: morto 72enne

 

lecce

Maxi-sequestro di sostanze anabolizzanti e dopanti: 5 arresti

carabinieri Nas

LECCE - Un maxi-sequestro di sostanze anabolizzanti e dopanti del valore, sul mercato, di più di un milione di euro è stato compiuto dai carabinieri di Lecce. Secondo gli investigatori si tratta di uno dei maggiori sequestri di queste sostanze vietate portati a termine in Italia.

I carabinieri di Lecce e del Nas, in particolare, hanno fatto irruzione in un box auto di Corigliano d’Otranto, nel Salento, dove hanno trovato migliaia di confezioni di sostanze dopanti e anabolizzanti come nandrolone e testosterone. Sono state trovate, in particolare, oltre 3.000 fiale e 500.000 pasticche. Nel corso dell’operazione, in flagranza di reato, sono state arrestate cinque persone. I militari hanno anche trovato 65.000 euro in contanti.

Tra i prodotti anabolizzanti e dopanti ci sono anche numerose fiale di ormoni equini della crescita tra i prodotti che, sul mercato, avrebbero un valore di oltre un milione di euro. Le sostanze risultano provenire per lo più da Paesi dell’Europa dell’Est, ma anche dall’India e dagli Stati Uniti.

I cinque destinatari dei provvedimenti cautelari emessi dal pm Luigi Mastroniani sono: Luigi Sfragara, 31enne di Galatina; Valeria Chirilli, 24enne nata a Scorrano e residente a Cursi; Alessia Esposito, 29enne di Gallipoli; Daniele Morello, 22enne di Gallipoli e residente ad Alezio e Stefano Nunziato, 33enne nato a Savigliano in provincia di Cuneo e residente a Melissano. Gli unici due, questi ultimi, a cui è stata applicata la custodia cautelare al contrario dei restanti che hanno beneficiato degli arresti domiciliari. Si tratta di persone per lo più incensurate. Due di loro risultano essere disoccupate. Devono rispondere di detenzione di sostanza stupefacente ai fini di spaccio, distribuzione di specialità medicinali ad azione anabolizzante nella pratica sportiva, ricettazione ed esercizio abusivo della professione di farmacista.

Le loro dichiarazioni saranno fondamentali per gli inquirenti per ricostruire l’arrivo e la destinazione finale di tutto il materiale sequestrato, prodotti per lo più classificati nella fascia degli stupefacenti, come il nandrolone e che provocano dipendenza fisica e psichica. Prodotti - hanno specificato gli investigatori - che possono portare alla morte e a danni irreversibili. Le sostanze rinvenute nel box garage di via Marconi sono di provenienza per lo più dall’Europa dell’Est, ma anche dall’India e dagli Stati Uniti: anabolizzanti, dopanti, ormoni maschili e femminili per la crescita, nandrolone in varie dosi e concentrazioni di principio attivo, di produzione cinese, inglese e moldava e ancora, ketamina, psicofarmaci, persino fiale di ormoni equini della crescita.
Quasi tutti i prodotti sono sprovvisti del certificato Aic, l'autorizzazione all’immissione in commercio. I carabinieri hanno trovato e sequestrato anche 75 mila euro in banconote di vario taglio, oltre 3 mila fiale e 500 mila pasticche. Sigilli anche a medicinali broncodilatatori, insulina, diuretici, integratori il cui utilizzo era evidentemente diverso dalle finalità originali. Una «farmacopea internazionale», come è stata descritta dagli investigatori, da destinare al mercato nero, materiale destinato con ogni probabilità al mercato clandestino di palestre e degli addetti alla sicurezza presso i locali di divertimento.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400