Venerdì 17 Settembre 2021 | 07:11

Il Biancorosso

Serie C
Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

Bari, il portiere Frattali rinnova fino al 2023

 

i più letti

a lecce

Sequestrarono disabile, arrestati avvocata e compagno

I due avrebbero portato via dal reparto di psichiatria una ragazza affetta da deficit per ottenere la revoca dell’amministratore di sostegno, nominato dal Giudice Tutelare, e l’assegnazione ad uno di loro dell’incarico

arresto

LECCE - Una avvocata di Lecce, Gabriella Cassano, di 47 anni, e il suo compagno, Fabio Degli Angeli, 48 anni di Carmiano, sono stati messi agli arresti domiciliari perché accusati a vario titolo di sottrazione, abbandono e circonvenzione di persona incapace, sequestro di persona, ed estorsione nei confronti di una ragazza affetta da deficit cognitivo e altri disturbi psichiatrici e di suo padre. La misura cautelare è stata disposta dal gip di Lecce, Alcide Maritati, ed eseguita da agenti della squadra mobile che hanno notificato ad altre persone che sono indagate per gli stessi reati anche il divieto di avvicinarsi ai luoghi frequentati dalla vittima e di comunicare con lei o con suoi congiunti.

Le indagini sulla vicenda sono cominciate nel gennaio scorso dopo che l’avvocata ed amministratrice di sostegno della ragazza ne aveva denunciato la scomparsa dal Reparto di Psichiatria dell’ospedale Vito Fazzi dove si trovava ricoverata.
Secondo l’accusa, erano stati i due arrestati a portarla via dall’ospedale conducendola in diverse abitazioni di loro proprietà tenendola sostanzialmente prigioniera e in pessime condizioni igieniche. La ragazza poteva uscire solo in compagnia dei due indagati e solo se loro volevano. Alla vittima veniva persino somministrato cibo in condizioni di tale precarietà igienica da indurle più volte conati di vomito. Lo scopo dei due era ottenere la revoca dell’amministratore di sostegno, nominato dal Giudice Tutelare, e l’assegnazione ad uno di loro dell’incarico per acquisire la gestione della pensione di invalidità e l’indennità di accompagnamento.
L’avvocatessa è accusata di avere anche minacciato il padre della vittima per ottenere una grossa somma di denaro a titolo di parcella per i servizi legali resi, prospettandogli altrimenti il pignoramento della casa e la prigione per cinque anni.

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400

Speciale Abbonamento - Scopri le formule per abbonarti al giornale quotidiano della Gazzetta
Gazzetta Necrologie