Venerdì 18 Gennaio 2019 | 06:38

NEWS DALLA SEZIONE

All'ospedale Vito Fazzi
Polmone asportato senza aprire torace: super-intervento a Lecce

Polmone asportato senza aprire torace: super-intervento a Lecce

 
A Guangzhou
«Casa solare» vince in Cina: nel team ingegnere salentino

«Casa solare» vince in Cina: nel team ingegnere salentino

 
Parla Vincenzo Zara
Unisalento, Rettore: «Immatricolazioni in crescita»

Unisalento, Rettore: «Immatricolazioni in crescita»

 
Lontano almeno 300 metri
Nardò, 75enne geloso picchiava la moglie: mi tradisce

Nardò, 75enne geloso picchiava la moglie: «Mi tradisce»

 
nel Leccese
Geloso della moglie, la picchia e minaccia per anni: nei guai un 75enne a Nardò

Geloso della moglie, la picchia e minaccia per anni: nei guai un 75enne a Nardò

 
Il progetto non decolla
Monteroni, stop all'università islamica: il Tar dà ragione al comune

Monteroni di Lecce, l'università islamica non si farà: il Tar dà ragione al comune

 
Il gasdotto
Tap, completato project financing per 3,9 miliardi di euro

Tap, completato project financing per 3,9 miliardi di euro

 
La nomina
Lecce, dopo le dimissioni di Salvemini nominato commissario ex prefetto Sodano

Lecce, dopo dimissioni di Salvemini nominato commissario: è l'ex prefetto Sodano

 
12 e 13 gennaio
BlaBlaBla Festival: a Trepuzzi contro le discriminazioni di genere

BlaBlaBla Festival: a Trepuzzi contro le discriminazioni di genere

 
L'incidente
Scontro sulla statale 275, muore58enne, coppia salvata dal rogo

Scontro sulla statale 275, muore
58enne, coppia salvata dal rogo

 
Nel leccese
Ruba in casa di una defunta durante il funerale: arrestato 23enne a Copertino

Ruba in casa di una defunta durante il funerale: arrestato 23enne a Copertino

 

melendugno

Sindaco e parlamentari grillini
nel cantiere del gasdotto Tap

Dubbi sull’imminente espianto di 488 ulivi. Potì: «Pronta una diffida»

Sindaco e parlamentari grillini nel cantiere del gasdotto Tap

MELENDUGNO - Sopralluogo del M5S nel nuovo cantiere del gasdotto. Ieri, una delegazione di parlamentari composta da Diego De Lorenzis, Daniela Donno e Leonardo Donno, hanno visitato, insieme al sindaco Marco Potì, il «cluster 5», uno dei tratti del tracciato, in località «Masseria Le Paesane», dove sono in corso le attività preparatorie per l’espianto di 488 ulivi. Presenti anche il consulente del Comune, Alessandro Manuelli e il comandante di Polizia municipale, Antonio Nahi.

La zona, dove sono in corso le attività preparatorie all’espianto, è stata appositamente recintata in questi giorni. Per consentire la delimitazione, è già stata emessa un’ordinanza prefettizia che vieta il transito in alcuni tratti di strade interpoderali che conducono al nuovo cantiere, fino alla mezzanotte di domani. Entro il prossimo 30 aprile, Tap dovrà eradicare 488 ulivi per posizionare parte della condotta. Questa volta, gli alberi non saranno trasferiti al sito di Masseria Capitano, ma saranno sistemati in vaso nell’area delimitata, per essere reimpiantati al termine delle attività. Ma per farlo Tap è in attesa dell’autorizzazione dagli uffici competenti: Upa e Osservatorio regionale fitosanitario.

«Abbiamo saputo che gli ulivi saranno reimpiantati fra giugno e luglio, una notizia che ci ha lasciato un po’ perplessi dal punto di vista delle buone pratiche agronomiche - dice il deputato, Diego De Lorenzis - venerdì scorso abbiamo incontrato il prefetto per chiedere la sospendere delle attività. La stagione turistica è alle porte e la sospensione renderebbe il clima più sereno. E poi, non c’è ancora il nuovo Governo. Ci potrebbe essere la possibilità di ridiscutere». Il sindaco Potì, preannuncia una diffida. «Il decreto Via del 2014 ha reso prescrittivo quanto messo nero su bianco nella prescrizione A29 – dice - Si parlava di spostamento delle piante fra dicembre e febbraio, ma con un decreto del direttore del ministero sono state accettate le proposte presentate a gennaio da Tap, dove si parla di stoccaggio a bordo pista e di spostamento fra novembre e aprile. Non credo si possa modificare quanto scritto in un decreto Via con l’atto di un direttore. Presenterò una diffida. È triste - prosegue - vedere alberi incappucciati circondati da filo spinato. Davanti ad un’inchiesta Tap dovrebbe agire con prudenza. Invece di accelerare, la locomotiva si dovrebbe fermare». Da Tap, si fa sapere che la delegazione ha assistito alla fase di preparazione all’espianto temporaneo. «Ci si è soffermati sulle tecniche e le cure che gli ulivi riceveranno fino al reimpianto - si dice in una nota - insieme alle tecniche di ripristino del paesaggio, in particolar modo dei muretti a secco». Intanto, si va avanti con l’incidente probatorio. Questa mattina in Procura sarà conferito l’incarico ai periti. [e.arm.]

Lascia il tuo commento

Condividi le tue opinioni su

Caratteri rimanenti: 400